Salta i links e vai al contenuto

Vivere o morire?

Lettere scritte dall'autore  Modestina

Ciao a tutti, mi chiamo Giulia e ho 15 anni. Ho tantissime amiche, ma nessuna di loro mi capisce davvero e quando ci provano le loro frasi sono sempre le stesse e fatte. E’ da molto tempo che penso al suicidio… da dove comincio? Bè dall’inizio… Un anno e mezzo fa sono andata dalla nutrizionista e fino ad adesso sono dimagrita 26 chili, tutti mi dicono che sono diversa, ma io mi vedo sempre la solita botte. Ho 15 anni e non ho mai avuto un ragazzo e solo per questo mi sento una povera sfigata e penso che non avrò mai nessuno e mi sento così brutta e quando cerco di sentirmi meglio, vedo qualcuno che sta meglio di me e vado in depressione. Vedo le mie amiche con il ragazzo e ci sto male e mi chiedo cosa abbia io che non vada. Piango, piango e piango e sono stufa e terribilmente stanca di farlo. Non sorrido più da tanto e anche quando ho voglia di fare qualcosa… bè non lo faccio, perchè penso che sia tutto inutile! Basta, sono arrivata ad un punto, in cui penso che sia solo questa la soluzione. Forse questi no saranno problemi gravi, ma non sapete che brutto essere guardata con schifo dai ragazzi e sopratutto non voler magiare più, anche se sono a dieta. Ho cominciato ad odiare la vita e sopratutto il cibo, la causa di tutto!

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Condividi su Facebook: Vivere o morire?

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amicizia - Amore - Me Stesso

5 commenti

  1. 1
    Ariel -

    Ciao, a 15 anni anche io facevo pensieri simili ai tuoi. Io ho 26 anni da poco compiuti e ancora non ho avuto un fidanzato, allora io che sono, la regina delle sfigate?! 😀 ti assicuro che non lo sono e neanche vengo percepita come tale dalla gente a cui do valore, e men che meno lo sei tu. È normale che alla tua età il confronto con il gruppo è importante, però rifletti su certe cose e capirai che non sei affatto una sfigata, anzi, di sicuro in te c’è un potenziale che è la tua forza che ti rende unica che ancora devi tirar fuori. Non fare dipendere il tuo valore né da un eventuale ragazzo né dall’opinione di cosiddette amiche…ma solo da te. Non pensare alla figura del “ragazzo”…guarda le persone reali. Se sei circondata da stupidi, è così un dramma non avere un ragazzo scelto tra questi stupidi? Anche io alla tue età mi sentivo brutta, adesso molti mi fanno tanti complimenti. Ero senza amiche perché semplicemente allora non c’erano persone con interessi e sensibilità simili ai miei, e altre volte perché non mi guardavo bene intorno. Magari anche tu hai vicino delle persone che devi riscoprire. La storia del mangiare è da non sottovalutare. Hai provato a parlarne con uno psicologo? Magari potrebbe aiutarti. La cosa più importante è che tu non perdi di vista la bellezza che c’è in te, smettila di mortificarla e lasciala brillare. Se io avessi dato retta al pensiero del suicidio che ho avuto alla tua età, mi sarei persa tantissime emozioni e gioie, e lo stesso dice una mia amica coetanea che alla tua età era caduta nello stesso pensiero. Ti mando un abbraccio. Ciao

  2. 2
    lau3 -

    Cara Giulia,
    il problema sta nel modo in cui guardi le cose. Prova a cambiare punto di vista, tutto sarà diverso. Hai espresso solo la tua visione di te stessa, non quella che vedono gli altri. Quando invece fai riferimento alla descrizione che altri fanno di te ” non sapete che brutto essere guardata con schifo dai ragazzi” riporti sempre la tua visione dei fatti. L’unica cosa che dici gli altri affermano di te è che “sei diversa”. Ma di che diversità si tratta? Non pensi che tutti siamo diversi? Ognuno ha una sua propria identità,completamente diversa rispetto agli altri e questo è il nostro pregio maggiore. Ogni imperfezione, se valorizzata diventerà un punto di forza. Perchè è proprio per le nostre diversità che piaciamo agli altri.
    Poi sembra tu abbia un rapporto difficile con il cibo, ma se sei in cura con una nutrizionista fidati di lei, parlale e segui i suoi consigli, spesso il problema non è solo quanto si mangia, ma come si mangia.
    Hai fatto già un grande passo, parla parla sempre dei tuoi problemi con qualcuno e cerca di farlo con chi ti tiene veramente a cuore.
    Valorizzale le tue imperfezioni, coltivale, è l’augurio più grande che ti possa fare.

  3. 3
    Secco -

    Credo che tu sia una persona molto più sensibile rispetto alle tue amiche, per questo le loro parole non ti bastano. Il dirti che queste cose passeranno, che troverai qualcuno e che ci sarà sempre qualcuno più “felice” di te penso che ora servi a poco.
    Ti consiglio di parlare con uno psicolgo, a scuola lo dovresti avere, oppure chiedere ai tuoi genitori di farti iniziare una terapia. Ti posso assicurare per esperienza personale che è molto utile.

  4. 4
    vinile78 -

    Cara Giulia,
    nonostante io sia un ragazzo (… beh ormai un uomo, ma comunque di sesso maschile), alla tua età avevo problemi simili ai tuoi.
    I miei amici cominciavano ad avere esperienze sempre più frequenti con le ragazze, ne parlavano tutti i giorni e io li invidiavo perché non ci ero ancora riuscito neanche una volta.
    Mi sentivo brutto e sfigato. Quando si cadeva su quel discorso, cercavo sempre di defilarmi in qualche maniera per evitare l’imbarazzo di dover ammettere la mia situazione.
    Ero convinto che non avrei mai avuto esperienze di nessun genere con l’altro sesso.
    Poi un bel giorno qualcosa è cambiato, ho cominciato a suscitare l’interesse delle ragazze e ho avuto tutte le esperienze che ho sempre sognato.
    E a questo punto sai cosa è successo? Beh ho realizzato quello che tutti dicono ma a cui nessuno crede (fino a quando non lo prova sulla propria pelle) ovvero che l’estetica non è tutto!
    Io per primo ho amato di più donne dall’aspetto comune che donne particolarmente belle. E neanche le relazioni di coppia sono tutto nella vita, c’è molto ma molto altro al mondo … quindi non ti fossilizzare.
    So che alla tua età è difficile credere alle mie parole, ma come tutti un giorno ti convincerai di quanto ti ho scritto. Nel frattempo però lascia perdere i discorsi di suicidio che, come dico sempre, è una soluzione definitiva per un problema temporaneo.

  5. 5
    rob -

    Cara Giulia…
    hai 15 anni…quindi sei ancora una bambina…o meglio una via di mezzo tra una bambina ed una ragazza…ma ha differenza della bambina tu non sei più spensierata come lei…bensì oramai hai desideri di una ragazza…e vuoi realizzarli…ma tu mi sembra che stai pensando troppo!!!…anzi ti sei già ammalata di anoressia per quanto racconti….mentre le tue amiche fanno la propia vita spensierata e si prendono ciò che vogliono…tu al contrario ti scavi la fossa e cerchi di essere capita!!!…fidati…non ti capirà nessuno…e se ti uccidi…peggio per te….un pianto,due,tre delle amiche e poi tutte in pizzeria…la vita e cosi!!…non fare la mitica…di te non rimarra nemmeno il ricordo solo il dolore dei tuoi genitori…cerca di essere più dura con la vita e più forte con te stessa..in più è inutile essere belle se poi non si ha carisma….bacio..e vedrai che passa…anzi fai così….ucciditi a 35 anni…datti una metà poi me lo farai sapere a conti fatti io ne avrò 67…..e poi mangia che le secche non piacciono a nessuno

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili