Salta i links e vai al contenuto

Dannato lavoro: lavorare per vivere… non viceversa!

Lettere scritte dall'autore  Thelovecout

Buongiorno,
Sono un ragazzo di 30 anni e da un paio di anni ho una pretesa, lavorare per vivere e non viceversa.
Ho iniziato il mio primo lavoro sotto contratto come si deve a 21 anni, come guardia giurata (no, non fermo davanti ad una banca ma all’interno del caveau), crescendo a livello personale ma mai a livello economico.
Verso i 28 anni ho iniziato a sviluppare i classici desideri da “grande”, cioè avere una casa e farmi una famiglia ma il terrore di vivere tutta la vita a 1200€ mi ha bloccato inoltre, avrei voluto iniziare a lavorare per vivere e non viceversa. (mio padre non era mai a casa, per lavoro usciva alle 6 e tornava alle 20, tutta la vita così e ad oggi ancora lo fa a 63 anni)
Ho passato 7 anni della mia vita con una media di 12 ore al giorno, per guadagnare 150€ in più confronto alla paga sopra citata, arrivando a fine mese sempre risicato e senza permettermi mai nulla (non ho vizi, non fumo, non bevo, non vesto di marca, l’unica cosa che mi permetto è uscire a mangiare una volta nel weekend).
Gli affitti e le spese al nord sono quelli che sono, ho un’auto con 20 anni di vita che crolla a pezzi, seguo una dieta che è praticamente solo “riso e pollo” quindi anche per mangiare, non spendo granchè.
Fatto sta che ho mollato tutto, un pò per disperazione (ambiente pesante nell’ultimo anno), ed avevo trovato un lavoro, che ora definisco fantastico, ma a 40km da casa.. ed un paio di volte mi sono anche addormentato in auto nel tragitto di ritorno post notte.
Dopo circa un anno qui, con una paga nettamente maggiore (1600€ senza straordinarie), vengo contattato da un agenzia con una proposta che sapeva dell’incredibile, 6 ore al giorno su turni in ciclo continuo (fonderia).. mi sale l’entusiasmo incredibile, un lavoro dietro casa, risparmio 2 ore di viaggio e 2 ore di lavoro.. sai quanto tempo riesco a dedicarmi? è un’occasione imperdibile!
Quindi, lascio tutto ed arriva la sorpresa al mio arrivo al nuovo posto, 8 ore su 3 turni 1300€, reparto diverso da quello inizialmente discusso… mi crolla il mondo addosso e dopo 6 mesi mi sto ancora mangiando le mani per il primo lavoro..
Accetto un’ulteriore proposta da un’altra agenzia, ma mi ritrovo ad essere un automa, fermo immobile davanti ad un macchinario che sforna pezzi ogni 40/50 secondi, senza riuscire a fare una pausa caffè o una pisciata (passatemi il termine) perchè la pressa “deve produrre”.
Dovendo discutere ogni notte perchè “eh la pausa di notte non si fa, massimo 10 minuti”, quando abbiamo tutti mezz’ora da CCNL, ma NESSUNO ha mai fatto storie (cosa che ritengo incredibile)
Ho iniziato ad andare dallo psicologo e prendo gocce per l’ansia, perchè mentre lavoro mi vengono attacchi di ansia e mi è capitato di avere crisi di pianto..
Ora sono letteralmente disperato, sto mandando centinaia di CV ma purtroppo non ho grandi studi alle spalle, quindi le posizioni disponibili sono sempre le solite..
Volevo provare a prendere una laurea triennale ma, vista la situazione, ho anche paura di farla inutilmente..
La mia pretesa per un lavoro più remunerativo non è per fare il “signore” ma per permettere ai miei futuri figli (di sto passo semmai ne avrò) di avere un padre presente, di avere accesso ad una buona scuola, di poterli mandare in “gita” senza sentire discorsi sui soldi che mancano, di permettergli di coltivare le loro passioni o uno sport, di poterli mandare all’università senza dovermi impiccare..
So che molti mi diranno “c’è chi mantiene una famiglia con 1000€”, che è quello che ho vissuto io in infanzia e proprio per questo mi sto muovendo perchè non continui ad essere così.
Non pretendo di diventare ricco, ma di arrivare a fine mese senza dover controllare ogni giorno quanto c**o mi resta sul conto corrente.
Qualcuno che è riuscito a prendere in mano la propria vita.. ha qualche consiglio?
Vi ringrazio di cuore

L'autore ha scritto 3 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Condividi su Facebook: Dannato lavoro:  lavorare per vivere… non viceversa!

Lettere correlate a:

Dannato lavoro: lavorare per vivere… non viceversa!

Continua a leggere lettere della categoria: Lavoro - Me Stesso

7 commenti

  1. 1
    Bottex -

    Avresti dovuto tenere quel lavoro discretamente pagato a 40 km da casa. Col tempo avresti potuto anche aumentare la paga e magari, fare un mutuo per comprarti un appartamento in zona. Se, come dici, non sei uno che spende molto, la cosa è sicuramente fattibile, visto che il prezzo degli immobili oggi è basso. Anche perchè non penso che tu voglia vivere con i tuoi per sempre, no? Credo quindi che tu debba rimetterti in gioco e cercare ancora qualcosa del genere, un lavoro con una paga discreta senza badare troppo alla distanza. Capisco che è un rischio, ma va corso (anche io ho dovuto correrlo anni fa). Poi, come capisci anche tu, senza grandi titoli di studio non si può pretendere troppo.
    La laurea triennale io la lascerei stare. Piuttosto, se sei abituato ai lavori manuali, io ti consiglierei la scuola di saldatura. Lo so che saldare non è un gran lavoro, ma ti assicuro che un bravo saldatore è una figura ricercata, che trova sempre lavoro ed è anche molto ben pagato. Saluti.

  2. 2
    Thelovecout -

    Io vivo da solo da 9 anni… se finissi i soldi vivendo con i genitori sarebbe grave
    Comunque in realtà no, non sono abituato ai lavori esclusivamente manuali, anzi..
    Mi informo per il saldatore, grazie del consiglio

  3. 3
    Nikolas -

    Fissa nella mente un orario di lavoro e uno di viaggio che ritieni decenti (es. 6+1; 8+2 ecc), dopo di che candidati per quelle tipologie di impiego.
    Prima di scegliere sarebbe il caso di decidere cosa si vuole dalla vita.
    Anche il mettere su famiglia, si dovrebbe programmare in funzione delle possibilità del momento e non viceversa. Non è logico cercare di guadagnare di più al fine di potersi accasare..
    Il lavoro impegna una parte considerevole della propria esistenza, tanto vale farselo piacere prima di ogni altra cosa. Perché temo che il problema vero non sia tanto il “lavorare per campare o campare per lavorare”, ma proprio l’aver paura di vivere.

  4. 4
    Rosa -

    Io non sono laureata. Nell’altra vita coltivo un sogno orientale, senza grandi conflitti. In questa vita me ne sono capitate di tutti i colori. Non ti sto a dire. Faccio la segretaria e non chiedo di meglio perché mi rendo conto che questo atteggiamento di fatalistica rassegnazione mi consente di vivere l’azione nella storia in maniera costruttiva. Ti ripeto: non sono laureata. Ho mollato tutto perché non ce la facevo e lo scemare delle forze mi ha riconciliato con le arti belle e il mondo della cultura che combatte contro la nostalgia che gli suscito. Per il resto penso di essere stimata, ma non m’illudo perché trovo la felicità nei pensieri orientali. Ormai è così. Non so cosa mi riserverà la vita. Forse lascerò il posto fisso per tentare la strada dell’imprenditoria. Probabile. Ma senza laurea. Si deve andare avanti. Mi farei del male. Loro sempre combatteranno la nostalgia. Che strano! Io sono contemporanea. nei sogni orientali sembro una ventenne, io che ho superato gli anta da un pezzo. Mi sento ancora una ragazzina, pensa.

  5. 5
    Memina1985 -

    Cazzate che senza laurea non si va avanti. Io in Italia non ho mai visto un contratto di lavoro serio e sono laureata in Comunicazione Internazionale a Perugia. Sono andata in Inghilterra, ho iniziato come Au Pair. Adesso lavoro in Banca e ho casa di mia proprietà a Oxford. I miei figli hanno la nanny in condivisione con un’altra famiglia italo-inglese. Mio marito é britannico, é head chef in un hotel a 4 stelle. Ho anche i benefit/sussidi per i miei 3 figli. L’Italia é un paese che non ci ha voluti a molti italiani. Sennò non stavamo qui in Inghilterra.

  6. 6
    Thelovecout -

    Rosa
    Quando ti metti in proprio fammelo sapere 😀
    Anch’io ho tanti sogni ma poco cash, o forse coraggio, per buttarmi.

    Memina1985
    Io non dico che non si vada avanti senza laurea ma sto guardando tantissimi annunci di lavoro e il 90% di ciò che amerei fare richiede una laurea.. tutto qua, per quello l’ho introdotto nel mio discorso.
    Stavo valutando anche di mollare tutto ed andare all’estero ma in questo periodo purtroppo non è fattibile..

  7. 7
    Trader -

    Thelovecout, con tutto rispetto per te e la categoria delle guardie giurate, quella è una professione per chi non sa fare niente. Non cambia molto se lo fai in un caveau o fuori dalla banca. Non so cosa tu intenda per essere cresciuto a livello personale facendo quel mestiere.
    Discorso analogo per l’operaio generico che aziona una leva alla catena di montaggio. Se non ti specializzi, potrai solo ambire a fare lavori come rider, cameriere in gelateria, uomo delle pulizie, sfruttato e con stipendi che difficilmente superano i 1.300 Euro.
    Una laurea va bene, ma in una facoltà spendibile, tipo ingegneria. Lascia stare lettere o filosofia. Però non credo che ti convenga fare sacrifici per studiare per anni, sei già sulla trentina. Il saldatore è una buona idea, oppure vedi se riesci ad imparare qualche altro lavoro manuale. Gli artigiani guadagnano un sacco di soldi e hanno sempre lavoro. Io sono laureato in economia, esperto di mercati finanziari, ma non è una professione facile.

Lascia un commento

Massimo 2 commenti per lettera alla volta

Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili