Salta i links e vai al contenuto

L’amore da adulti… seconda parte

Lettere scritte dall'autore  mm81
La lettera è pubblicata a Pagina 1

L'autore ha scritto 10 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

44 commenti

Pagine: 1 2 3 4 5

  1. 21
    rabbia -

    20, 30, 40, 50 anni non cambia nulla. Se due persone si amano e si stimano restano insieme. Tutto il resto è dialettica inutile, sofismi, psicocazzate. Il problema vero è che le donne sono immature ed eterne bambine, vogliono continuamente ricreare e riprovare le sensazioni dell’ innamoramento, non gli basta mai, mai contente. Quindi cari uomini basta rovinarsi la vita.

  2. 22
    Condor -

    @rabbia parole sante! Parole sante!

  3. 23
    maria grazia -

    rabbia.. il tuo nick dice tutto!.. ma vedrai che presto svanirà la RABBIA per l’ INCHIAPPETTATA che hai preso, e tornerai di nuovo ad amare.

  4. 24
    rossana -

    Rabbia,
    “20, 30, 40, 50 anni non cambia nulla. Se due persone si amano e si stimano restano insieme. Tutto il resto è dialettica inutile, sofismi, psicocazzate.” – concordo, lieta che qualcuno restituisca dignità agli amori di gioventù, quasi certamente i più genuini e meno interessati ad altri aspetti di scarso valore per un proficuo incontro con se stessi.

    a 15 anni come a 85 un coinvolgimento che includa sia attrazione fisica che tensione emotiva è espressione d’AMORE. non tende alla fusione ma al completamento, nel rispetto delle reciproche diversità.

    negli anni giovanili può accadere di ritenere d’innamorarsi con maggior frequenza (difficile distinguere sentimenti che ancora non sono stati sperimentati, magari inclini a considerare amore il bisogno dei sensi oppure il bisogno d’amare e d’essere riamati). nell’età più matura ci si innamora più raramente ma, quando accade, avviene in modo più sicuro, senza nulla togliere all’intensità e alla profondità di ALCUNI sentimenti giovanili.

    l’amore, quando d’amore si tratta, è amore a tutte le età, derivante dalle capacità affettive e dal grado di maturità raggiunti nel momento in cui si manifesta.

  5. 25
    glosstar -

    @mariagrazia.

    Non necessariamente deve trattarsi di un’inchiappettata. Magari e’ semplicemente la difficoltà a digerire la fine unilaterale di una relazione.

    Proprio come correttamente scrive Rabbia “Se due persone si amano e si stimano restano insieme”, evidentemente, a un certo punto, il tessuto connettivo che teneva insieme la relazione e’ venuto a mancare, e da li la naturale fine.

    Quel che pero’ e’ difficile accettare, e a volte suscita dolore e RABBIA, e’ il rifiuto. E’ il fatto di non andare più bene all’altro, e conseguentemente finire nel cassetto delle cose inutili. Per alcuni, questo ha un impatto devastante sul senso di se e sulla propria autostima. E quando non si tratta di tradimento, a volte e’ anche peggio. Nel tradimento esiste un concorrente che e’ stato considerato meglio di te, e sebbene sia una sconfitta dura da digerire, almeno c’e’ stato un confronto. Ma quando qualcuno ti lascia senza che ci siano terzi, beh allora senza ombra di dubbio, sei proprio tu quello non vuole. E questo fa alquanto male.

    Riguardo il fatto che “le donne siano immature ed eterne bambine”, per quel riguarda me, e sono un uomo, direi che l’analisi antropologica “un tanto al chilo” non tiene conto di una realtà che e’ ASSOLUTAMENTE UNISEX. Alcune donne e alcuni uomini in quello lottano febbrilmente per il podio dell’infantilità.

    G.

  6. 26
    maria grazia -

    “lieta che qualcuno restituisca dignità agli amori di gioventù, quasi certamente i più genuini e meno interessati ad altri aspetti di scarso valore per un proficuo incontro con se stessi.”

    gli amori non sono più o meno genuini in base all’ ETA’, ma in base alle REALI motivazioni che spingono ognuno dei componenti della coppia a vivere il rapporto. La mancanza di autenticità e di buonafede la si può riscontrare in tutte le età e sopratutto IN TUTTE LE CATEGORIE e gli strati sociali !

    “AMORE. non tende alla fusione ma al completamento, nel rispetto delle reciproche diversità.”

    Già… il VERO AMORE, QUANDO C’E’ tende ( o DOVREBBE tendere ) al rispetto delle diversità dell’ altro, non alla sua umiliazione in quanto “diverso” da noi.

    “Magari e’ semplicemente la difficoltà a digerire la fine unilaterale di una relazione.”

    glosstar, ma infatti nel caso di rabbia si tratta sicuramente solo di questo. Non mi sembra giusto però come fa lui liquidare un’ intera categoria sociale ( quella delle donne in questo caso ) come incapaci di manifestare onestà maturità e coerenza in quanto FEMMINE.

  7. 27
    Golem -

    Se due persone si amano e si stimano a qualunque etá, non rientrano nella categoria degli amori inutili e senza senso. È abbastanza evidente che c’è la dignità nella reciprocità. A prescindere dall’esperienza che l’età consente, quello che conta e’ che ci sia uno scambio, anche se frainteso come amore laddove il desiderio sessuale vine scambiato per amore. Cosa che capita a tutte le età, evidentemente. Eppure mi sembra di scrivere discretamente in italiano.

    Ricordo di non aver fatto cenno alle due storie RICAMBIATE di mia moglie negli stessi termini di quella che non lo era, al di la della qualità del soggetto maschile in corso d’opera in quel momento.
    Vedo chr gli equivoci e i pregiudizi non accennano a diminuire.

  8. 28
    Golem -

    “Se due persone si amano e si stimano restano insieme. Tutto il resto è dialettica inutile, sofismi, psicocazzate”

    “Il problema vero è che le donne sono immature ed eterne bambine, vogliono continuamente ricreare e riprovare le sensazioni dell’ innamoramento”

    Non ho potuto aggiungere questo interessante abbinamento semantico al mio post precedente, ma lo faccio adesso, per sottolineare come vengano enucleati parti di discorsi, ben piu completi, che hanno un significato finale completamente diverso rispetto alla creativa interpretazione delle affermazioni che si leggono nella prima parte del post di Rabbia, che con “l’espressione di AMORE comunque sia” non ha niente a che fare, compresi gli amori idealizzati, onirico o sognanti non. Anzi, lo dirà CHIARAMENTE nella parte finale del suo intervento.
    Rabbia non ha fatto l’elegia di un bel niente, sottolineando due cose: che quando c’è l’amore da entrambe le parti, qesto puó accadere a qualunque età. Cosa ovvia e indiscutibile. Come dire: quando ci si vuole bene non ci sono età predilette per esprimere ciò. Ci si vuol bene: plurale, cioè servono almeno due persone per dare senso a quel VOLERSI BENE. E lo dice come aspirazione ad un rapporto serio e REALE, che non ha ancora conosciuto probabilmente.
    La seconda parte chiarisce tutto nella disillusione che esprime, che col valore di certi amori, per come sono stati descritti nella risposta della categoria ” Eureka, finalmente”, non c ‘entrano niente, anzi. Rabbia ha ribadito con parole due, ma chiare, che secondo lui il problema è quello che le donne vivono di fantasia, e implicitamente che scambiano l’amore con l’innamoramento.
    Se qualcuno in questo ci vede finalmente un certo riconoscimento di chissà che’, ne siamo tutti felici per lui. Ma temo che sia l’unico a vederci quell’aspetto.
    Però, sono pronto a scusarmi se qualcuno mi spiega che ho letto male il post di Rabbia.

  9. 29
    glosstar -

    @golem

    Credo di essere una persona intellettualmente normodotata ma questa volta ho difficoltà a seguirti. Per favore la versione breve…magari la sintesi come spiegassi a un bimbo di 6 anni il tuo post 28.

    Grazie figura antropomorfa e immaginaria della mitologia ebraica e del folklore medievale (Wikipedia).

    G.

  10. 30
    rossana -

    Rabbia,
    anche per me la tua sintesi rimane perfetta, e ne sottolineo la parte che maggiormente viene messa in discussione: “20, 30, 40, 50 anni non cambia nulla. SE due persone si amano e si stimano RESTANO INSIEME. Tutto il resto è dialettica inutile, sofismi, psicocazzate.”

    restano insieme non per pochi mesi ma per ANNI, per lo meno fino a quando entrambi trovano nel rapporto quanto desiderano. se fosse Amore soltanto quello ricambiato per un’intera vita, vivrebbero questo sentimento un numero di persone infinitesimale e tutti gli altri rapporti sarebbero nient’altro che sensualità oppure polvere emotiva consegnata al vento. invece, secondo me, anche gli amori alimentati in modo serio e profondo da uno soltanto dei partner hanno diritto di essere considerati tali, contribuiscono all’evoluzione dell’individuo e permettono di vivere momenti di pienezza, che lasciano ricordi. nessuno può giudicare la genuinità e l’intensità del sentimento di un altro!

    chi ama, ama, e non può fare a meno di farlo! capita in egual misura a uomini e donne di invaghirsi di qualcuno che non corrisponde nella stessa misura. non sono soltanto le donne a essere “stupide” o masochiste e a rimanere infantili! semmai, oggi sono più pretenziose, e possono permettersi di esserlo… è la PRESUNZIONE di superiorità maschile a giudicare l’altro sesso come inferiore, come bisognoso di essere indottrinato e migliorato, a sua immagine e somiglianza…

Pagine: 1 2 3 4 5

Lascia un commento

Massimo 2 commenti per lettera alla volta

Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'informativa sulla privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili