Voglio suicidarmi, ma poi la mia nonna??

di gloria78

Salve ho 32 anni e nella mia vita sono stata la figlia che nessuno voleva!!
La pecora nera cresciuta sempre per farsi accettare e lottare per sopravvivere!!
Poi l’adolescenza passata a cercare l’uomo che ti porterà via da tutto questo!!
Poi amori sbagliati, amori inutili, botte, violenze, sia psicologiche che fisiche!!
Ed eccomi qua con la morte nel cuore da quando forse praticamente sono nata!!
Voglia di morire che ti tiene compagnia sempre e che non ti abbandona mai!!
Poi finalmente uno spiraglio una persona giusta un amore vero!!
Vero per me!! Poi un giorno ti ritrovi a sentirti dire che non sei mai stata amata, che di te a quella persona non gli e mai importato nulla!!
E allora l’ennesima sofferenza l’ennesimo colpo al cuore!!
E allora si che la voglia di morire appare forte e sempre più grande!!
Ho già provato tante volte a farlo ma poi qualcosa mi fa sempre tornare indietro dal punto di non ritorno!!
Allora se poi mi dico che ora lo farò lo preparo e poi.. immagino la mia nonna disperata, con le lacrime agli occhi e il dolore nel cuore||
Lei che ora ha bisogno di me, lei che mi ha dato l’amore di una mamma e di un papà che non mi volevano!!
Voglio solo dire una cosa alle persone che credono che chi dice di volersi suicidare poi non lo fa!!
Chi lo dice lo vuole fare è che magari non riesce a superare il punto di non ritorno!!
O magari pensa di deludere le persone che gli vogliono bene!!
Ma chi lo dice è perché nel cuore ha voglia di farlo e prima o poi troverà quel coraggio che gli manca!!
Ma prima o poi si offuscherà il motivo per cui non va oltre, attraverserà quel punto!!
Lo dico perché io lo farò prima o poi!!
Grazie gloria c.

  

L'autore ha scritto 3 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere attinenti a:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

Una lettera scelta dal caso proprio per te...

20 commenti a

Voglio suicidarmi, ma poi la mia nonna??

Pagine: 1 2

  1. 1
    colam's -

    perciò quando, il più tardi possibile, verrà a mancare tua nonna, dovrai scegliere se vivere o suicidarti.

    Io ti consiglierei, per esperienza, di tagliare con questa realtà e per esempio espatriarti. Il mondo è vario. Puoi vivere delle vite completamente diverse da quella che vivi ora. Partire è un pò muorire, ma è anche ricominciare da zero e darsi una nuova possibilità !

  2. 2
    simone -

    Ciao Gloria,
    no non lo farai per il semplice fatto che vorrebbe dire arrendersi di fronte a chi ti ha ridotto così!!
    Inoltre se 78 è il tuo anno di nascita hai ancora molto tempo perchè le cose possano cambiare, non hai 70 anni!
    Non darti per spacciata, ora la pensi così, ma magari un giorno dirai “come ho fatto a pensare una roba del genere??” Per me è stato così! E uscivo da due anni disastrosi sul piano famiglia-affetto-relazioni-salute.
    Quindi se posso aiutarti lo faccio volentieri, parliamone, probabilmente tante pagine brutte della tua vita corrispondono alle mie. Coraggio piccola Gloria, ora è notte ma poi verrà il giorno..

  3. 3
    simone -

    Ah, e devi vivere per te stessa no per tua nonna

  4. 4
    rossana -

    cara Gloria,
    ti capisco a fondo: la tua è la ferita dei non desiderati, che si è aperta in te quando ancora eri piccolissima, e nemmeno ti rendevi conto di soffrire, e che è molto difficile da sanare.

    ma tua nonna ti ha amata e ti ha dato l’affetto e le attenzioni che ti consentono oggi di avere un legame (se pur minimo) con la vita, che in ultima essenza si basa spesso quasi unicamente sull’amore.

    da questo, secondo me, devi partire per costruire l’amore per te, essenziale per la sopravvivenza futura, possibilmente serena.

    non vedrei male una terapia a carattere psicologico, se te la puoi permettere e se hai il coraggio di affrontarla. per me ha fatto miracoli!

    un abbraccio

  5. 5
    gloria -

    si simone hai ragione ma io non riesco più a sopportare il peso di
    questa vita!!

    e credo che poco servi parlarne!!

    non mi è mai capitato di pensare quello che hai pensato tu!!
    e sono felice per te e ammiro chi è più forte di me!!

    io vivo proprio per la mia nonna

  6. 6
    attimo fuggente -

    io penso che il suicidio sia un atto puramente egoistico.. come non si può pensare al dolore che possono provare le persone accanto a te se tu dovresti ucciderti?….gli rovineresti la vita…. di momenti bui nella vita ce ne sono tanti…davvero troppi….. ma quando entra la luce vorresti vivere per sempre….ecco perchè devi vivere aspettando la luce…. a volte ci impiega mesi, anche anni…ma quanto arriva non la vuoi abbandonare più….. Sai a volte anche io mi butto giù, vorrei scomparire.. ma capisco che le persone hanno bisogno di me e io di loro….. e vedrai che l’amore arriverà…sembrerà una frase retorica… ma fidati…. arriva… intanto pensa a goderti la vita…vivi di piccole cose

  7. 7
    viandante -

    ciao gloria,anchio ho un passato tremendo e lotto ogni momento per questo,ho
    pensato che te lo potrei raccontare perche un confronto di questo tipo ti puo aiutare
    tantissimo,come e’ successo gia a me.
    provaci ad avere fiducia,mi puoi scrivere qui se vorrai :

    un abbraccio

  8. 8
    Abyss -

    so perfettamente come ti senti…. sai,il mio punto di non ritorno è
    addirittura più vicino del tuo. quello che posso dirti è solo che mi
    auguro che tu trovi altre ragioni per vivere :) p.s. sono daccordo con
    te sul suicidio,aggiungerei che quelli che dicono di una persona che
    vuole farlo che è vigliacca non capiscono niente! al massimo
    menefreghista(nel caso ci siano persone che ti vogliano bene e
    soffrirebbero nel caso in cui venissi a mancare)

  9. 9
    colam's -

    Alcuni lo considerano vigliacco in quanto ” a volte e’ più difficile vivere che muorire”.

    Secondo me il suicidio e’ vigliacco in questo senso, anche se ci vuole un certo coraggio per suicidarsi, paradossalmente. Credo che la differenza sia tra il coraggio di un attimo molto intenso, rispetto al coraggio di continuare giorno dopo giorno malgrado il logorio.

  10. 10
    sisley-68 -

    x gloria! ti racconto una storia. cera una volta una ragazza. era bella,giovane e con tanti ambizioni nella vita. una giorno tutto questo e’ stato tolto da lei. lei col passare del tempo si sentiva sempre piu’ vuota dentro di se’. e un giorno decise di sucidarsi. va in una stazione dei treni e aspetta il treno per buttarsi sotto. vicino a lei cera una donna giovane incinta. al improviso vede questa donna cadere a terra. la ragazza si inchiana davanti a lei e si rende conto che la donna nn respirava piu’. la ragazza alzo di balzo da terra e urlo con un urlo straziante alla gente che stavano intorno: qualcuno ha un coltello? un ragazzo corse subito da lei e allunga un coltello. lei lo prese e taglia la pancia alla donna morta. e estrae un bambino ancora vivo.lo abracia quel bambino tenero e lo tesi fra le braccia. e pensai: ho salvato la vita di questo bambino, allora e’ per questo che devo vivere!!! la vita nn ci appartiene a noi. tutti coloro che pensano e che vogliono togliersi la vita devono pensare che la vostra vita nn ci appartiene a voi! il dio che vi ha donato questa vita e lui lo riprendera’ un giorno. ma e lui che deve decidere quando e come. ma nn voi!

Pagine: 1 2

Scrivi un Commento
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica etc) o promozionali. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie.
Rispetta l’autore della lettera e gli altri utenti: resta in tema, non chattare, scrivi sempre con lo stesso nome, fai un uso limitato di abbreviazioni SMS e Maiuscole.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
I commenti sono pubblicati alle ore 2, 6, 10, 14, 18, 22.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato. Required fields are marked *

 caratteri disponibili

Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.