Salta i links e vai al contenuto

19 anni di matrimonio ora perduto

Lettere scritte dall'autore  

Da una settimana mia moglie mi ha letteralmente distrutto tutto il mondo che avevo costruito insieme a Lei.
Sposati da 19 ani abbiamo 2 figli uno di 18 anni e l’altro di 12 anni.
Una decina di giorni fa, dopo una lite mi ha detto che non provava più amore nei miei confronti.
Le nostre liti a volte sfociavano anche a essere fortemente offensive……. molte volte, il più delle volte era Lei che con i suoi atteggiamenti provocatori fatti di urla o perché mi inveiva contro offese ai miei parenti io perdevo la testa e a volte anche a me scappavano offese e parolacce.
Ho cercato in ogni modo di chiedere perdono agli sbagli che ho fatto in passato chiedendo Lei una possibilità affinché la riconquistassi promettendo di non farmi più prendere in fallo anche se i suoi fossero stati atteggiamenti provocatori e di non rispondere più o reagire in quel modo.
Nonostante il mio pentimento e la mia promessa Ella, ha continuato imperterrita a non sentire ragioni.
Cinque giorni fa dopo la mia ennesima preghiera a farla ritornare sui propri passi, la ho colto per caso fortuito con il cellulare in mano che messaggiava in una altra stanza. Come improvvisamente di sorpresa si è subito nascosta il cellulare. È stato allora che ho intuito un problema più grande che erano le nostre liti…. “Dimmi la verità” gli dico, “il tuo comportamento è dovuto che hai un altro uomo”. La sua risposta è stata di si!!!!!
Sono innamorata di un altro uomo…….
Sono ormai 5 giorni che non dormo, mangio il necessario per forza di sopravvivenza, è stata una autentica mazzata.. non riesco a convincermi che ciò sia successo a me e a noi.
Il bello è che ci sono adesso da parte sua reazioni di vendetta nei miei confronti… mi dice che la colpa è mia, che non prova più nulla per me, mentre l’uomo che ama è meraviglioso, addirittura dialoga con Lui al telefonino incurante se io sono in sua presenza. Ho provato in ogni modo a convincerla a desistere e tornare insieme, gli ho promesso di cambiare casa, modo di vita avuta in passato insieme, a ricominciare tutto con ogni mia intenzione a farla felice. Niente, nulla da fare, anzi il tutto è degenerato.. ogni volta che cerco di dialogarci e parlare reagisce e inveisce contro con cattiveria. Per ovvie ragioni ho dovuto staccarmi e pur pagando affitto e tutte le cose che ci sono per mandare avanti una famiglia, mi ritrovo ospite momentaneo per un po’ di tempo a casa da mia sorella. Lei non vuole più vedermi perché la mia vista dice gli provoca fastidio. Io intanto ho bisogno di vedere i miei 2 figli e quando vado a casa Lei si incattivisce. A volte si chiude in cucina e non si fa vedere ma se mi avvicino per poterle parlare della situazione ecco che prontamente tira fuori tutte le cose e le liti che abbiamo avuto anche di 20 anni fa…… Il bello è che io sono disperato perché la amo ancora, ma Lei non è per nulla toccata e anzi prova solo cose brutte nei miei confronti. Ho provato a riempirla di messaggi sms di amore ma non mi ha mai risposto e anzi mi ha minacciato se continuo, di denunciarmi per molestie di insistenza…. insomma non so più cosa fare……..
Finanziariamente mi ha e ci ha messo in una situazione difficile. Lei che lavora partime e per giunta in cassa integrazione da Gennaio con uno stipendio di soli 400 euro.. io dipendente privato in una fabbrica con 1350 euro mensili.. La casa in cui viviamo, anzi vivevamo perché io ora fuori, è di affitto 350 euro con altre ingenti spese condominiali di 2500 euro annui e varie altre cose…. insomma lei pretende che io le versi 900 euro mensili… mi dite come faccio a vivere e pagarmi un nuovo affitto nuovo con solo 450 euro?…. Insomma oltre essere stato ferito sentimentalmente, moralmente, staccato dalla mia famiglia i miei figli, il mio ambiente di casa , compreso la situazione in cui si troveranno i miei figli, mi chiedo come sia possibile farsi accecare da tanto odio e non si accorga della grande stronzata che sta combinando. E dire che io sarei pronto subito a abbracciarla se lo volesse….. ma oramai il suo cuore è divenuto come pietra e non considera la sofferenza che sto patendo e il futuro dei nostri figli e anche suo, …… a ogni modo, cosa mi spetta di diritto e dovere in questo caso? Tenendo fermo che ai figli come è naturale dare priorità, a Lei è vero che spetta anche da parte mia un sostentamento come asserisce?
Prego Iddio che cambi idea ma sono ormai consapevole che non sarà così e io sto morendo di dolore perché la amo con tutto me stesso e ogni più piccola fibra del mio essere anelita che torni……

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Famiglia

40 commenti

Pagine: 1 2 3 4

  1. 1
    anonimous -

    900 euro al mese e’ una richiesta che nessun giudice accogliera’.
    Te lo assicuro in quanto avvocato.
    Ciao.

  2. 2
    ilmarmocchio -

    Rivai subito a casa tua. Consulta un avvocato e non tentare di riconquistarla. Lei e’ str…. e ora, dopo l’amante, vuole importi gli alimenti. Consulta subito un avvocato e non riconquistare nulla. Sarebbero solo guai

  3. 3
    stelladimare -

    Ciao, la tua lettera mi fa rabbrividire perchè è come se x il 90% tu avessi descritto x intero ciò che succede a me, ma purtroppo io x certi versi sarei l’altra parte.
    Anch’io ho 20 anni di matrimonio ma a diff di te con mio marito c’è già stato da parte mia un tentativo si separazione legale 16 anni fà al quale lui si oppose con tutte le sue forze. Anch’io come te ho 2 figli, uno di 19 ed uno di 12 che è venuto dopo, quando siamo tornati insieme. Io ho iniziato ad avere problemi da subito dopo il matrimonio, praticamente da dopo il viaggio di nozze. Ho cercato di parlare con lui da subito, amo dialogare, vivevo x lui, dalla colazione a letto all’uovo a zabaione, ho cercato di essere compagna, donna, moglie e soprattutto amante, e lui tutto questo lo apprezzava.. ma io diventavo sempre più un mobile.. io, una persona piena di vita, solare, piena di sentimenti ed amore x il prossimo. Sono iniziati i silenzi da quando un gg lui mi disse che erano inutili i miei sforzi di cambiarlo, lui era ed è un flemmatico, un pantofolaio. Io una sentimentale, una persona che ama sorprendere il proprio uomo ogni gg semplicemente dando me stessa nelle piccole cose. Praticamente, forse, in 10 anni di fidanzamento gli avevo già dato abbastanza, non so, o forse la differenza caratteriale che lo si voglia o no, lo si vede svegliandosi vicino gg dopo gg. Cosa dirti..
    Iniziarono i suoi problemi di lavoro, in vent’anni di matrimonio ha cambiato 4 attività di cui 2 sono fallite, un gg mi disse che dovevo cambiare abitudine familiare perchè lui non mi poteva permettere di avere il frigo abbastanza pieno di alimentari, cosa che invece avevo proveniente dalla mia famiglia. Ma la mia di certo non era la famiglia di Berlusconi. Eravamo benestanti, non ricchi. Tra l’altro mia madre era rimasta vedova e portava avanti l’attività di mio padre ed eravamo 4 figli. Un rapporto in fase calante da subito, ed in me una tristezza che diventava una GROSSA LACUNA di cui non poteva non accorgersi.

  4. 4
    stelladimare -

    Sono andata avanti cosi x 3 anni fino alla tragica morte di mia madre, x chi ha letto le mie lettere e le risposte date, sa di cosa sto parlando, e nel frattempo il mio rapporto è andato avanti sempre così, creando di una lacuna un vuoto enorme ed una solitudine bestiale. Il suo modo di essere ha fatto si che negli anni tra litigi e tentativi di cambiarlo ingrassai circa 20 kg, x lui tutto normale, mi chiedo, anzi lo chiedo a te, come può un uomo amare la propria moglie e non accorgersi che in qualche modo la stava distruggendo dentro..
    La morte di mia madre mi portò ad un cambiamento totale. Dopo pochi gg dalla sua morte,(vedi risposta data a leda sui cambiamenti radicali data qualche gg fà), guardai negli occhi di mio figlio e lì trovai motivo x vivere. Volevo farla finita. La vita senza mia madre che mi era stata tolta x me non aveva più senso, ma la tenerezza di quegli occhi grandi di mio figlio, colui che mi era nato da dentro, fecero nascere in me una grande forza, la forza di VIVERE. La forza di vivere x qualcuno. Quel qualcuno che non era più mio marito, lui ormai era ed è ancora oggi “troppo impegnato” a pensare ai problemi economici che si porta dietro da sempre, da 20 anni di matrimonio, oramai vivevo solo x mio figlio e x il lavoro grazie al quale, e forse grazie solo al carattere che mi ritrovo, ho amicizie ovunque e dovunque.
    Pian piano ho ritrovato me stessa, ho perso peso e sono ritornata in forma ma lui in tutto questo dov’è? E’ sempre impegnato alla ricerca di cosa, non si sa, eppure da fidanzati non era così.
    Un gg gli chiesi la separazione, ero confusa e stanca, gli dissi che non sapevo più se lo amavo. Lui non accettò la mia richiesta e x un mese continuammo a dormire nello stesso letto come 2 estranei.
    Diceva che questa (che è mia) era casa sua e che x nessun motivo sarebbe andato via. Fu così, dopo il suo rifiuto di benchè minimo colloquio che misi nero su bianco e mi rivolsi ad un legale inviandogli la richiesta ufficiale di separazione.

  5. 5
    stelladimare -

    Niente, non voleva andare via in nessun modo, fin quando un gg tornando a casa gli feci trovare la serratura della porta di entrata cambiata. Mi stava sfasciando la porta. Alla chiamata mia ai carabinieri, mi dovetti sentir dire: signora su, lo faccia entrare e fate la pace…Micidiale. Eppure tutto questo è successo a me.Dopo tutta la notte passata ad urlare si decise ed andò via. Tornò il gg dopo con un camion enorme. Si portò via anche la televisione, oltre a tutti i regali che ci fecero dal lato della sua famiglia e vasi, suppellettili vari che non sto qui a descrivere fin quando non ci ritrovammo all’appuntamento avanti agli entrambi avvocati x stabilire una eventuale consensuale.
    Io lavoravo come segretaria presso un’azienda privata ma non ero messa a posto, ciò nonostante rifiutai gli alimenti x me ma li chiesi solo x il fig e lui mi chiese di portarsi via la cucina, comprata da un paio d’anni. A questa richiesta l’avvocato di entrambi ebbero da ridere chiedendo lui in che modo il bambino si potesse cibare senza una cucina, alchè se ne venne fuori con una richiesta di 60 milioni di risarcimento danni visto che la casa era mia, lui aveva venduto qualche quadro importante e non se ne poteva andar via con una mano avanti ed una indietro. Io, pur di avere la mia libertà, feci scrivere che mi accordavo x 30 milioni di lire pur di non vederlo più. Litigai con il mio legale, x dargli quei soldi avrei dovuto vendere l’appartamento che i miei mi avevano messo in condizione di poter comprare.
    Nella casa in cui vivo, ci sono il sangue dei miei genitori, mio padre ha lavorato una vita morendo a soli 48 anni e mia madre è stata in gamba a portarci avanti e a non farci perdere ciò che mio padre aveva seminato. Ma quanto vale la libertà di un essere umano, e mi chiedo, dov’è il marito che stravedeva x me. Diceva di amarmi, ma ancora oggi mi chiedo: amava la mia bellezza esteriore e magari il fatto che oltre a non pagare un fitto di casa, portavo anche bei soldini a casa.

  6. 6
    xavier -

    saro’ duro in questo messaggio so che non avrei diritto
    X stella di mare x la tua situazione avrei molto da ridire.
    Punto primo se una persona ha problemi personali , che ne so di tipo esistenziale, o altro, non puo imputare la colpa ad altri, a terzi o coniuge, a meno che trattasi di un violento, alcolizzato, drogato, nullafacente, ed altri soggetti di cui molti istituti si dovrebbero occupare, a prima analisi non sembra il caso del tuo ex marito.
    E con questo chiudo il discors, scusandomi di tutto il cuore per il giudizio dato, ma sicuramente c’e’ qualche passaggio che non ho controllato bene. Quindi quanto detto va preso con tutte le riserve del caso, ma in linea di principio il discorso resta.

    X Ernesto
    Questo e’ un consiglio legale tieni in considerazione, quello che ti viene detto sulla prima e-mail.
    2) non abbandonare assolutamente il tetto coniugale.
    3) Scopri in modo palese, ti fara’ male, la certezza del tradimento, la cassazione ha espresso un orientamento molto duro nei confronti del coniuge che viene meno all’obbligo di fedelta’.
    Alla luce di questo, qualora, e sottolineo, tu sia stato un buon padre, le sue richieste andranno incontro al rigetto. Tuttavia ci sara’ da lottare.
    Per la casa hai una figlia di 12 anni, prevedo, che sara’ assegnata al coniuge affidatario. Tuttavia insisto ancora sul tradimento, ovvero di indagare sulle ultime frequentazioni della tua ex consorte, non si sa mai, qualora queste siano di dubbia moralita’ per la crescita dei tuoi figli dovra’ sudare sette camicie per avere la casa
    Purtroppo e’ sempre un peccato quanto finiscono questi rapporti, e mi piange il cuore. Anche dare consigli del genere. Ma sappi che quando uno dei due ha una storia parallela diventa un’altra persona, come irriconoscibile, inutile parlargli sarebbe muro contro muro, inutile litigare, in questo momento se ho capito la situaziione, lei si sente protetta sentimentalmente. Sii accondiscendente e lotta, non merita di vincere…per quello che ti ha fatt

  7. 7
    stelladimare -

    Siamo stati separati 4 mesi che sono stati d’inferno. Me lo trovavo ovunque, non mi faceva lavorare, e ciò che è di più grave, mi rubò la macchina (che mi ha fatto ritrovare dopo 3 anni) ammettendo dopo che era stato lui a portarmela via, ma ancor peggio, aveva una conoscenza al Tribunale dei minori. Un gg mio figlio non rientrava da scuola con il pulmino…chiamai la scuola che mi comunicò che mio marito era andato a prenderlo. Me lo riportò in serata e mi riferì che il bambino aveva passato una visita psicologica x una sua eventuale richiesta di affidamento. Mi diceva che lasciandolo mi avrebbe distrutta in briciole. Già mi era rimasto poco dopo la perdita dei miei genitori. Perdere anche mio figlio sarebbe stato a dir poco micidiale. Entrai in un limbo di paura da consumarmi gg x gg.
    X 4 lunghi mesi pian piano mi iniziò il lavaggio del cervello, mi ricominciò a corteggiare come quando eravamo fidanzati fino a quando non mi decisi a farlo tornare. Mi diceva che era cambiato tutto, che non avremmo più avuto problemi economici e che desiderava un altro figlio. Come una demente ho creduto che ci potesse essere un’altra possibilità. All’inizio è stato tutto rosa e fiori. Ho avuto un altro figlio che adoro che ora ha 12 anni. I primi tre anni sono stati di una grande pace, lui lavorava presso un’azienda prendendo uno stipendio fisso. Un gg mi chiamò riferendomi che aveva litigato con il titolare e si era licenziato. Proprio in quel periodo anch’io mi trovavo disoccupata ma lui, senza pensarci 2 volte sopra, si licenziò su 2 piedi non curante della famiglia a casa e delle esigenze che ci sono con 2 figli in crescita.
    Da allora si è messo in proprio di nuovo aprendo una nuova attività ma non va perchè il commercio è fermo. I problemi ci sono ora come c’erano anche prima. Ora non sono raddoppiati ma triplicati. I figli sono cresciuti e da egoisti non vogliono sapere se i genitori hanno problemi economici, si lamentano di tutto, se manca il latte o i succhi di frutta.

  8. 8
    stelladimare -

    Caro xavier, leggi prima tutta la mia storia prima di esprimere un giudizio, fermo restando che accetto in forma democratica tutti i vostri pensieri e forme di espressione, basta che non siano offensive. Se in diverse parti piuttosto lunghe sto raccontando la mia vita matrimoniale ad Ernesto, un motivo ci sarà. Non credi? Continuo dalla mia ultima, dicendo ad Ernesto che tutto questo si è svolto in 20 anni di matrimonio compiuti da poco. Quando sono tornata con mio marito, io ci ho creduto che potevamo avere un’altra possibilità, ci ho messo tutta me stessa nonostante i problemi economici che ci portiamo da sempre, al punto tale da avere un altro figlio, tra l’altro c’è da dire che io ho sempre lavorato e messo stipendio in casa, quindi ho cercato di dare massima collaborazione.
    Ora però vengo alla parte più importante. Quella sentimentale. Questo rapporto con tutti questi problemi che vuoi o no hanno preso il sopravvento, si è spento. E’finito. Lui lo sa, lo sente, ma ciò nonostante non fa un passo solo x parlarne. Lui non ci pensa proprio nè ad una eventuale separazione, nè ad andar via da questa casa. E siamo quindi in casa come due fratelli e sorelle. Ancor peggio è da quando lavoro x un’azienda ed ho un posto fisso. Si è trasferito tutto su di me,un accollo economico che all’inizio doveva essere una collaborazione. Ora pur di aiutarlo nella sua attività, ho ipotecato l’appartamento x la modica somma di 90 mila euro che lui ha utilizzato x estinguere i suoi debiti. Credimi, ci ho messo tutta me stessa in tutti i modi ed in tutte le maniere pur di aiutarlo, ma mi è mancato e mi manca un uomo da amare. Sono sola e mi sento sola. In casa fungo da mamma e papà sia x una ricarica che x i vestiti, dal pagamento della scuola privata al viaggio fuori Italia con gli amici di mio figlio grande. Ma io dove sono? Mi chiedo spesso cosa sono diventata?
    Lo chiedo a te Ernesto perchè io a 42 anni sono consapevole che l’amore che provo x i miei figli supera ogni cosa, segue:

  9. 9
    stelladimare -

    Ma l’essere umano ha bisogno di amare e di essere amato. Ti ho raccontato la mia storia perchè non posso capire come un marito all’improvviso, si sveglia e dopo 19/20 anni di matrimonio scopre che c’è qualcuno o qualcosa nella vita del proprio compagno che non va, o l’eventuale presenza di un’altra persona. No, perdonami. La mia storia è una risposta alla tua.
    Mi chiedo: io ti ho raccontato i miei 20 anni di matrimonio, ma i tuoi, prima di scoprire che c’è qualcuno o qualcosa, come sono andati?
    Sei mai andato indietro nel tempo, ti sei mai chiesto se le mancasse qualcosa, una carezza, uno sguardo complice, tu, a differenza di lui che x una vita intera sta cercando ancora di realizz nel lavoro a 46 anni,ma che ha perso piano piano di vista che aveva una moglie che aveva magari bisogno di lui o della figura del padre quanto meno in casa, non ha mai pensato di avere trascurato tua moglie affinchè lei poi guardasse un altro?
    Sai, io ho un brutto vizio, quello di cercare di dialogare. Ancora oggi sembra che lui si accontenti di tornare a casa perchè “questo è il posto suo”. x carità, nessuno glielo vuole levare, ma hai idea delle violenze psicologiche che ho dovuto sopportare pur di cercare di mandare avanti il mio matrimonio x amore dei miei figli?
    Si. x amore dei miei figli. Perchè i figli non devono pagare errori di matrimoni sbagliati. Ognuno deve avere il coraggio a testa alta di prendersi le sue responsabilità, siamo noi genitori che dobbiamo pagare i nostri errori, non i figli. Loro meritano serenità, tranquillità e pace.
    Posso solo dirti che mi auguro che dietro il tuo di matrimonio, non ci sia una storia del genere. I sentimenti non vanno mai trascurati. Una donna non va mai abbandonata, altrimenti la perdi. Non conosco la tua di storia matrimoniale, ad ogni modo ti auguro di risolvere al più presto la situazione a livello legale.
    Stelladimare

  10. 10
    ernesto -

    Ringrazio vivamente tuti voi che siete voluti intervnire.
    Mi scuso se non continuo a scrivere in quanto per ora sento solo un gran vuoto . Volevo lo sottolineare quanto sono rimasto particolarmente colpito dalla storia di Stella di mare . Piu’ in la’ spieghero’ e cerchero’ di raccontare a grandi linee la mia storia matrimoniale. Chiudo comunicandovi che oggi ho avuto modo di un consulto presso un avvocato dove a grandi linee mi ha dato un quadro di insime per la futura situazione economica e come preveevo non sara’ certo rosea sia per me , per Lei e ovviamente i nostri figli. In sostanza tutti ne usciamo logicamente sconfitti, ….. ma cio’ che ci colpira’ di piu’ sara’ la sconfitta umana che subiranno tre persone….. Io e i miei due figli, perche’ se è vero che per Lei i problemi saranno al limite quelli legati ai soldi per me saranno piu’ significamente quelli legati agli affetti sentimentali, morali e umanicon cui ho ancora nella mia testa un saldo rapporto familiare……

Pagine: 1 2 3 4

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili