Salta i links e vai al contenuto

Dopo il dolore di una separazione

Ciao,
mi riferisco ad una lettera di Marzia qui pubblicata Cosa succede DOPO il dolore della separazione? nella sezione “amore”, nel lontano ottobre 2009. Sono separata da poco (3 mesi e mezzo), anche il mio è stato un abbandono cocente dopo 13 anni. Mi sono riconosciuta in ogni parola e in ogni emozione descritta da Marzia, senza neanche aver passato la fase di euforia cui accennava la lettera precedente. Sono passata dal dolore acuto per l’abbandono all’anestesia emotiva in breve tempo. Anche io comincio a trovarmi in uno stato catatonico a cui reagisco razionalmente ma che è fortemente impresso nella mia sensibilità emotiva. Anche la mia soglia di coinvolgibilità si sta alzando a livelli inauditi. Forse è troppo presto per tirare le somme di una fase, ma sono preoccupata e turbata al pensiero che questo stato (di ‘noia’, di assenza emotiva) possa caratterizzare il mio stato futuro per chissà quanto (per sempre?). Che mi sia precluso l’accesso a una vita non dico felice, ma almeno soddisfacente dal punto di vista della capacità di provare emozioni. Il mio lui non mi ha ricercata, ma anche io sento che l’uomo che ho amato disperatamente, che non ho cercato di trattenere per orgoglio e dignità, non esiste più, è morto, è andato via col suo carico di autocentratura e di desiderio di altrove, e a me è rimasto un cuore serrato in difesa e gelido, chiuso alla sensibilità. Non ho tanto paura di vivere senza di lui, ma accanto all’aridità di questo mio cuore. Mi piacerebbe sapere come si è evoluta la situazione emotiva di Marzia che, fra tanti cuori spezzati, ho avvertito come ‘sorella’, sia per le emozioni descritte, sia per il linguaggio usato per raccontarle. Se ci sei, Marzia, puoi rispondere?
Carolina

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Me Stesso

2 commenti a

Dopo il dolore di una separazione

  1. 1
    Aton -

    Stappa una bottiglia. Ma non di 13 anni, consiglio un bianco frizzante max di 1. Dopo 13 anni le storie d’amore sono come il vino: nella migliore delle ipotesi marsalate. Nella peggiore, in aceto. E poi a me i rossi più di tanto non vanno, eppure sono quelli che tengono meglio gli anni.

  2. 2
    Marchese -

    Vivi!! Chi non ci ama non ci merita!!

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili