Salta i links e vai al contenuto

Ex amante che ritorna

Lettere scritte dall'autore  

Ciao a tutti,
scrivo qui con la speranza che qualcuno possa leggere la mia storia. Ho bisogno di sfogarmi qui poichè non posso parlarne con nessuno.
Sono impegnata da 12 anni e sono felice della mia vita.
Un anno fa ho conosciuto un uomo molto particolare, o per meglio dire patologicamente malato, egocentrico, presuntuoso che non mi aveva attirato all’inizio. Il punto è che, sicura che quest’uomo non mi piacesse in quel senso, ci esco insieme (non posso spiegare i particolari, ma era per un motivo valido). Non so spiegarlo a parole, ma tra noi è scattata un’attrazione sessuale fortissima, tant’è che abbiamo iniziato a vederci 2/3 volte al mese solo ed esclusivamente per fare sesso. Nulla di più c’è stato, nessuno dei due si è innamorato. Però c’è da sottolineare che questa persona è un vero puttaniere, vuole tutte le donne ma poi nessuna, è un vagabondo ed è abituato a stare per i cavoli suoi. Di donne ne ha tante, ma ai tempi mi sentivo fortunata ad essere la preferita. Ad un certo punto lui vuole chiudere e io accetto senza dire nulla. Non avrei mai lasciato l’uomo che amo e che voglio vedere felice per lui. Lui che non sa impegnarsi, lui che mi avrebbe portata alla pazzia. La storia quindi si chiude e io mi riprendo abbastanza velocemente, anche se, dico la verità, mi sono portata dietro dei problemi psicologici pesanti per colpa sua.
Passa quasi un anno, io non dico di averlo dimenticato, ma non ci pensavo più di tanto, il giusto. Lui si rifà vivo. Ahi tasto dolente, cerco una scusa per non vederlo ma lui sa come fare, è il suo gioco d’altronde. Gli dico che va bene, possiamo vederci per un caffè e lui mi promette che non ci sarà altro. Mi sento più tranquilla anche se so che lui non è il tipo che si limita ad un caffè. Ci vediamo, andava tutto bene ma capisco che l’attrazione sessuale c’è ed è proprio forte. Non so come spiegarlo, è come se i nostri corpi facessero tutto da soli. Ci ho provato a non cedere, anche quando lui mi metteva le mani ovunque ho cercato di toglierle più che potevo. Niente, facciamo sesso e torna fuori tutta la sintonia di un anno fa. Finito tutto ci comportiamo come se nulla fosse. Io gli dico che per me non cambia nulla, che rimaniamo come eravamo. Lui mi fa delle battute e fa intendere che potrebbe esserci una prossima volta. Torno a casa e non mi sento in colpa (o comunque non ancora), ripenso tutta la notte all’episodio appena vissuto. Il problema è che il giorno dopo nella mia mente erano tornati tutte quelle sensazioni che provavo con e senza di lui agli inizi, tutto quello che ho provato io dopo la “rottura”. Ci ho ragionato su molto e mi sono detta che era solo sesso e che da lui non potrei mai e poi mai aspettarmi altro per com’è fatto e per cosa voglio io. Lui non mi ha più scritto, ovviamente, e non mi aspetto nemmeno un suo messaggio o telefonata. Se ci sono tornata a letto insieme sapevo perfettamente a cosa andavo incontro. Si farà più sentire? Non lo so, penso di no, anche se pensavo la stessa cosa anche un anno fa. Io non lo cercherò, come ho sempre fatto, non ha senso per me farlo. Una piccola parte di me forse lo vorrebbe, anzi, specifico, vorrebbe che lui mi volesse di più. Non ho intenzione di ricominciare quello che c’è già stato. Non è andata bene, non poteva, siamo troppo diversi e in più non c’è un sentimento che ci lega. Cosa devo fare? Dimenticare l’accaduto e dimenticare di nuovo lui (o meglio cercare di farlo)? Perché solo con certe persone c’è questo feeling sessuale? Non ho nulla in comune con lui, se non un solo interesse e il sesso. Non voglio rimanere appesa all’amo nella speranza che lui possa farsi risentire, ne soffrirei inutilmente. So che sembra facile dire “dimenticalo e pensa al tuo compagno”. Io sto bene con il mio uomo e non ci facciamo mancare nulla, l’aspetto sessuale va bene, non mi sono mai lamentata. Ma manca quella parte animale che solo con questo qui riesco a sentire. Parte proprio dal profondo, dalle viscere. Ora come ora cerco di pensare a quella sera come un episodio isolato e non mi aspetto di ricevere un suo messaggio, ne nel breve periodo ne mai. Nella mia testa voglio convincermi di non sentirlo mai più. Perché l’illusione è la cosa più brutta del mondo.
Scusate il monologo, grazie a tutti

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

19 commenti

Pagine: 1 2

  1. 1
    Bilionarie -

    Tu non c hai nessuna cazzo di forza di volontà!
    E neanche amor proprio! È inutile che dai la colpa alla altro che è egocentrico! Ti nascondi, ma tu sei un essere pensante e volente, oltre che dolente sempre per colpa solo tua!
    Solo sesso?! Ma tu hai anche un cervello o solo una vagina atrofica. Cioè è solo sesso perché eri in coma?
    Senti guarda. E inutile leggere il resto. Tu ti accontenti delle briciole! Credi di meritare solo quelle. Ti stai punendo o punisci qualcun altro insieme a te (ci provi, una madre per es.). Trova qualcuno che ti ami. A caso. Tenta. Per una questione di statistiche e di probabilità, prima o poi troverai un narcisista che ti faccia sentire amata, a patto che non gli rompi troppo i co...oni con i tuoi giochetti di insicurezza cronica!

  2. 2
    Michelle -

    Vorrei poterti rispondere senza giudicare, ma non posso. Invece di apprezzare e dare davvero valore a ció che hai, ti lasci prendere da ste cose senza senso e che potrebbero rovinare la tua relazione. Menti, nascondendo al tuo compagno quello che fai.
    L’unica cosa che ai miei occhi dovresti fare é raccontare tutto al tuo compagno, perché cmq lo rifarai. Magari anche il tuo compagno ha rapporti con altre persone, chi lo sa, e quindi potrete entrambi vivere la cosa apertamente. In caso contrario, avrá la libertá di lasciarti e di cercarsi qualcuno di diverso da te.

  3. 3
    ariel -

    Una storia banale la tua, come mille ce ne sono. Lui ti attira a letto perché ci sa fare. Ha avuto esperienze con mille donne dunque sa cosa piace a una donna: non è con te che c’è l’esperienza speciale, anche se per te lo è, per lui è uguale come quella che ha con le mille altre donne che vedrà anche contemporaneamente. Quindi non farti illusioni che lui ti ha scelta e sei la preferita le prossime volte che ti cercherà (lo farà), perché per lui sarai l’ennesima con cui fa esperienza, cioè ginnastica, per dirla con parole crude.
    Questi uomini non cambiano, questa è l’ultima cosa che voglio dirti. Non è un tipo che si innamora, né che vuol costruire cose serie. A lui piace la vita che fa, conquistare le donne e portarsele a letto. Non ti senti usata ora che ti ho fatto vedere chiaramente chi è? Non ti senti squallida a esserci cascata? Tradire il tuo uomo secondo te è renderlo felice? Penso che devi riflettere molto. Soprattutto sul fatto che non ami il tuo uomo. Ma puoi comunque scegliere la ragione, dandogli affetto, e anche essendo più sincera con lui (l’hai tradito). Poi sarà lui a prendere le sue decisioni. Così hai fatto solo il tuo bene e non di certo il suo.

  4. 4
    Yog -

    Fai benone a soddisfare i tuoi petitti sessuali, è così che si fa. Brava. Tanto non ti consumi mica e il cornutaccio non sa nulla, occhio non vede e cuore non duole (L’ECG lo può confermare). Buona ginnastica, tra l’altro vale anche come presciistica.

  5. 5
    Rossella -

    Ciao,
    l’uomo che hai descritto sembra una persona molto sensibile che salta da una storia all’altra per ristabilire la giustizia violata. Purtroppo esistono sentimenti ancestrali che vengono amplificati anche da tutta la giurisprudenza in materia di stalking e maltrattamenti in famiglia. Intendiamoci non ho niente contro il sistema giustizia… dico semplicemente che gli atti di violenza andrebbero prevenuti attraverso una strategia di tipo religioso che neutralizza ogni velleità d’azione degli sposi e riabilita il sentimento. Il sentimento viene vissuto come una forma di ribellione… il bacio rubato deve collocarsi all’interno di una scena che lo rende lecito agli occhi Dio e degli uomini. Ma tutto deve nascere da un accordo che non lascia spazio al desiderio. Il desiderio e la violenza di un gesto non voluto da entrambi (anche un regalo) diventa la causa dell’alienazione della benevolenza divina e dell’estromissione dalla compagine sociale. Si alimenta una rabbia che solo la ragion di stato può placare.

  6. 6
    Confusa30 -

    Spero con tutto il cuore che il tuo ragazzo lo scopri e ti lasci!

  7. 7
    Cricci1 -

    Mi fa piacere leggere commenti così, di persone che probabilmente non sanno nulla dell’amore.
    Io amo il mio compagno e l’amore non è annullarsi per l’altra persona, ma la voglia di percorrere la strada insieme.
    Chi non ha mai fantasticato su un’altra persona? In quanti sono rimasti totalmente fedeli ai propri compagni e compagne?
    Va beh, a prescindere da questo qualcuno ha scritto proprio il vero. Io non sono speciale per lui e molto probabilmente quello che prova con me lo prova anche con altre. Ho sempre saputo di non essere in cima ai suoi pensieri e alle sue priorità (ma nemmeno lui lo era per me). Detto questo, è così, io penso che tra noi ci sia un’attrazione unica ma è solo da parte mia. Per lui sono semplicemente un buco, scusate la volgarità.
    Grazie a tutti quelli che mi hanno fatto aprire gli occhi

  8. 8
    christian -

    Poverini i maschietti

  9. 9
    Yawn -

    “patologicamente malato, egocentrico, presuntuoso” – me lo fai conoscere? voglio imparare anche io come si fa a rimorchiare da matti essendo cosi’.

  10. 10
    Memore -

    Cito semplicemente le tue parole:
    ” Però c’è da sottolineare che questa persona è un vero puttaniere…… “.
    Hai perfettamente ragione.

Pagine: 1 2

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili