Salta i links e vai al contenuto

Cambiare (quasi) tutto a 23 anni?

Salve a tutti.
Ho 23 anni, sono una studentessa universitaria, vivo in una piccola città, non ho tanti amici ma quelli che ho sono davvero fantastici.
Sarebbe tutto perfetto ma, da qualche mese a questa parte, comincia a starmi tutto stretto.
Sto perdendo, piano piano, la voglia di studiare: il corso che sto frequentando ora è, a mio avviso, troppo dispersivo e mal gestito (come molti altri, sicuramente) e mi sto stancando.
Inoltre, sono sicura che la mia piccola e tranquilla città non potrà mai offrirmi niente, nemmeno con una laurea.
Recentemente, ha cominciato a balenarmi in testa l’idea di trasferirmi verso nord per seguire un altro corso universitario, più specifico e che potrebbe darmi molte più soddisfazioni una volta finito.
Eppure, nonostante desideri molto dare una svolta alla mia triste, monotona e grigia vita da universitaria provincialotta, ho paura.
Ho paura che cambiare percorso universitario a 23 anni sia troppo tardi (ho iniziato l’università a 21 anni).
Ho paura di perdere tutto quello che ho qui anche se, in realtà, non lascerei nulla, almeno, non definitivamente: sarei lontata da casa solo 80/90 km, tornerei tutti i fine settimana o quasi per rivedere amici e famiglia.
È una decisione molto, molto importante e deve essere per questo che ho così paura di portarla a termine.
E di parlarne con i miei genitori, perché, fino ad ora, ho solo accennato loro di essere scontenta della mia carriera universitaria.
Sono sempre stata una persona piuttosto decisa, a volte ho avuto indecisioni, ma così mai.
Sono davvero persa!

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Scuola

3 commenti

  1. 1
    cididikd -

    ciao sto girando i forum a causa di una situazione personale più o meno simile alla tua.
    Ho 22 anni e sono al terzo anno di ingegneria, gli esami passati sono veramente pochi. ora dopo l’ennesima bocciatura stavo pensando seriamente di cambiare facoltà.
    a 19 ani purtroppo non ti rendi conto di quello che vorresti dal tuo futuro, ti basi più che altro sui sogni dell’infanzia…..a 22 anni passati mi rendo invece conto che mi piacerebbe molto lavorare nel turismo, viaggiare…ecc ecc.
    alla fine che hai scelto? secondo te 22 anni sono troppi per cambiare?

  2. 2
    aleba -

    23 o 22 sono troppi per cambiare?? Le paure non devono essere di ostacolo, devono essere un stimolo a prestare molta attenzione..a programmare i passi e a tirare fuori il coraggio per affrontare le difficoltà. La vostra è l’età giusta per osare realizzare i propri sogni. Più passa il tempo e più porte si chiudono. Pianificate il vostro futuro e se per partire dovete dare una bella scrollata alla vostra vita, vi suggerisco di spolverare le valige e partire.

  3. 3
    emi -

    Ciao! Ho 21 anni e vado per i 22..sono al terzo anno di psicologia e come negli altri due anni precedenti sono invasa da mille dubbi..non mi piace la città in cui studio (infatti ho deciso di fare la pendolare), la mia facoltà è totalmente mal gestita e a questo si aggiunge il fatto che la prospettiva è tutt’altro che rosea e che i soldi scarseggiano e sembrano per di più buttati al vento..vorrei cambiare, lo confesso, ma come voi ho paura! All’inizio ero convinta della mia scelta..ma poi non si è dimostrata per ciò che credevo! Insomma, mi sento delusa e afflitta, mi sento inutile, soprattutto perché gli esami sono tanti e io sono riuscita a farne solo una metà, anche se con una media abbastanza alta..nn so se continuare, se laurearmi alla triennale con almeno un anno in più e cambiare dopo, oppure se cambiare subito..diciamo che ogni giorno è una nuova crisi e che anche la felicità per un 30 dura così poco che non ripaga questa frustrazione. .so che nella vita ci sono cose peggiori, che c’è sempre una seconda possibilità. .ma perché a me non sembra cosi semplice? Insomma commento per farvi “compagnia” dato che la situazione è all’incirca la stessa..ma soprattutto per chiedere aiuto e consiglio. .anche perché in questi anni, nonostante i discorsi con amici e genitori, il mio senso di “perdizione” è solo aumentato!

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili