Salta i links e vai al contenuto

E’ la voglia di sfogarsi che mi soffoca

Salve a tutti.
Ho scoperto questo sito per caso guardando le email, e leggendo le lettere degli altri utenti mi sono sentita meno sola di quello che sono tutt’ora.
Le lettere/sfoghi che sono su questo sito mi hanno veramente fatto aprire gli occhi, perché magari chissà, molte persone che hanno scritto qui hanno incrociato il mio sguardo per caso, in metro o per strada, e intimoriti dai mali interiori che abbiamo, ci saremmo subito come è solito mio fare, rimettersi in riga e guardare avanti.
Questo diciamo è uno dei miei più grandi problemi, ovvero l’ansia dovuta alla poca autostima che ho di me stessa.
Mi sento costantemente criticata, inadeguata, e gli standard di questa civiltà prettamente superficiali non aiutano.
Sono sempre stata una ragazza rotondetta e 4 anni fa sono arrivata a pesare addirittura 80 kg.
Ora di kg ne ho 64 ma è come se dentro fossi sempre la ragazza che pesava quella cifra.
Molte volte compro vestiti più larghi della mia taglia per cercare di distogliere lo sguardo dalle forme che odio e che non ho a parere degli altri ed infatti molti miei conoscenti dicono che sono troppo fissata, che sono arrivata al mio pesoforma, ma io sono ostinata e mi sfondo di palestra e dieta.
Tanto per aggiungere, sono una ragazza che difficilmente riesce ad aprirsi, sempre col terrore di non essere accettata (accentuato poi dal fatto che circa 2 anni fa ho perso la mia migliore amica), e la maggior parte delle volte me ne sto sulle mie e non riesco a spiccicare parola.
Il fatto più grave è che neanche tanti anni fa ero una ragazza completamente diversa, molto socievole e che usciva molto, ed invece ora vado a scuola e sto a casa, al massimo vado in palestra o da mia zia.
Saltuariamente esco con un gruppo di “amici” di scuola, e vedo un’amica che conosco dall’infanzia ogni tanto.
Però è capitato molte volte di inventare scuse per non uscire, tutto perchè mi sento inadeguata, senza cose interessanti da dire.
Mi odio per questo.
L’input che ha scatenato questa mia reazione è stata la separazione dei miei genitori, tanto che mi ha fatto perdere tre anni di scuola perché preferivo stare a casa a dormire e la notte a fare le ore piccole al computer.
Ora mi ritrovo a quasi 20 anni a passare la maggior parte dei giorni e dei week end da sola, completamente.
Compenso la mancanza di tutte queste cose comprando cose (prima lo compensavo col cibo), anche futili, che mi fanno sentire arricchita per un lasso di tempo minimo.
Io cerco solo affetto, vorrei qualcuno che mi capisse, vorrei conoscere e vivere l’amore che non ho ancora conosciuto, e smettere di dire bugie agli altri sulla vita che non faccio.
Ho mentito addirittura sulla mia verginità, che ancora non ho perso, tutto per non essere additata come la quasi ventenne ancora vergine.

Ok penso che come prima lettera possa bastare.
Ho tirato fuori un fiume di cose forse troppo mischiate e non comprensibili, ma non importa, come prima volta può anche andare bene no?

xx

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

3 commenti

  1. 1
    omorana -

    ti capisco se vuoi scrivere mutaforma461@gmail.com

  2. 2
    antonia cola -

    vorrei raccontare la mia storia nel programma di maurizio costanzo show……..vorrei tanto partecipare e far sapere all’italia intera le mie peripezieeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee da quando sono nata…grazie !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  3. 3
    Yog -

    Troppe “e”. Lascia stare ‘a TV e sbombati una narda, ‘scoltammè.

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili