Salta i links e vai al contenuto

Chiedo se qualcuno può darmi una mano per lavorare

Lettere scritte dall'autore  

Salve Gentilissimo Anonimo, mi chiamo Giovanni, ho 31 anni, abito in un paesino in provincia di Rieti, le sto scrivendo per spiegarle la mia situazione e  spiegarle anche il motivo per il quale mi stia rivolgendo ha lei.
Sono accompagnato con una donna fantastica che si chiama Marina di 29 anni ed è la madre dei miei due figli, Elisabetta di 13 anni e Raul di 5 anni.
Purtroppo mia figlia Elisabetta gli è stata diagnosticata la Sindrome di West con tratti di Autismo con Epilessia permanente a 8 mesi e da li abbiamo stretto i denti io e mia moglie e ci siamo fatti coraggio ad affrontare il problema.
Ho iniziato ha lavorare per un Consorzio ha 18 anni come Corriere e nel mese di dicembre 2011 inizio Gennaio 2012 mia figlia Elisabetta si è aggravata.
Siccome bisognava assisterla al Bambino Gesù di Roma in quel periodo ed io ero l’unico ha lavorare ma con il piccolo e il problema di mia figlia e mia moglie da sola non poteva farcela e siccome esisteva una legge che si chiama “Congedo Parentale” per assistere un familiare in grave condizioni retribuito dall’INPS, ne ho parlato con il mio datore di lavoro e lui mi ha capito ed ha detto che andava bene.
Un giorno mi arriva una chiamata dalla segretaria di lui per dirmi che il principale non era più disposto ad andare avanti e dovevo dimettermi.
A quei tempi avevo 20 mila euro da parte e per non stare ha discutere dopo che avevo tutti i diritti per legge avevo deciso di licenziarmi e pensare al meglio per mia figlia e sistemare le cose con il tempo…ma purtroppo non è stato così.
Nel 2013 mio figlio e stato sottoposto ha una visita Neurologica e Psicologica e gli anno diagnosticato un ritardo di linguaggio e di attenzione, dovuto dal fatto che abbia assimilato i modi e i gesti dalla sorella, ma per fortuna con un anno di terapia le cose dovrebbero andare ha posto anche perché non abbia avuto nessun problema neurologico come sua sorella.
I miei figli vanno ad un centro ha fare terapie diverse tre volte ha settimana e con questi problemi nessuno mi prende ha lavorare,perché nessuno si prende ha lavorare una persona con una un disabile a casa che dal momento che posso usufruire tre giorni al mese che si chiama “104” e il “Congedo Parentale” come avevo descritto sopra.
Sono andato ha chiedere una mano nel mio Comune, alla Assistente Sociale, al Sindaco, al centro dell’Impiego, al CAF, all’INPS, e le risposte sono state sempre le stesse di avere fiducia……
Ma quello che mi domando io e che un Privato non mi prende per i seguenti motivi, ma il comune ho un utente statale riuscirebbe ha farmi fare gli orari che io posso portare i miei figli ha fare Terapia.
Quello che gli chiedo se qualcuno mi può capirmi… e di darmi una mano per lavorare.
I soldi sono finiti e io non so più come fare ad andare avanti e sono 2 anni che sto in queste condizioni e se non avevo nulla da parte mi avrebbero tolti anche i figli.
Il motivo perché le sto dicendo queste cose e che 3 giorni fa il mio oroscopo diceva che una persona importante mi avrebbe dato una mano ha risolvere i miei problemi.
Ora la saluto e la ringrazio per avere perso del suo tempo.

L'autore ha scritto 3 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

- Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso - Salute

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili