Salta i links e vai al contenuto

Tante domande sull’amore

di

Siamo davvero innamorati? O abbiamo solamente bisogno di qualcuno che ci stia accanto? Cosa ci spinge a volere bene una persona? Cosa porta a non volerne più? E invece quando la si decide di sostituire con un’altra? E’ tutta questione di sesso o si può amare anche senza? Si può ritornare con la stessa persona? Che cosa spinge a tradire: la noia, la monotonia, la voglia di trasgredire? In una coppia c’è sempre quello che tradisce? Cos’è cambiato nell’amore in questi ultimi 100 anni? Come mai coppie durature “per sempre” non esistono più? Che cosa è veramente il sentire la mancanza di qualcuno? Che differenza c’è tra amare e volere bene? 

Sono una lista di quesiti che mi sono venuti in mente sull’amore, che dovrebbero far riflettere le persone che leggono.

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:
Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Riflessioni
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

14 commenti a

Tante domande sull’amore

Pagine: 1 2

  1. 1
    Rossella -

    Noi stessi siamo il destino. E’ chiaro che una ragazza che si è allontanata dalla famiglia per partecipare ad una gita scolastica piuttosto che per parlare con un ragazzo (quindi una ragazza della mia generazione) difficilmente riuscirebbe ad innamorarsi alle condizioni dei nostri genitori. Bisogna essere realisti. Io ho una zia che ha meno di cinquant’anni e vent’anni fa si truccava con l’anta del mobiletto aperto perché il padre, mio nonno, le comunicava un timore reverenziale. Sicuramente ha avuto più libertà di mia madre e delle sue sorelle perché mio nonno non viveva fuori da mondo, ma dalle domande che faceva a sua moglie si capiva che non gli sfuggiva nulla. E considera che io vivo una vita casalinga. Ma ti mentirei se ti dicessi che per me sarebbe possibile amare un uomo indeciso al di fuori di un determinato contesto sociale… più si entra nel mondo, più ti confronti con persone che dimostrano di avere una certa ampiezza di vedute, e più ti senti schiacciata dalla loro fragilità. Soprattutto quando cercano di organizzarla razionalmente all’interno della cornice del loro orgoglio. Vai in vacanza con gli amici? E l’anello dove sta? La casa è pronta? Questo è l’amore “progressista”. Io lo immagino così. Noi stessi siamo il destino. Le tue esigenze sono un qualcosa che io non devo percepire. Vivi fuori dal tempo? Io non ho problemi. Ti posso aspettare tutto il tempo che vuoi. Non so se mi sono spiegata! Per me l’amore è obbedienza.

  2. 2
    Rossella -

    PS Oggi abbiamo molta più libertà, ma i principi restano gli stessi, altrimenti, posto che l’uomo è un essere relazionale, l’amore diventa sudditanza affettiva…

  3. 3
    Simeone -

    Si,può capitare; certo, anche la solitudine può essere la motivazione.Probabilmente molte ragioni osno inconsce, non sono ad un livello di pura consapevolezza ancorchè coessenziali a noi stessi. Non ne vuoi più quando quel rapporto è saturo e non ti dà più nulla. Credo che si possa amare senza sesso, ma non è per me, non deve essere una legge universale quello che penso io o che pensa un’altra persona. Si può tornare con la stessa persona, ma non so se abbia un senso. ci spinge a tradire la nostra natura, nient’altro, c’è chi non può farne a meno e chi invece è fedele. dipende se tradimento intendi solo l’atto sessuale, ci sono altri tradimenti ugualmente deliteri, e vi si può tradire a vicenda. Stai parlando dell’amore come fosse una divisa, era cucita cosi fino all’ anno x , etc. Il per sempre non esiste più per l’emancipazione sessuale ed economica della donna. La mancanza di qualcuno è tutto un fatto mentale. Se una persona vuole essere presente può esserlo relativamente a centinaia di km, oppure puoi tenerlo accanto e non riuscire a guardarvi in faccia. Questa tua voglia di mettere etichette a tutto non ti aiuterà. Ma penso che fondamentalmente una persona che ti ama non ti lascia.

  4. 4
    Angwhy -

    Tante domande,una sola risposta:Ci si stufa,ora come un secolo fa,solo che prima non c’erano alternative

  5. 5
    Nucciola -

    Esattamente le domande che mi pongo io e a cui non credo di avere risposta, purtroppo.
    Spero che qualcuno possa rispondere…

  6. 6
    Rossella -

    …Ripensandoci credo proprio che l’amore non potrebbe essere qualcosa di diverso dall’obbedienza. Questo vuol dire che esiste un limite. Ho notato la mia sensibilità in un gruppo di persone che evidentemente questo limite lo conoscono e non hanno avuto la forza di manifestare sentimenti che, nel bene e nel male, fanno parte della nostra comune natura. Questo silenzio mi ha rassicurato nella misura in cui per natura tendo ad essere una rinunciataria quando si toccano determinati aspetti del vivere. Dunque posso capire cosa può vivere una donna in determinate circostanze. Ma non è il rapporto tra coscienza e libertà a interessarmi, perché io mi considero molto più forte di insinuazioni che parlano della scoperta dell’acqua calda. La considero una cosa talmente scontata che al massimo proverei imbarazzo nel relazionarmi con qualcuno che ho conosciuto sotto altre vesti. Anche se tra di noi non c’è stato niente il pensiero mi blocca perché dentro di me porto una determinata immagine della coppia che mi fa sentire un’intrusa e me lo fa vivere come un terzo in comodo. Ma si tratta di una cosa mia. Per il resto non mi considero tanto bigotta da pensare che dovrei vergognarmi perché altre persone pensano che io potrei essere una donna passionale. Si tratta di un discorso lontano anni luce dal mio modo di vedere.

  7. 7
    Michelle -

    Basta farsi qualche lettura sulle caratteristiche biologiche/evolutive dell’innamoramento, amore, relazioni sociali ecc. e avrai le risposte che cerchi

  8. 8
    J.J Bad -

    Ottimi spunti.
    Praticamente ora si potrebbero chiudere tutti i topic riguardanti l’amore e tenere aperto solo questo!

  9. 9
    Adam -

    “That question is too good to spoil with an answer.” (cit)

    E allora qualche spunto,

    Sometimes:
    https://www.youtube.com/watch?v=IF2PUT1O89s

    Altre volte,

    https://www.youtube.com/watch?v=TSVtelWfouQ

    Ma anche

    https://www.youtube.com/watch?v=-umMDLbqtWs

  10. 10
    rossana -

    Rossella,
    aggiungo alla tua affermazione sul destino il concetto di Carlo Castellaneta che ho fatto mio: “il destino è la somma delle nostre fragilità”.

    un caro saluto.

Pagine: 1 2

Lascia un commento

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili
Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.