Salta i links e vai al contenuto

Esperienze di separazione

Lettere scritte dall'autore  

Ciao a tutti, è da parecchio che “frequento” questo sito, a volte scrivendo o commentando, altre semplicemente leggendo i racconti degli altri e durante questo periodo, di cambiamenti per me ce ne sono stati diversi.
Oggi sono qui perchè vorrei chiedere di raccontarmi, a chi l’ha vissuta, la propria esperienza del “distacco” da storie e persone con cui si ha condiviso la propria vita per molto tempo, da giovani o adulti, da sposati, conviventi o fidanzati, e dai quali poi, per decisione propria o dell’altro, ci si è allontanati, chiudendo storie che ci avevano accompagnato per tanti anni.
Vi chiedo questo perchè confrontando la mia esperienza con quella del mio attuale compagno (entrambi siamo la persona che ha preso la decisione di lasciare) trovo grandi differenze, alcune per me difficili da comprendere, e spererei, leggedo anche le esperienze di altri, di rendermi ancor più conto che ognuno è diverso nelle reazioni e nei comportamenti, ma non per questo la differenza è segno di errore o mancanza da parte di qualcuno.
So per esperienza che chiudere questi rapporti è doloroso sia per la parte che infligge la decisione sia, ovviamente, per quella che la subisce (anche se chi subisce non crede alla sofferenza dell’altro), e vorrei sapere come questa fase sia stata affrontata e vissuta da voi, in modo particolare da parte di chi ha preso la decisione e per quanto riguarda l’allontanamento, i dubbi, i sensi di colpa, l’affrontare le reazioni dell’altro, il mantenimento o meno dei rapporti e tutto ciò che ne consegue.
Ringrazio in anticipo chi vorrà condividere con me queste esperienze.
A presto…

L'autore ha scritto 6 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

8 commenti

  1. 1
    Noway -

    Ciao Ema..allora provo a raccontarti la mia esperienza. Sono stata fidanzata per quasi 9 anni con un ragazzo di 1 anno più grande di me, ci siamo conosciuti a 15 anni, inutile dire che per me era un punto di riferimento, una presenza essenziale nella mia vita.
    Ma piano piano, le cose per me sono cambiate, crescendo, mi sono accorta che quello che mi legava a lui era un profondo senso di attaccamento, non provavo più amore ma affetto, come se fosse il mio migliore amico, una presenza essenziale nella mia vita, ma non la persona con cui avere un futuro o una famiglia..
    Mille dubbi avevo in testa, la consapevolezza che magari essendo in un’età in cui le cose cambiano velocemente poteva solo essere un colpo di testa, un’insofferenza momentanea, la certezza, poi, una volta che anche nell’intimità le cose andavano peggiorando.
    Non potevo stare senza di lui ma contemporaneamente sognavo una persona che mi facesse veramente perdere la testa, e farmi sentire quel desiderio di creare una famiglia e un futuro con lui..così la decisione, di chiudere: all’inizio sembrava facile, mi sentivo felice di vivere una nuova vita, con una nuova persona che speravo tanto potesse arrivare presto. Poi la doccia fredda quando ho saputo del suo fidanzamento con una ragazza (forse per farmi ingelosire)..sono stata male, ho pensato se la mia scelta fosse quella giusta e infatti lo era, una volta liberatami da quel senso di attaccamento, abitudine, (comunque 9 anni sono tanti), ho cominciato serenamente a voltare pagina e ho conosciuto, dopo alcuni mesi, il mio attuale ragazzo.
    Non ho avuto più contatti con il mio ex, il ricordo che ho di lui è bellissimo, e gli auguro tutta la felicità di questo mondo, con la sua nuova ragazza.
    Le storie che si chiudono ci fanno capire qualcosa in più su noi stessi, sui nostri limiti, sui nostri errori e sulla nostra forza, di saper ricominciare.

  2. 2
    Ema -

    Ciao Noway,
    grazie per avermi risposto…se non sono indiscreta posso chiedere quanti anni hai? (io 31) te lo chiedo perchè mi fa piacere confrontare i nostri modi di ragionare sapendo a che fascia di età appartengono.
    Forse sai già qualcosa di me perchè mi pare di ricordare il tuo nome nelle risposte a Tofee (non so se ricordi, le rispondevamo tu ed io).
    In questo momento io sono dalla parte del tuo nuovo ragazzo, ma non sono arrivata come lui qualche mese dopo, bensì sono stata per il mio attuale fidanzato la “goccia che ha fatto traboccare” quel senso di attaccamento e non più amore di cui parlavi, e sicuramente per lui le cose sono un po’ più complicate visto che si è trattato di chiudere una storia di 10 anni di cui quasi 1 di matrimonio (anche lui ne ha 31).
    Come hai detto tu c’era attaccamento, abitudine, un enorme bene verso la persona con cui è cresciuto e a cui si è appoggiato nelle difficoltà (forse ancora di più visto che lei ha 6 anni di più e si sono messi assieme quando lui ne aveva 19).
    Penso che tutto questo abbia creato in lui tanta paura, mille domande da parte di tutti a cui dar risposte (a partire da se stesso fino ai suoceri), una gran senso di colpa verso di lei che ha sofferto moltissimo e che in ogni modo e per molti mesi ha provato a farlo tornare e, probabilmente vista anche la situazione legale, il suo percorso di allontanamento e di chiusura è stato molto più lento e a volte quasi ambiguo rispetto alla mia esperienza, e questo spesso mi ha messo in crisi, i loro contatti mi creavano malessere, a volte al punto da nascondermeli pur di non discutere, e molte volte questo mi ha fatto pensare che in realtà lui non volesse chiuderlo quel rappoprto.
    Io sono stata findanzata 12 anni ed anche per me è arrivato il momento in cui mi sono resa conto di non provare più amore, ma solo una sorta di “dipendenza” dal mio ex…non ero in grado di staccare da quella storia ed accettavo anche mancanze di rispetto da parte di lui che in pochi comprendevano.
    La forza di chiudere l’ho trovata solo quando ho ricevuto le attenzioni che non avevo più da tempo da un altro ragazzo (che non era il mio fidanzato attuale) e solo a quel punto ho avuto il coraggio. Per mesi il mio ex ha continuato a cercarmi ed io rispondevo per “cortesia e dispiacere”, ma non sono mai tornata indietro e non ho mai trascinato quella situazione.
    Ecco perchè ho scritto qui, per capire se chiudere col passato per certi è così difficoltoso, seppur sia ciò che si desidera.

  3. 3
    Noway -

    Ciao Ema, quest’anno dovrò compiere 26 anni..ho letto la tua storia e capisco le tue insicurezze e i tuoi dubbi, una cosa che accumuna molti uomini (certo, non tutti) è il non saper come reagire davanti al dolore di una persona..mi è già capitato di vedere ragazzi convintissimi nel voler chiudere una storia ma che vivevamo male e spesso con sensi di colpa l’inizio della nuova relazione poichè alle spalle si lasciavano la fidanzata piangente, triste e sola. Questo però è un sentimento che con il tempo svanisce, perchè mano a mano si abituerà alla nuova vita con te, ed è in questo che devi essere brava, a fargli capire e sentire che sei il suo presente.
    Forse non ho capito bene ma non ho letto da quanto state invece insieme voi 2 ..insomma se si tratta di pochi mesi, ok, io personalmente, anche se avevo preso la decisione di chiudere, ho notato che i vari sensi di colpa, di pensieri sul mio ex (nel senso di ricordi) sono finiti esattamente dal 6 mese in poi, ho sentito di aver veramente chiuso il capitolo e poter ricominciare.
    Si, per molti è difficile riuscire a prendere la decisione di lasciarsi, ma già il fatto che ha fatto la sua scelta significa che è un uomo intelligente e maturo, e poi io credo che alcune donne sono serpi (la sua ex) e magari fa apposta a fargli venire i sensi di colpa..mi raccomando sii presente e sostienilo

  4. 4
    Ema -

    Ciao Noway,
    noi stiamo insieme da circa 10 mesi, da quando lui ha deciso di chiudere la storia precedente, ma nei momenti di difficoltà spesso ci ripetiamo che se avessimo avuto la forza e la pazienza di aspettare che la loro fase di distacco (caratterizzata, credo giustamente, dal bisogno di entrambe di parlare e confrontarsi su quello che stavano affrontando) si fosse risolta definitivamente, le cose per noi due forse sarebbero state un po’ più semplici.. mi dice spesso che gli dispiace avermi fatto soffrire e che per evitarlo avrebbe dovuto esser stato capace di tenermi fuori da quella situazione, chiedermi di aspettarlo e aspettare che la separazione fosse conclusa… e in effetti è vero perchè tutta sta situazione spesso mi ha messo addosso un’enorme insicurezza.
    Comunque pian piano la situazione si è tranquillizzata, negli ultimi tempi i suoi sensi di colpa hanno iniziato ad affievolirsi, forse soprattutto perchè lei ha iniziato a tirare fuori un po’ di “cattiveria e vendetta” e non è apparsa più solo come la buona e vittima, e probabilmente la fase del loro distacco è arrivata verso la conclusione…
    Mi dici che devo sostenerlo e vorrei tanto esserne sempre capace, ma spesso non lo sono stata e anzi, molte volte l’ho attaccato perchè pensavo che i suoi comportamenti fossero quelli di una persona che non voleva staccarsi dal passato o non fosse siscuro di quella scelta.
    Mi dici anche che devo esser brava nel fargli capire e sentire che sono il suo presente, ma spesso ho paura di non riuscirci e quell’insicurezza che a volte mi sovrasta mi fa temere che lui possa rimpiangere la scelta che ha fatto… anche se quando ne parliamo lui mi rassicura sempre e mi dice che sembra io non voglia vedere quanto sono importante per lui e che nonostante tutte le occasioni per tornare indietro e tutte le situazioni accadute, lui è sempre rimasto accanto a me.

  5. 5
    Noway -

    Cara Ema, normalissimo che in un momento del genere tu non sia capace di essere presente al 100% nei bisogni del tuo uomo, perchè tu stessa hai necessità di sentirti rassicurata, tranquillizzata..la scelta il tuo lui l’ha fatta, quello che dovevano chiarirsi lui e la sua ex lo hanno fatto, ora cominciano i tempi migliori per voi e la vostra vita di coppia, in cui la ex si butta la zappa sui piedi con la sua vendetta e cattiveria, e tu ne esci come la ragazza modello che ha fatto la brava e ha sopportato per amore questa situazione.
    Ai suoi occhi apparirai come una persona dal cuore d’oro e presto si sentirà in colpa per quello che ha fatto passare a te, in questo periodo..poverino non che debba sentirsi per forza con addosso i sensi di colpa, però capirà quanti sacrifici e sopportazione hai avuto per stare con lui.
    Lasciatevi tutto alle spalle, ora si può davvero ricominciare.

  6. 6
    Ema -

    Cara Noway,
    mi ha fatto molto piacere parlare con te e ti ringrazio per le parole che mi hai scritto… spero sia davvero come dici tu…

    Sono contenta di essermi confrontata con una persona che mi è apparsa molto matura e mi sono quasi meravigliata che tu avessi 26 anni…spesso i discorsi di quell’età sono molto diversi…

    Ma tu perchè sei su questo sito, se posso chiedertelo?

    A presto… ciao ciao

  7. 7
    Noway -

    Ciao Ema, grazie mille per le belle parole, bè io sono su questo sito principalmente perchè ho cominciato a sentirmi un po’ sola, e saper dare qualche consiglio o parola di conforto è una cosa che mi tranquillizza molto e mi fa stare bene..ma anche perchè ho cominciato ad avere dei forti problemi con la suocera e le cognate, e in tutto questo il mio ragazzo non è mai riuscito a starmi vicino, non una parola di conforto, non un gesto..il problema per lui ero io e punto. Con il tempo, e sono passati un po’ di mesi da quando ho scritto questo mio problema, le cose sono venute a galla e sia sua madre che le cognate (fidanzate dei fratelli) si sono rivelate per quello che sono..cioè delle emerite str…ze!
    Io ho solo la delusione di aver visto un fidanzato completamente indifferente al mio dolore per colpa della sua famiglia, non mi è stato per niente vicino e non lo perdonerò mai per questo..ma come è possibile che vedi la persona che ami soffrire e non fai niente? Neanche un abbraccio..Ora vado avanti ma gli ho detto chiaramente che questa situazione mi ha lasciato con molti dubbi..E lui riesce a dirmi solo che non riusciva a vedere la madre come una capace di fare cattiverie..(mentre poi si è rivelata tale..) questa è una scusante? Bo dimmi tu..Comunque è acqua passata, il brutto è sentirsi soli anche con un fidanzao al tuo fianco..scusami se ti ho annoiata!! Se vuoi parlare anche al di fuori del sito ti lascio la mia mail nuvolamia82@yahoo.it

  8. 8
    Ema -

    Ciao Noway,
    mi dispiace per quello che è accaduto e capisco che sia spiacevole non sentire dalla propria parte la persona che si ha vicino…
    Spero che tra di voi le cose siano migliorate e che lui abbia capito di aver fatto degli errori… e soprattutto spero che i rapporti con la famiglia di lui possano diventare positivi…

    Sai, mi verrebbe da chiederti se proprio in queste situazioni di “scontro” col tuo nuovo fidanzato, ti sei mai ritrovata a pensare al tuo ex, e magari a rimpiangere alcune cose…

    Bo, spesso ho paura che il mio fidanzato si ritrovi con quei pensieri quando magari c’è qualche momento difficile tra di noi…

    Forse sono io che sbaglio ed esagero…sono troppo insicura già di natura e molti comportamenti che ha avuto hanno infierito ancora di più…
    tante volte ho avuto la sensazione di tenere distanti due persone che avrebbero voluto stare vicine… assurdo no? Del resto è stato lui a lasciarla…eppure la mia insicurezza spesso mi ha portato a pensare a questo…ma io in realtà non gli ho mai chiesto nulla, semplicemente di dirmi la verità di quello che accadeva, altrimenti di tenermene fuori finchè non avesse risolto tutto quanto…(ma sono sincera, spesso mi arrabbiavo quando era sincero nel dirmi cosa accadeva).
    E’ così difficile sai… a volte mi domando se tornando indietro col tempo mi sentirei di riaffrontare di nuovo tutto e spesso non riesco a rispondermi nettamente si!
    Diciamo che mi aggrappo al grande sentimento che provo per lui e al pensiero che la serenità per noi deve ancora arrivare…
    per ora c’è ancora da aspettare…per l’udienza bisogna aspettare ancora un mese e mezzo, ed ho una paura… anche delle sue reazioni… chissà come si sentirà lì davanti… chissà cosa proverà… chissà se si pentirà di tutto… bo?
    Quanto sono insicura… dovrei aver la capacità di vedere che lui ha fatto una scelta, ha deciso di stare con me, ha affrontato tutte le conseguenze e nonostante le paure, i dubbi che credo sia normale porsi, gli episodi accaduti e le innumerevoli possibilità di tornare indietro, ha sempre continuato a portare avanti quella decisione .
    Ed invece spesso in me prevale il pensiero che magari lui si sia pentito e abbia desiderato tornare indietro ma che ora lei non sia più disponibile…
    probabilmente però non starebbe con me…che dici?
    probabilmente se così fosse starebbe cercando di far di tutto per tornare da lei…e invece è con me.
    Scusa lo sfogo…ogni tanto mi prende così 🙁

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili