Salta i links e vai al contenuto

Ed ora, all’improvviso, penso a lei venti ore al giorno

Vi racconto la mia storia che sarà lunga, spero mi perdoniate
Sono sposato ho 52 anni ( ora ) e per motivi di lavoro accedo all’abitazione di una famiglia; lei 37 anni ( ora ) sposata con un figlio. Questo ha inizio nel 2003.
Per settimane la frequento solo per darle un aiuto professionale al suo caso, fino a che non nasce un semplice amicizia. Lei mi invita a prendere il caffè a casa, ci vado volentieri gioco con il figlio che all’epoca aveva 5 anni. Lei mi piace e mi accorgo che gli piaccio anch’io. Un giorno la bacio e mi sento dire come mai ho aspettato così tanto.
Siamo grandi abbiamo avuto un solo rapporto sessuale perchè aveva paura di rimanere incinta comunque molte ed intenze carezze. Questo è andato avanti sino al mese di ottobre del 2006. Un giorno forse incavolata per i fatti suoi mi ha rivolto un apprezzamento molto umiliante; ero a casa sua e decisi di andarmene.
Offeso di quanto successo non la richiamai più ed evitai di rivolgerle il saluto se la incontravo. Non ne sentivo assolutamente la mancanza. All’improvviso circa 2 settimane fa e senza alcun motivo apparente ho cominciato ad avere un qualcosa dentro che mi rodeva e pensavo e penso a lei 20 ore al giorno. Notti insonni cercando di mascherare e di nascondere con le altre persone cosa mi rodeva dentro ed il motivo di questo.
Non sapendo come comportarmi l’ho chiamata cercando di ricostruire con lei un amicizia. Durante la conversazione lei si è dimostrata gentile, ma rifiutando categoricamente ogni rapporto di amicizia in quanto la avevo offesa con il mio comportamento.
Dimenticavo di dire che durante questo periodo, si è ammalato mio padre per circa 2 mesi ed era una cosa grave; poi mia madre e ho dovuto assisterli entrambi ed infine a me avevano trovato un qualcosa di sospetto che fortunatamente si è rivelato nulla di grave. Quindi le mie energie, i miei pensieri erano altrove.
Ora io vorrei incontrarla spiegarle il mio comportamento cercare di ricostruire un amicizia, ma non so se faccio bene o male. In altre parole non so come comportarmi. Intanto continuo a stare male interiormente.
Vi ringrazio per ogni vostro commento, suggerimento o qunt’altro riteniate opportuno dire. Grazie.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

1 commento

  1. 1
    MASSIMO36 -

    Mi sembra che una famiglia c’e’ l’hai gia’! Cerca di dare tutte le attenzioni alla tua di famiglia se continui a pensare alla tipa combinerai un vero casino mi sembra gia che ti sei impantanato con lei fermati finche sei in tempo..te lo dico per esperienza non cercare di mantenere nessun tipo di rapporto e tutto sbagliato butta via il numero di telefono se è possibile allontanati anche professionalmente ripeto una famiglia c’e’l’hai già che ti vuole bene e di certo non merita che tu ti comporti in questa maniera scorretta e vile..comportati da uomo maturo. Non cercare di spiegarti con lei dei tuoi problemi lo so che vorresti mantenere un rapporto tranquillo di semplice amicizia ma credimi con una persona che ci si e coinvolti l’amicizia e soltanto un pretesto per starle vicino e vedere se si lega ancora a te!

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili