Salta i links e vai al contenuto

Battesimo di mia nipote

Lettere scritte dall'autore  PEGASO66

Salve a tutti,
è la prima volta che scrivo per pubblicare un mio problema e poiché sono indeciso sul mio comportamento per cercare di non ferire nessuno, averi bisogno di un Vs. consiglio.
Sono separato e ho dei figli grandi, sposati e autosufficienti, ma con la mia ex moglie non c’è nessun tipo di comunicazione per sua scelta, infatti ha comunicato a tutti, sin dall’inizio della separazione, che in ogni evento in cui io fossi presente, lei non sarebbe venuta; adesso una delle mie figlie di 33 anni deve battezzare sua figlia, la mia nipotina, e ha comunicato a tutti l’invito, mentre a non è arrivato nulla, pertanto devo presumere che avendo bisogno della mamma per un’ aiuto al femminile, ha preferito non invitarmi per permettere alla mamma di essere al suo fianco.
Negli anni addietro, ho fatto sempre un passo indietro a tutti gli eventi (compleanni, cene ecc.), a tutte le feste annuali per la felicità dei miei figli e per non creare dei dissapori evitando che magari le feste non le facessero per colpa mia, ma come posso auto convincermi di non essere presente al battesimo di mia nipote? Avrei preferito che mia figlia mi invitasse anche solo in chiesa o quanto meno mi avesse comunicato il suo piacere della mia presenza ma per ovvie ragioni non potevo essere presente e mi avrebbe già fatto felice…….!
Ho pensato di andare in chiesa e sedermi agli ultimi posti per vedere il battesimo di mia nipote ma ho timore di creare problemi.
Accetto consigli. grazie

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Condividi su Facebook: Battesimo di mia nipote

Altre sul tema

Altre nella categoria: famiglia

11 commenti

Pagine: 1 2

  1. 1
    Gabriele -

    Se i tuoi figli sono adulti o giovani adulti, allora, bisogna storicizzare certi eventi. Non è giusto che tu debba rinunciare ad un momento famigliare importante, perché se non vieni invitato al battesimo di tua nipote, perché non bisogna scontentare la tua ex moglie, madre dei tuoi, e nonna, è altrettanto vero, che non si può scontentare te, che sei il padre dei tuoi figli, ex marito, e nonno. Siete in un rapporto alla pari. Siete adulti. Entrambi. Siete separati? Divorziati? Non andate d’accordo? È un problema vostro, non dei figli, nè dei nipoti già arrivati o che stanno per arrivare, o che arriveranno. Se no i tuoi figli, ti devono dire in faccia che non ti vogliono più vedere e per quale motivo.
    Cercate di non litigare, e di non rovinare questo momento di gioia incontenibile, e non costringete a scegliere

  2. 2
    white knight -

    Mi dispiace molto per lei…
    Certo che anche sua figlia è una figura porca se posso permettermi (per non parlare dell’ex moglie con il suo infantile “se c’è lui non ci sono io” che neanche le ragazzine di 15 anni…).
    Il mio consiglio è quello di presentarsi comunque: lei è un uomo libero e quella è sua nipote. E nessuno può mettersi di traverso per ragioni così idiote.

  3. 3
    Darkitty -

    Consiglio anch’io di andare comunque al battesimo perché prima di tutto tu sei il nonno e non una figura qualsiasi capitata per caso nella sua vita.
    Lo devi fare per te stesso e per tuo nipote, ed è anche ora di finirla nel cercare di assecondare la tua ex moglie, sia tu che i tuoi figli ora dovete mettere le cose in chiaro. Detta lei legge per tutti?
    Per il bene della figlia e del nipote a questo punto dovrebbe anche lei essere meno rigida ed evitare situazioni scomode e anche ridicole.
    Tu fai quello che ti senti, non sentirti di troppo e non privarti di ciò che è anche un tuo diritto, e del piccolo.

  4. 4
    MisterT -

    Dovrebbero essere i figli, innanzitutto, a non accettare questa imposizione ridicola della madre quindi sbagliano entrambi e tu sei quello che ci va di mezzo. Io fossi al tuo posto non ci andrei dato che non mi hanno invitato o semplicemente prova a chiedere a tua figlia almeno se puoi andare in chiesa e vediamo se ha il coraggio di dirti di no. Non ci andare di nascosto, fidati, sarebbe peggio.

  5. 5
    Gimmy -

    La chiesa è un luogo di culto pubblico e in quanto tale non ha bisogno di permessi o inviti per potervi accedere, soprattutto nel suo desiderio più che legittimo. Mi stupisco dei figli che cedono cosi volentieri a un ricatto ignobile privando sia lei che sua nipote di un diritto sacrosanto. Francamente non si riesce a capire perchè questi passi indietro li debba fare sempre lei. Mi accodo con chi le ha suggerito di andare comunque, penso sia importante viversi questo momento di gioia spirituale al di là dei contrasti. Per quanto tempo vuole ancora sobbarcarsi di rimpianti? parli con i suoi figli e arrivi a conclusioni migliori rispetto alle irragionevoli azioni inflitte.

  6. 6
    cinzio -

    Ma parla con tua figlia, invece di scrivere qua.

  7. 7
    Pegaso66 -

    Ho letto volentieri le vostre osservazioni e sinceramente è mia intenzione presentarmi in chiesa perché non ferisco nessuno a mio avviso e se qualcuno si sentirà a disagio non è un mio problema! Sicuramente non andrò a salutare nessuno compreso i miei figli ma se loro si avvicinano sarò il primo ad abbracciarli ! Credo sia arrivato proprio il momento di chiarire questi aspetti puerili !
    Grazie di cuore perché avete confermato le mie impressioni

  8. 8
    Darkitty -

    Bravissimo Pegaso! In ogni caso è un segnale forte per tutti perché le cose cambino. Non si può continuare a subire i capricci della tua ex.
    NON va assecondata.
    Un abbraccio.

  9. 9
    Pegaso66 -

    Gentile Cinzio se scrivo qui, 1) è per avere un parere distaccato da chi percepisce il mio stato senza essere condizionato dalla mia conoscenza; 2) parlare con mia figlia? Lei vive in un altra città, al telefono non risponde e ci messaggiamo solo quando gli va! Siccome la data del battesimo l’ho saputo dagli altri miei figli non ho intenzione di dirgli che conosco la data perche’ si arrabbierebbe con i fratelli e creerei solo dei dissapori tra i miei figli!
    Credimi la situazione non è facile! Scusate se scrivo qui oltre a essere in contatto con la mia psicologa ma ho bisogno di confrontarmi!

  10. 10
    Gabriele -

    Pegaso66, io però non capisco, questo atteggiamento da parte dei tuoi figli, specialmente di tua figlia. Qui ovviamente c’è un attribuzione di un ruolo di colpa, perenne, ma bisogna capire, se certe vicende che poi hanno portato alla separazione, sono “storiche”, ovvero quando questi figli erano piccoli, oppure se la separazione è “fresca” e quindi c’è tutta questa emotività. In ogni caso, vi faccio notare a tutte le parti in causa, che l’attribuzione di colpe e responsabilità non è solo dell’uomo, padre ed ex marito, ma anche della donna, madre ed ex moglie. Siete stati una coppia, a prescindere dalle colpe presunte, le responsabilità di questa famiglia sono vostre: padre e madre. Quindi tua figlia andrebbe affrontata, e bisognerebbe chiedere conto del perché ti tratta così, e del perché pensa di invitare sua madre, nonna, ma non suo padre, che deve a momenti scoprirlo per sbaglio dai fratelli del battesimo della nipote.

Pagine: 1 2

Lascia un commento

Massimo 2 commenti per lettera alla volta

Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'informativa sulla privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili