Salta i links e vai al contenuto

Amicizia

Lettere scritte dall'autore  

Non penso che parlando di amicizia la parola invidia sia contemplabile. Un amico non deve stimarti per forza, ma deve riconoscerti per quello che sei, nel bene e nel male. “Riconoscere” significa “conoscere una cosa qual è realmente”, ma anche “identificare qualcuno di già noto” al proprio cuore. Per parlare di amicizia, bisogna entrare in sintonia con l’altro. Per farlo, è necessario ritrovare se stessi in chi abbiamo di fronte.
In amicizia non esistono nè la stima, nè l’invidia. Esiste la comprensione, e a partire da essa, l’accettazione del diverso da sè. Perchè in amicizia la diversità è solo forma, e la forma a lungo andare è irrilevante. Ciò che conta è la sostanza, che determina l’affinità, la sintonia. Essere amici significa conoscersi pur rimanendo estranei ai pensieri dell’altro. Venire al mondo a partire dalla stessa primordiale materia.
In amicizia non può esistere l’invidia perchè invidiare vuol dire affermare che il proprio diritto alla felicità sia superiore a quello dell’altro.
E questo è un atto di prevaricazione.
Ma non si può prevaricare ciò che, in un modo o nell’altro, si “riconosce” come proprio.

L'autore ha scritto 5 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Condividi su Facebook Amicizia

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amicizia - Riflessioni

3 commenti

  1. 1
    Anansi -

    Pochi sono i legami di amicizia che rimangono tali..perchè è come se fossimo regrediti e ci fosse una vera e propria lotta alla sopravvivenza, i miei bisogni sono maggiori dei tuoi, quante volte ci siamo sentiti pugnalati da chi un tempo ti guardava negli occhi e condivideva con te le gioie e i dolori?
    Conosco ancora persone con dei valori e dei principi tali da non farsi scoraggiare ne abbattere dalle delusioni delle persone che li circondano, ma è sempre più dura vivere in un mondo di superficialità, e rischiano anch’essi di perdere la loro nobiltà e purezza d’animo.
    Quanti rapporti sono basati sul proprio tornaconto personale? Quanti ti accettano ancora per ciò che sei?
    Mai letto parole più vere di queste.

  2. 2
    Mau -

    Tra i tanti,… centinaia, di bellissimi aforismi sull’ Amicizia, me ne piace uno in particolare:
    ‘Un vero amico è uno che sa tutto di te. E nonostante questo gli piaci’.

  3. 3
    Freedom -

    Io credo che il problema sia che la natura umana è poliedrica e cangiante. Penso che sia difficile per un uomo conoscere se stesso, figuriamoci chi lo circonda. Però quello che andrebbe fatto, secondo me, è cercare di ascoltare chi crediamo abbia qualcosa da dire, scegliendo di condividere le sue pene e i suoi successi come se fossero i nostri. Non credo molto nella banale divisione manicheista tra bene e male, tra superficiali e profondi, tra utilitaristi e puri di cuore. Credo nella fragilità, credo nell’incertezza, credo negli errori. E nella capacità di fare in modo che gli errori diventino insegnamenti, per imparare a costruire dei rapporti con gli altri che siano sani, che siano belli e veri. Quindi a modo mio credo nell’amicizia, anche se spesso penso che sia l’amicizia a non credere in me e nei miei errori.

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili