Salta i links e vai al contenuto

Una scuola da fiaba

Lettere scritte dall'autore  monika

FINANZIARIA. FOLENA: “PER ORA LONTANI DA SOLUZIONE A PROBLEMA PRECARIATO SCUOLA”
SALVAGUARDARE DIRITTI ACQUISITI DEI PRECARI
“La dolorosa questione del superamento delle graduatorie permanenti della scuola non è stata risolta dal governo in modo soddisfacente”. Lo dichiara Pietro Folena, presidente della Commissione Cultura della Camera. Nel maxiemendamento della Finanziaria – spiega Folena – viene compiuto un passo in avanti, prevedendo l’utilizzo della graduatorie permanenti per il reclutamento di ulteriore personale scolastico una volta attuato il piano triennale di 150mila assunzioni.Tuttavia questa previsione è ancora lontana dalla soluzione del problema e dalle richieste che tutta la maggioranza della Commissione cultura ha avanzato al governo.Non sappiamo se la mancata inclusione del nostro emendamento nel maxiemendamento del governo sia attribuibile,come dichiarato informalmente dal governo ad un errore nella formulazione del maxiemendamento stesso, oppure ad altri motivi. Ma ci aspettiamo che gli impegni dichiarati su questa materia, anche nei colloqui intercorsi tra il Presidente del Consiglio, il ministro dell’Economia e il segretario di Rifondazione Comunista, vengano mantenuti nel prosieguo dell’esame della legge finanziaria.”Non si può – conclude Folena – colpire i diritti acquisiti di persone grazie alle quali sinora la scuola ha potuto funzionare. Persone che in larghissima parte hanno votato l’Unione. 150mila persone che si aspettano risposte concrete”
E’ stato postato sul sito di scuolanostra da GUIDO IODICE,portavoce dell’on.Folena,del partito di Rifondazione Comunista,che molto si è impegnato per difendere i diritti degli insegnanti precari e dei precari di tutte le categorie.
L’articolo 66.28 ,che emendava il comma 1 e teneva in vita le graduatorie permanenti,nonostante fosse firmato da esponenti autorevoli dell’Unione,purtroppo sembra passato a miglior vita, vittima di un errore,per cui gli articoli sulla scuola sono passati indenni nel maxiemendamento tranne che per un breve paragrafo aggiunto(cito sempre Iodice):
“Fisicamente è alla fine di quella che era la la lettera c) del comma 1 dell’art.66.
“In ogni caso, ove a seguito della piena attuazione del piano triennale per le assunzioni a tempo indeterminato del personale docente, fosse necessario comunque procedere alla copertura di posti disponibili, in deroga al meccanismo di cui alla presente disposizione*, e fatto salvo comunque il criterio di cui alla precedente lettera a)**, previo parere del Consiglio Nazionale della Pubblica istruzione, con decreto del Ministro della Pubblica istruzione, potrà attingersi alle graduatorie permanenti nonché alle graduatorie dei concorsi per titoli ed esami banditi in data antecedente a quella di entrata in vigore della presente legge. Sono comunque fatte salve le assunzioni a tempo indeterminato già effettuate su posti della medesima classe di concorso”
* cioè l’abolizione delle GP al 2010
** cioè il parametro dell’aumento dello 0,4 del rapporto alunni/classe”
Come si vede un obolo dato ai poveri precari che elemosinano certezze da due mesi sugli scalini del Web.
Neanche l’on.Folena,in qualità di presidente della commissione cultura,è soddisfatto,continua Iodice,”Il problema è che questa formulazione è troppo vaga, perché
a) non si dice che il ministero DOVRA’ ma solo che POTRA’ fare un decreto per le assunzioni dalle GP; b) non si stabilisce una percentuale (attualmente è 50%). In sostanza una norma del genere può volere dire TUTTO (cioé il mantenimento delle GP, dell’attuale sistema di reclutamento, ecc. almeno fino ad esaurimento delle graduatorie stesse) oppure può volere dire NIENTE (a causa di quel POTRA’). Questo è il problema. Quindi ad oggi nessuno è in grado di dire cosa accadrà. E questo è ciò che ci muove a continuare con FERMEZZA la nostra battaglia.”

Dunque nessuna certezza.Ancora precarietà nella precarietà nella precarietà,….
La cosa più evidente in tutta questa vicenda è la fermezza del ministro Fioroni,che ha sempre tenuto fede alle sue idee di superamento delle graduatorie permanenti ed eliminazione del precariato e le ha portate avanti in barba alle proteste.D’altro canto lui considera precari solo quelli con più di otto anni di anzianità e quelli li sistema con le ormai famose 150.000 immissioni in ruolo,gli altri con anzianità inferiore non si possono chiamare precari,devono ancora fare la gavetta,dunque ,a mio parere,sono semplicemente degli occupati della scuola a tempo determinato,occupati che con l’abolizione delle graduatorie diventeranno disoccupati e quindi un problema del ministero del lavoro,non più di quello della pubblica istruzione ,dove,dal 2010 ,tutti ,dal dirigente al collaboratore,all’impiegato del Csa per non dimenticare ovviamente gli alunni e naturalmente i felici e brillanti e giovani docenti neo immessi in ruolo,vivranno felici e contenti nella scuola pubblica da fiaba targata Fioroni.
 

 

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Condividi su Facebook: Una scuola da fiaba

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Politica - Scuola

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili