Salta i links e vai al contenuto

Victoria

Lettere scritte dall'autore  

Mi venne spontaneo, dopo un paio d’ore che i nostri sguardi dribblavano lettini e ombrelloni incrociandosi a tratti. I suoi occhi rilassati si schiusero appena mi avvicinai portando un caffè preso al baretto adiacente al lido. Non sembrava stupita del gesto, forse perché mi aveva visto allontanare senza portare via nulla tranne qualche moneta. Accettò sorridente l’omaggio e mi ringraziò in un italiano francesico che diede un sorriso al mio volto. Bevve mentre tornavo al mio posto, fumo’ una delle sue e si sdraio lasciandosi accarezzare dall’ormai tenue sole pomeridiano. Bellissima, perfetta tanto da rendermi geloso del sole che la scaldava. Aspettai ancora un po’ e, con una scusa banale mi avvicinai. Parlammo quasi a gesti tra un suo italiano rattoppato e un mio francese mimato fino a che venne l’ora di andare. Un incontro casto, bello perché tale, e provvido per avermi fatto riscoprire vivo e capace di conservare un dolce ricordo.

L'autore ha scritto 26 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

5 commenti

  1. 1
    Rossella -

    Ciao,
    la tua lettera è molto bella. In realtà ho notato che negli ultimi anni le persone non vengono più colpite dal carisma. La cosa mi sembra positiva sotto diversi punti di vista. Certamente non abbiamo più la possibilità di contare su qualcuno al di fuori di noi stessi, ma mi domando fino a che punto si possa fare affidamento sugli altri. Questa società sotto molto punti di vista mi sembra più giusta. Tutte le aspettative sono proiettate sui beni di consumo e un modo per tirare avanti si trova. Poi, per carità, capita il colpo di fulmine, ma per il resto si arriva ad un’età in cui le persone si stancano di starci male. In diversi contesti si punta il dito contro questo sistema (che io non voglio assolvere) ma nessuno pensa mai al fatto che dovrebbe esistere il senso della misura. Per cui io condivido il pensiero del santo padre sulla chiesa e sul mondo, ma mi domando fino a che punto sia giusto per la chiesa postconciliare. Alla fine ci saranno sempre uomini più carismatici di altri. Questa è la natura. La chiesa prima del concilio era più nascosta… giustamente la chiesa è fatta da uomini che hanno un loro percorso da portare a termine… quindi da questo punto di vista non mi trovo d’accordo con il discorso sulla maturità del sacerdote e sulla qualità dell’apostolato. Anche perché una persona brillante riesce a farti credere ciò che pensa e, in questo, da parte sua c’è tanta buona fede. Nessuno lo mette in dubbio.

  2. 2
    Rossella -

    Forse questa chiesa è meno popolare perché in maniera inconsapevole ci ha fatto credere che nel quotidiano potessero esistere altri punti di riferimento esterni alla famiglia. Poi magari capita di trovarne. Ma non è sempre detto. Anche quello dipende dal disegno che Dio ha su di noi.

  3. 3
    Cico -

    Grazie

  4. 4
    Adam -

    Ci sono incontri che lasciano un solco piu’ profondo di quanto sarebbe normale aspettarsi

    https://www.youtube.com/watch?v=6e9oA21A8tk

  5. 5
    Cico -

    Gia

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili