Salta i links e vai al contenuto

La vita ti lascia senza parole

Ciao..
ed eccomi qui a scrivere di nuovo scrivo perché ho molti pensieri per la testa e non riesco a focalizzarmi su uno solo.
La vita mi domando cosa sia…. un giorno sei felice come fossi in paradiso e l’altro vai direttamente all’inferno senza passare dal via.. e poi che dico.. un giorno un’istante una frazione impercettibile di tempo..
Non so più nulla.. non so cosa sia l’amore e nemmeno l’amicizia.. beh dovrei saperlo perché alla fine ho chi mi ama e anche amici.. a cui voglio molto bene e un’amica fantastica.. ma è tutto così dinamico che a volte hai paura che tutto potrebbe cambiare che chi credevi fosse stato tuo amico per la vita un giorno non lo è più e fondamentalmente non sai nemmeno tu perché.. la persona che amavi e che credevi ti amasse ti ferisce il cuore e rimane impassibile alle ferite che ti ha provocato non rendendosi conto che a volte sono singoli e piccoli gesti a farti del male più di qualsiasi cosa..
E poi? Poi? Poi il destino ti mette sul cammino delle persone che ti domandi che ruolo hanno… ti chiedi se sono mandatari del paradiso o dell’inferno… ti chiedi se li hai incontrati per avere la forza di andare avanti o per complicarti e distruggerti ulteriormente la vita…
Tutto diventa relativo… nessuna certezza… tutto un oblio… tutto un se chissà forse sarà.. eppure dovremmo smettere di farci paranoie e castelli perché la vita è un lampo e sfugge via.. velocemente ma non ci riusciamo almeno io non ci riesco.. continuo a soffrire per una mancata piccola attenzione o per una telefonata che non arriva o per una semplice parola non detta o detta al momento sbagliato.. non lo so perché non so più nulla.

L'autore ha scritto 4 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso - Riflessioni

1 commento a

La vita ti lascia senza parole

  1. 1
    -Rosso81- -

    ciao 😀

    per me, entrare in contatto con gli altri è spesso difficile. c’è uno
    spesso strato di atteggiamenti protettivi, desideri, diffidenza,
    egoismo da entrambe le parti, una bolla difficile da perforare e che
    impedisce di comunicare ad un livello profondo. si rimane in
    superficie, si parla del più e del meno, magari si cerca in tutti i
    modi di suscitare la risata, in ogni gruppo c’è sempre chi riesce ad
    animare un po’ di più, tutti ci sfoghiamo con la risata e ci
    accontentiamo. quando i contatti sono questi non c’è da meravigliarsi
    della facilità con cui vengono cancellati dal tempo.

    l’amicizia, così come l’amore, richiede una attenzione costante ed un
    lavoro costante. è una di quelle cose che va continuamente alimentata
    se no muore.
    per le esperienze che ho avuto, posso dire che è inutile pretendere
    qualcosa dagli altri, tutto deve sempre originare da noi, in questo
    abbiamo la più completa responsabilità. questo significa che, per
    quanto possa sembrare ingiusto, dobbiamo essere noi a fornire tutto
    l’amore tutta l’amicizia, l’onesta, la gratitudine, il perdono di cui
    siamo capaci; gli altri non faranno altro che semplicemente
    rispecchiare questi nostri sentimenti, secondo le loro capacità.

    io cerco innanzitutto di rimanere fedele a dei valori interiori, che
    mi danno la stabilità necessaria per essere costante anche nei
    rapporti con gli altri. credo nell’onestà e nella fiducia, quindi mi
    comporterò così nei confronti degli altri a prescindere dai loro
    atteggiamenti; credo nella libertà e nella gratuicità, quindi cerco di
    non creare vincoli nelle mie relazioni e di dare quello che posso
    senza aspettarmi nulla in cambio; credo nel servizio e nell’impegno
    personale, quindi cerco di contribuire al soddisfacimento dei bisogni
    altrui e mi faccio carico del buon andamento della relazione…

    anche io a volte soffro per le mancate attenzioni o per degli
    atteggiamenti delle persone a cui tengo, ma cerco di avere sempre un
    atteggiamento attivo piuttosto che di rassegnazione o di risentimento.
    fare il primo passo è sempre la soluzione migliore se sai quale è il
    tuo obiettivo.

    l’unica certezza, la dovremmo riporre in noi stessi. io credo che il
    modo migliore per sperimentare l’amore e l’amicizia sia quello di
    donarli entrambi gratuitamente, senza aspetarsi niente. se si è
    abbastanza costanti e fortunati troveremo persone che la pensano come
    noi… ma non è detto che ciò avvenga! in ogni caso avremo comunque
    dei buoni rapporti con le persone a cui teniamo.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili