Salta i links e vai al contenuto

Treni da incubo

Uso spesso la tratta Roma-Viterbo e posso affermare che I treni ivi utilizzati sono ben lungi da quelli pubblicizzati, come il “Roma-Milano”, che coprono le distanze in meno di tre ore o che permettono la connessione a Internet.
Ignorando ogni altro disagio, io mi riferisco alla necessità di poter disporre di una toilette quando serva, il che è spesso impossibile.
Ieri 22/12/2010 ero sul treno delle 12:40 Roma S.Pietro-Cesano e nessuna delle due toilette era operativa. Vorrei che i signori preposti alla verifica dell’operatività dei servizi – che sembra non riescano ad ottenere il rispetto dei capitolati da parte dei contrattori – paghino per la loro inefficienza (o disonesta?).
Visto che siamo a Natale, vorrei augurare ai direttori Trenitalia responsabili di trovare la toilette fuori uso quando “scappa” e di dover attraversare tutto il treno per scoprire che quella all’altro capo è anche fuori uso.
Buon Natale
Domenico Pinardi

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Consumatori

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili