Salta i links e vai al contenuto

La famiglia di mio marito, suoceri e cognate: come ho fatto a sposarlo?

Lettere scritte dall'autore  

Ciao, sto vivendo in una situazione terribile da più di 1 anno e mezzo…. giudicata e oso dire anche disprezzata dalla famiglia di mio marito e anche da mio marito. Tutto è andato peggiorando da quando è nata la mia bambina, anche prima pretese assurde del tipo a 8 mesi e mezzo di gravidanza ero obbligata ad andare a prendere il caffè da mia cognata la domenica (al quarto piano senza ascensore) perchè lei chiamava e mio marito doveva andarci per forza, io mi rifiutai e lui si arrabbiò con me tanto da lasciarmi uscire da sola e lui a rimanere a casa coi videogiochi il giorno dopo e oltre tutto non mi parlò più per giorni …. Poi quando è nata la bambina io e mio marito dovevamo stare a casa la domenica perchè l’intera sua famiglia doveva venire a trovarci; alla quinta domenica io mi son vista arrivare addirittura a pranzo mia suocera con 2 sacchi di roba da mangiare (piedini e orecchie di maiale in gelatina, polenta, sugo per la pasta… e oltretutto senza il minimo preavviso): non ci ho più visto e ho fatto una sfuriata. Cosa è successo? che mio marito da allora ce l’ha con me, le mie cognate mi dissero che dovevo portare rispetto alla madre e mio suocero che si era scocciato del mio modo di fare, ecc… poi piano piano tutto è andato peggiorando con altri avvenimenti molto anzi moltissimo più gravi che mi hanno portato a dire a mio marito che io non avrei mai più voluto vederli e che se mia suocera voleva far la nonna che venisse a casa nostra telefonando prima e che la bimba non sarebbe andata a casa sua… Cosa fa mio marito? Mi odia e vanta i suoi diritti di padre. Ho valutato la separazione ma ho il terrore che la mia bambina finisca nelle mani di quella gente che non sono assolutamente brave persone in tutti i sensi, nè per dare un’educazione a mia figlia nè perchè ci tengano e hanno seri problemi familiari tipo tentati suicidi per far capire; un giorno mia suocera mi disse “tu mi hai rubato mio figlio io ora devo rubarti il tuo” ed è questo il loro intento. Ho paura per la mia bambina e non riesco a uscire da questa situazione, devo evitare le liti in casa e lasciarmi mancare di rispetto da mio marito che lascia me e la piccola a casa per andare a mangiare dalla madre o dalle sorelle… La mia famiglia? Ha fatto di tutto per far ragionare mio marito parlandogli trattandolo come un figlio facendosi in quattro per fare i favori a lui quando ce ne era bisogno… Cosa ha fatto mio marito? “I tuoi son sempre in mezzo non li voglio più vedere” “i tuoi possono vedere la bambina e i miei no”. Come ho fatto a sposarlo? Ero molto innamorata e gliele ho date sempre tutte vinte, anche se a sentire lui è lui che ha fatto sempre quello che voglio io. Ho sbagliato, lo so, ma ormai è così e ho paura dell’affidamento congiunto e di tutto. Penso che può farmi bene sentire qualche altro parere. Ciao a tutti

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Famiglia

150 commenti

Pagine: 1 2 3 15

  1. 1
    raffaele -

    Cara la mia bax, io odio i parenti per questo motivo, sono andato a vivere da solo perchè le eventuali ragazze che potrei avere non devano sorbirsi la pesantezza di cognati, suoceri od altro.
    Anzi ho già avvisato mia mamma, che se rompe alla mia ragazza la prendo a calci in quel posto, le suocere vanno rinchiuse in una gabbia e lasciate li come le scimmie, incazzati e fatti valere, tuo marito se ne approfitta, sta molto bene a casa sua con mille donne che hanno attenzioni per lui.

  2. 2
    mari1 -

    bax
    scusa la franchezza..ma quanti anni hai? Ti comporti da mocciosa.
    Ma la vuoi smettera di fare la “guerrigliera piantagrane”? Smettila di proclamare dikat e ultimatum di vario genere.
    Ricorda che le parole più belle (in questi casi) sono quelle mai dette.
    La “quinta domenica” i parenti di lui, probabilmente volevano farti una sorpresa è per quello che non ti hanno avvisato.Perchè a tutti i costi hai scambiato per intrusione e violazione dei tuoi spazi un comportamento.normale?
    Datti una calmata..non rispondere più…cambia atteggiamenti e sii più remissiva..se semini vento..non puoi che raccogliere..tempesta.
    Comportati da persona “saggia” sii meno impulsiva e non vedere tutto nero.
    Non credere che la convivenza con altre persone di diversa estrazione sociale, a culturale sia difficile solo per te.
    Intanto si ci tieni alla tua famiglia ( figlia e marito) comincia a mettere loro a proprio agio e vedrai che piano piano raccoglierai i primi frutti positivi.
    Attenzione non ti sto dicendo di essere acconsenziente a ogni costo e remissiva fino alla sopraffazione..ma di comportarti da DONNA che come unico e prioritario scopo ha quello di “salvare la propria famiglia”.
    Saluti.

  3. 3
    claudio -

    Se e’ vero che non lo ami piu’ vattene di casa e divorzia. Tranquilla che la bimba non te la tolgono. Non e’ giusto quello che stai passando. La vita e’ una sola e m’incazzo quando qualcuno non la rispetta! Fatti valere!

  4. 4
    ChiaraMente -

    Che volessero farle una “sorpresa”o meno di solito è buona norma avvisare prima di presentarsi in casa altrui. Certo, cara Bax, che le sfuriate servono a poco in questi frangenti. O riesci con calma a mettere delle regole in casa tua o lasci tuo marito, questo è ovvio.Ma tieni la calma o oltre al danno subirai anche la beffa di sentirti dare della pazza.

  5. 5
    Ombra -

    tuo marito non è un uomo ma un imbecille!

  6. 6
    burney -

    cara bax , prima di tutto volevo farti notare una cosa : hai detto che nella famiglia di tuo marito ci sono stati tentati suicidi e questo di deve far capire che in quella famiglia non si “respira una buona aria” ; mi sembra che tu lo dicessi con un po’ di disprezzo nei confronti di coloro che hanno tentato il suicidio…sai io vengo dalla sezione “il suicidio” (se vai lì trovi qualche mio messaggio) . e quindi mi fanno un po’ arrabbiare tutti quelli che giudicano male coloro che pensano al suicidio ; probabilmente le persone della famiglia di tuo marito che hanno tentato il suicidio si sentivano risucchite in quella situazione pur essendo vittima e non avendo colpe . ma probabilmente mi sbaglio , sicuramente tu non hai nulla contro tutti coloro che pensano al suicidio (spero) . ora chiudo perchè altrimenti esco fuori tema e poi tu avrai altro a cui pensare .
    riguardo alla tua situazione penso di poterti dare dei consigli…metti tua figlia davanti a tutto e a tutti : è lei la cosa più importante ed è quella che ne può soffrire di più . capisco che tu amavi tuo marito , ma forse lui era ed è un po’ immaturo per pensare di fare il padre . penso che se potessi tornare indietro non ti sposeresti più e soprattutto non faresti una figlia , vero ? … vabbè , stai tranquilla , tutti se tornassimo indietro non faremmo tante cose . però puoi ancora rimediare . devi far capire a tuo marito che la sua nuova famiglia , quella che ha costruito lui , anche se quella sua da “figlio” c’è ancora ed ha sempre grande importanza , è la più importante e tua figlia viene prima di tutto…ed anche tu ! se vedi che nel giro di poco tempo la situazione non cambia , separati da tuo marito … certo , vivere in una famiglia separata non sarà facile per te e per tua figlia , ma di sicuro vivrà in un ambiente diverso , senza l’oppressione . non pensare che la famiglia di tuo marito possa cambiare ; quel tipo di persone rimangono sempre così , anzi possono soltanto peggiorare . penso inoltre che ,sicuramente, questo loro atteggiamento sia dovuto ad una forte ignoranza (senza offesa) . quindi cerca di modificare questa situazione perchè se pensi che possano cambiare loro è inutile . e poi chi ne pagherebbe di più sarebbe solo tua figlia … in fondo anche se non ti è andata come pensavi , tu l’hai scelta questa situazione , tua figlia no e non merita di soffrire per colpa di persone che non la amano . un’ultima cosa : qualunque cosa tu decida di fare , non aspettare molto ,perchè puoi peggiorare la situazione ulteriolmente e quando capirai che dovrai veramente muoverti potrebbe essere troppo tardi . un bacio bax , ciao

  7. 7
    burney -

    scusami bax , forse qualche volta non mi sono espresso come avrei voluto . prima di tutto ho detto :” tu amavi tuo marito…” , sicuramente lo ami ancora oggi …mi sono spiegato male . poi forse posso essere sembrato un po’ duro;. è solo che dalle tue parole si capisce che ami tua figlia , ma non sai bene come comportarti . lo so , sembra che i miei consigli siano abbastanza duri e che comunque qualunque cosa tu scelga non è mai buona . sicuramente tu saprai qual è la cosa migliore da fare . spero tu non mi abbia frainteso … mi piacerebbe aiutarti . se ti va questo è il mio indirizzo msn burney999@hotmail.it un abbraccio cara bax , ciao

  8. 8
    raffaele -

    Un’altra cosa Bax, la colpa non è solo degli uomini che si sposano in questo modo, ma anche delle mamme che sono troppo gelose e possessive, se gli uomini sono mammoni è anche colpa delle mamme che non sanno staccarsi dai loro figli, bisogna essere un po più animali, nel senso buono e istintivo intendo, dopo un po di tempo tutti devono arrangiarsi, mai visto come fanno i gatti con i piccoli ?

  9. 9
    La tua Stellina -

    Per Mari1….ma che caz… dici?!? Ma ha mai avuto il “piacere” di avere questo tipo di suoceri e per di più di marito?! Eh?! Impara a parlare solo se le cose le hai vissute sulla tua pelle prima di dare della mocciosa..

    Per Bax invece….posso dirti che capisco perfettamente la situazione in cui ti trovi e tutto ciò lo peggiora il fatto che tuo marito invece di imporsi o almeno di parlare con i suoi genitori, non faccia niente e al contrario si schiera contro di te. Sò benissimo cosa si prova e mi viene una rabbia dentro quando ci ripenso. Anche a me son successe le stesse cose, dal giorno in cui è nato mio figlio, mi hanno fatto soffrire tanto e soprattutto quante me ne hanno fatte, ma a loro dire loro non hanno mai fatto niente e hanno avuto anche il coraggio di dirmi che mi vogliono bene davanti ai miei genitori. Fatto sta che dopo 8 mesi che mio figlio era nato me ne sono andata a vivere fuori proprio per evitarli, e dopo quasi tre anni mi sono separata. Ora mio figlio ha 5 anni e sono quasi due anni che son separata. Sono stata per un anno senza vederli anche se abitiamo nello stesso paese e poi hanno avuto il coraggio di presentarsi a casa mia al funerale del mio papà, nonostante non mi reggessi in piedi avrei voluto sputargli in un occhio e cacciarli fuori di casa. Poi di nuovo niente e ora finalmente da alcuni mesi non ci salutiamo neanche dopo una bella sparata che gli ho fatto qualche mese fà. Io ho la “fortuna” di avere il mio ex marito che lavora fuori quindi vede il bimbo solo quando scende. Eppure il fatto che mio figlio stia a casa di queste persone che tra l’altro non gli hanno imparato mai niente di buono, non lo sopporto, soprattutto in quest’ultimo periodo che il mio ex si è trovato la fidanzatina e praticamente non ci sta mai con lui, lo lascia ai suoi genitori e lui si fa gli stracazzi suoi! Però credo che tutto questo finirà tra non molto perchè se tutto va bene mi trasferirò molto ma molto lontano da casa e finalmente riusciurò a togliermeli di sopra definitivamente.
    Fatti coraggio e non ti abbattere, un uomo che si comporta così non ti ama ed io ne ho avuto la prova, quindi non ci provare nemmeno a rassegnarti. Lo sò che ora ti sembra tutto difficile ma vedrai che piano piano e col tempo ne uscirai anche tu. La vita è una sola e siamo noi a decidere se viverla bene e al meglio o di merda. Cerca di fare la scelta giusta.
    Ti abbraccio forte..

  10. 10
    mari1 -

    xla tua stellina.
    la storia che hai raccontato si commenta da sola e di certo Bax saprà farne tesoro e ….decidere di conseguenza per il verso che più le si addice.
    Auguri

Pagine: 1 2 3 15

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili