Salta i links e vai al contenuto

Una storia d’amore e d’inferno

Lettere scritte dall'autore  

Buongiorno a tutti voi. Vorrei brevemente raccontarmi per avere delle opinioni sulla mia situazione, a mio dire estremamente delicata.
Circa un anno e mezzo fa mi sono fidanzata con uomo. L’ho amato tantissimo, era sempre premuroso e attento nei miei riguardi, nonostante alternava momenti di ira e rabbia intesa senza che vi fosse una motivazione plausibile. Mi parlava spesso di famiglia, convivenza, matrimonio. Tanto che a gennaio dell’anno scorso, il bimbo arriva. Eravamo al settimo cielo entrambi. La gravidanza si interrompe poco dopo a nostro grande dispiacere. Dolore che io provavo ad assopire grazie alla sua vicinanza e attraverso la convivenza. Dopo pochi giorni, fece le valige e se ne ando’, sempre senza un valido motivo. Provai a cercarlo due volte la scorsa estate, per poter estrapolare qualcosa anche perché rimasi incinta per la 2 volta (tra poco ci sarà il termine), da parte sua vi erano almeno delle certezze sul bimbo e questo mi rassicurava. Da fine agosto, il rapporto sembrava essere ripartito, sosteneva di amarmi, ma soprattutto che non mi avrebbe mai abbandonata. A metà’ settembre un altro scoppio di ira, sempre con motivazioni sconosciute e la storia giunge alla sua fine. Mi prometteva visite, mi rassicurava sul bimbo ma a fine settembre scopro a mia insaputa che aveva fatto un esposto per stalking assolutamente immotivato. Da fine settembre ad oggi non vi è più stato alcun contatto. Da allora, la mia vita è l’inferno in terra, sono caduta in una spirale depressiva, ho forti attacchi di ansia, e so che tra poco nascerà il mio bimbo.
Non riesco a trovare un perché a tutto questo, ma soprattutto non saprei che cosa fare.
Non mi capacito di come tanta cattiveria sia entrata in lui.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

47 commenti

Pagine: 1 2 3 5

  1. 1
    Angwhy -

    Quindi appena si conosce qualcuno per prima cosa si fa un figlio e poi dio ci pensa,del resto siamo in un periodo storico ottimale con grandi prospettive x il futuro

  2. 2
    sara321 -

    Per rispetto , evita di commentare.

  3. 3
    Mister T -

    Concordo con Angwhy…hai bruciato un pò le tappe..questa persona la conoscevi da troppo poco tempo per decidere di avere un bambino con lui…bisogna sempre diffidare di chi, dopo solo pochi mesi di relazione, inzia a promettere mare e monti. Il più delle volte tali promesse si rilevano tutto fumo e niente arrosto come è capitato a te….

  4. 4
    Sara321 -

    Sicuramente ho riposto male la mia fiducia, ma ero innamorata , volevo lui e il bimbo come lui sembrava volere le stesse medesime cose.., mi chiedo solo come si faccia a cambiare sentimenti dall’oggi al domani.

  5. 5
    Golem -

    Ha un’altra.

  6. 6
    Yog -

    Allora, calmi e ragioniamo: il tema è che c’è un pargolo in arrivo, che costerà non meno di 150 sacchi portare all’indipendenza, tra circa una trentina d’anni. Il padre putativo fa i botti, e ci sta, sarà ansioso pure lui, e te credo. Però tutto si risolve (io il solvente lo ho ben trovato, e pure biologico).

  7. 7
    Mister T -

    Perchè in realtá non era innamorato di te, se no sarebbe rimasto invece di scappare a gambe levate…comunque adesso devi pensare al figlio che sta per nascere sperando che il tuo ex pseudo-uomo voglia almeno riconoscerlo e contribuire al mantenimento del bambino

  8. 8
    sara321 -

    Yog… No non credo sia ansioso, se lo fosse avrebbe fatto una chiamata, sparito nel nulla. Inoltre mi ha fatto un esposto per stalking che non si sa da che parte piova. Per fortuna voleva il bimbo…

  9. 9
    Rossella -

    La motivazione plausibile te la spiego subito. Allora, nel momento in cui il modello di pensiero comincia a strutturarsi intorno alla società è chiaro che da un uomo, oltre al rispetto, non puoi aspettarti altro. Le altre aspettative sono nobili e portano verso un ridimensionamento dello stile di vita, con la relativa estromissione dalla vita sociale. Non sarebbe possibile conservare un uomore stabile. L’umore si stabilizza quando il sentimento viene sviluppato all’interno di una rete che lascia i fratelli all’esterno. L’ideale dell’affraternamento viene accampagnato da politiche di repressione che riducono la vita ad un fatto virtuale. Per il resto è naturale trovarsi nella condizione di dover scegliere. Non si può servire due padroni. Anche perché si scivola nell’immoralità. Caduta dopo caduta si trova la via di casa. Ed è quello. Il progresso riguarda i rapaci.

  10. 10
    sara321 -

    Mister T , il problema e’ esattamente questo. Non ne vuole sapere nulla vista la sua sparizione.

Pagine: 1 2 3 5

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili