Salta i links e vai al contenuto

Ho cercato di reagire, ma non è servito

Oramai sono passati 4 mesi dalla fine della mia storia.
Ho cercato di reagire, mi sono buttata sul lavoro, mi sono fatta forza e sono uscita spesso con le amiche, anche quando il mio unico desiderio era quello di sprofondare, di sparire per non sentire più questo dolore che mi dilania l’anima.
Nulla , mi è bastato incontrarlo per caso per ricadere nella più cupa sofferenza. Mi manca terribilmente, mi manca il non potergli parlare, mi manca non poterlo toccare, vedere.
Se avete un consiglio per favore datemelo perché non posso più continuare in questo modo.
Grazie a tutti!

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

11 commenti

Pagine: 1 2

  1. 1
    psYco -

    Ecco un caso di tossicodipendenza… vivere in funzione di un’altra persona… Il mondo è pieno di uomini (e di donne of course). Credere che la persona che ci ha lasciati sia L’UNICA PERSONA AL MONDO CHE CI RENDE FELICE è una stupidaggine. Certo, non dico che una persona non sia importante, non possa essere un punto di riferimento, non ci si possa contare. Ma non deve essere più importante di noi stessi nella vita di tutti i giorni. Lo specifico perché se si ama davvero una persona in caso di necessità ci si può sacrificare per un altro (vedi malattia, incidente, problemi vari) ma non può essere per tutta la vita. Rendere una persona esclusiva è semplicemente sbagliato. E se sparisce occorre farsene una ragione.
    by psYco

  2. 2
    Toroseduto -

    Visto l’effetto che ha ancora su di te,devi al più presto uscire da questa situazione. Come? E’ difficile ma non impossibile,anche se non dici come sono andate le cose,si può intuire che sia stato lui a mettere fine alla vostra storia.Allora devi ritornare forte,quella forza che è presente in ognuno di noi,anche se non ne siamo coscienti.Non ti suggerisco di dimenticarlo,sarebbe impossibile,io ho una certa età,e sapessi quante volte ho riaperto il libro della mia vita! Lo faccio ancora, ma con distacco, anzi non ho mai ripudiato l’amore,a qualsiasi età si è fatto vivo…ora per me, il mio passato è come l’aver letto tanti libri e avere un caro ricordo di ogni cosa,era amore. Ma il libro più bello è ancora aperto,anche se in modo speciale, resterà aperto per sempre.
    Se vuoi ritrovarti serena e disponibile,chiudilo questo libro,è finito,preparati a vivere nuove esperienze con più maturità,avrai sempre un libro più bello da leggere,ma devi predisporti a questo.
    Quindi fai tua la mia metafora, chiudi questo libro incompleto,può solo farti male. Riapri le ali,il mondo non è poi cosi brutto e così stretto. Buona fortuna mario

  3. 3
    Andrea -

    Ciao,
    io mi trovo nella tua stessa situazione, ormai sono 6 mesi da quando se ne è andata, siamo stati insieme 16 anni e abbiamo un figlio di 4. All’inizio è stata dura, mi sono buttato anche io nel lavoro e sono uscito, mi sembrava di stare bene….. Purtroppo però negli ultimi il cuore ha preso il sopravvento sulla ragione e sono ricaduto nel baratro. Sinceramente non so cosa si possa fare per uscirne, io cerco di fare le cose che mi piacciono, cerco di dedicarmi del tempo di “qualità”, però non è facile.
    Tutti mi dicono che il tempo aiuta, ne sono sicuro anche io, però quando stai male il tempo sembra non passare mai.
    Un abbraccio

  4. 4
    peperosa -

    l’unico consiglio che posso darti è di dare tempo al tempo e pensare soprattutto che se altri sono riusciti a superare tutto ci riuscirai anche tu……a me è servito tantissimo pensare che altri prima di me avevano vissuto la stessa esperienza…..e che se erano ancora vivi e vegeti……non si muore d’amore a meno che non si voglia lasciarsi morire…e allora l’altro diventa soltanto alibi delle nostre debolezze,insicurezze…perchè nessun essere umano vale quanto la nostra stessa esistenza…..te lo dice una che è stata mollata dopo 13 anni di fidanzamento all’improvviso e che poi ha scoperto che il suo lui dopo un mese già aveva presentato ai suoi l’altra….con cui evidentemente aveva già intessuto nel “mentre” del nostro rapporto una relazione….sono passati 10 mesi per me….e sarei bugiarda se ti dicessi che non ci penso piu’…anzi…non c’è giorno che io non lo faccia…e ci sono momenti che anche a distanza di tempo magari una lacrima solca il mio viso solo perchè magari nella vetrina di un negozio vedo qualcosa che so’ lui adorava…o se magari sento tra la folla il suo profumo…e questo è normale se hai amato qualcuno davvero….ma il suo ricordo diventerà sempre piu’ dolce…farà sempre meno male…..in compenso diventerai piu’ forte,consapevole di te stessa e del tuo valore…insomma tutto per dirti che io mi sento testimonianza vivente del fatto che non si muore d’amore….anzi,si possono riscoprire alcuni lati della vita piacevoli e spensierati…MA BISOGNA VOLERLO…..OGNI GIORNO….e quando il passato si riaffaccia alla finestra della nostra memoria bisogna pensare appunto che è passato…….E CHE IL FUTURO SARà MERAVIGLIOSO…insomma training autogeno!!!TUTTO DIPENDE DA TE E DALLA TUA VOLONTà! FORZA E CORAGGIO!

  5. 5
    Roberta -

    Non hai cercato di reagire ma ti sei abbandonata al fiume in piena che scorre da un cuore pugnalato quasi a morte…ed è giusto così…ogni storia che finisce è un piccolo lutto e và elaborato come tale…niente uscite con le amiche se non te la senti,ti darebbero consigli scontati,se sei qui è perchè vuoi consigli ma vuoi leggerteli con calma senza chiasso e in solitudine…penso sia la mossa più giusta per ripulirsi l’anima per poi riaffacciarsi alla vita e all’amore…se stai soffrendo vuol dire che hai amato e se hai amato puoi amare ancora…

  6. 6
    Kim -

    Ognuno ha i suoi tempi per dimenticare un amore e per smettere di soffrire. Sono passati 4 mesi, per qualcuno puó essere tanto, per altri poco, questo dipende dalle caratteristiche di ognuno di noi e per te non deve essere un problema.
    Quello che non avresti dovuto fare a mio avviso é di fuggire dal dolore presto, immergendoti nel lavoro e non pensarci. Come vedi ció non serve. Chiunque ti abbia detto esci e cerca di non pensarci, ha sbagliato. Il dolore si vive, si metabolizza. Solo cosí se ne esce prima…

  7. 7
    massimo -

    Sono nella tua stessa situazione, da un mese e mzzo, ho paura di vederla per strada, sto troppo male, non se ne esce in nessun modo…

  8. 8
    Sergio -

    come ti capisco.

    domani per me sono 3 mesi.
    ieri ci siamo incontrati per caso per strada e ci siamo parlati, sento ancora il suo bacio vicino alle mi labbra.

    sto morendo giorno per giorno

  9. 9
    Soffi0 -

    Se ne esce, se ne esce, caro Massimo!! E sai perchè? Perchè non hai scelta. L’alternativa non c’è, se non è scritto nel destino.
    Ora si tratta solo di tempo…può essere più o meno lungo…e di fortuna…puoi essere aiutato da amici, parenti, “angeli per caso”, o trovarti solo come un cane (come sta accadendo a me in qst momento)…ma che passi, quello è certo…nulla è fatto per durare per sempre…per fortuna (o per sfortuna, tutto dipende dalla dannata prospettiva!)

    Un grazie a Peperosa, classico esempio di “angelo per caso”…dai una grande mano senza saperlo a chi come me ha bisogno di sapere che la sensazione di solitudine è, per l’appunto, solo una sensazione!

  10. 10
    Eri -

    Sono anch’io nella vostra situazione, da due settimane il mio cuore è spezzato. Sono già stata molto male per amore in passato e so cosa implica il superamento del dolore, tanti fasi diverse, tutte importanti che ti portano un giorno a sentirti nuova.
    Questa volta però è diverso, è molto più difficile perchè credevo davvero di aver trovato la persona che cercavo da tutta una vita; quella con cui condividere passioni, emozioni, dolori, pensieri. Poi succede qualcosa e tutto cambia.
    Ora mi sento perduta, sola, impaurita, mi ronzano in testa mille pensieri che non riesco a scacciare, penso a cosa avrei potuto fare o dire, vorrei sentirlo, parlarci, ma so che è tutto inutile, perchè se un amore finisce, anche il più grande degli amori, è perchè non si riusciva più a comunicare tramite le emozioni ne a condividere la vita. Questo vorrei dire tutti voi, e ribadirlo a me stessa, la vita è fatta di cicli, di attimi, di momenti, nulla è per sempre. E’ su questo pensiero che forse dovremmo riflettere per sentirci un pò meglio e per iniziare pian piano ad accettare che torneranno altri attimi ed altri momenti speciali.
    Credetimi è difficilissimo per me dire questo ora, perchè sono la prima a sentirsi morire al solo pensiero, ma in cuor mio so che è così. Dovremo solo trovare la forza, giorno dopo giono, di crederci un pò di più.

Pagine: 1 2

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili