Salta i links e vai al contenuto

Tradisco la mia ragazza e non mi sento in colpa

Lettere scritte dall'autore  Valerio000

Salve,

vorrei raccontarvi la mia storia.
Ho 34 anni, non sono un bell’uomo perciò ho avuto poche storie nella mia vita e da circa tre anni, data l’assenza cronica di una donna e non riuscendo a trovare nessuna, ho cominciato a fare sesso a pagamento. Le prostitute mi affascinano, sono dolci, gentili e umane.
Nella mia città ne ho trovata una in particolare con cui sono diventato amico e ci andavo spesso perché, seppure il rapporto durasse poco, la cosa mi dava un senso di adrenalina e buon umore.
Ad ottobre mi sono iscritto ad una chat dove si poteva chattare con donne straniere ed ho incontrato una ragazza messicana che ha 4 anni più di me. Lei si è dimostrata disponibile nei miei confronti e ha detto di amarmi.
Non sono uno sprovveduto e so che spesso le straniere si mettono con gli italiani solo per interessi economici o per prendere la cittadinanza perciò non mi sono fidato di lei ma siccome mi sento molto solo e nessuna mi vuole, ho deciso di accettarla nella mia vita accettando il rischio.
Io non la amo ma le dico “ti amo”, sto facendo questa recita solo per non rimanere solo, perché la solitudine mi fa paura. Ho sofferto di depressione in passato e so quant’è brutta, assumo ancora degli psicofarmaci e sono in psicoterapia e dopo 6 anni ne sono uscito perciò ripiombare in quella situazione mi terrorizza.
Così, senza mai esserci incontrati di persona, ma avendo avuto solo un “fidanzamento” virtuale, ho accettato di accoglierla in casa mia.
Lei non parla italiano ed è recalcitrante ad impararlo, cosa che mi preoccupa perché in questo modo non potrà trovare un lavoro.
Vuole subito un figlio e questo lo Voglio anch’io perché ho un forte istinto paterno e vorrei tanto amare un figlio mio, carne della mia carne… ma lei non la amo.
La vedo come un animale domestico che entrerà in casa mia a farmi compagnia.
Perciò un giorno, mentre ero nella mia città di origine (io vivo in un’altra città), mi ha scritto la mia amica prostituta per un saluto e chiedendomi se fossi o meno nella mia città.
Quella donna mi piace troppo, rappresenta i miei sogni erotici incarnati, poi sa prendermi per il verso giusto e andiamo molto d’accordo. Non è la classica professionista fredda e distaccata.
Dopo ogni rapporto sessuale rimaniamo a parlare e a scherzare e mi sarei fidanzato con lei se non avesse fatto quel lavoro.
Come dicevo, lei mi ha scritto ed è stato un attimo. In meno di 5 minuti ero già a casa sua, nudo, a fare sesso con lei.
Quando sono uscito da casa sua, non mi sono sentito minimamente in colpa per quello che ho fatto, anzi! Il tradimento mi ha dato una scarica di adrenalina unica, mi sono sentito potente, maschio, fiero di aver compiuto l’atto del tradimento.
Inutile dire che mi sono visto altre volte con la mia amica e con altre prostitute ogni volta vantandomi con me stesso per quello che facevo e sentendo il brivido della trasgressione attraversarmi il corpo come una scarica elettrica.
Presto lei arriverà in Italia, ci sposeremo ma io continuerò a tradirla per il semplice fatto che non la amo e perché mi piace quella sensazione adrenalitica che provo quando esco dalla casa delle prostitute.
Con loro nessun impegno, nessuna rompiballe che si innamorerà di te chiedendoti di lasciare tua moglie… solo sesso fine a se stesso in cambio di soldi.
Ora guardo con disprezzo chi è fedele alla propria moglie o al proprio marito perché dovete sapere che prima o poi chiunque potrebbe finire cornuto pertanto è meglio prevenire e sapere che il giorno che lei (o lui) verrà a dirti: “Ho un altro”, tu potrai rispondere a testa alta: “Ah si? Ti ho fatto le corna anch’io!” cosa che invece ti devasterà se sarai stato un marito o una moglie fedele e devota.
Io ho messo in conto tutto: eventuali corna da parte sua, eventuale abbandono del tetto coniugale per un altro uomo o per eventuali problemi economici.
Non mi interessa. A me interessa solo avere un “cane umano” che mi faccia compagnia e che non mi faccia sentire solo perché la solitudine genera depressione e la depressione è “il cancro dell’anima.”
E voi cosa ne pensate? Sono un essere spregevole?

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Condividi su Facebook: Tradisco la mia ragazza e non mi sento in colpa

Lettere correlate a:

Tradisco la mia ragazza e non mi sento in colpa

Continua a leggere lettere della categoria:   - Amore - Me Stesso

10 commenti

  1. 1
    William -

    Sei un id…a altroché, fai un po’ ridere e un po’ pena, quindi tu saresti quello figo che paga per sco….e e pensa di tradire una donna con cui hai una “relazione” virtuale?Sei convinto di essere quello forte nella storia ma sei il più debole e mo che quella arriverà per fare un bambino poi ne riparleremo, tuttavia meriterai quello che avrai dopo, si vede che hai avuto poche storie, poca vita, poche esperienze, hai seminato poco e male e raccoglierai solo rogne, continua a vantarti ce ne racconterai delle belle tra qualche anno. Sarebbe interessante capire una persona come cavolo ci arriva a pensare e a vivere una vita come la tua, una famiglia un’infanzia un’adolescenza un’istruzione normale l’hai avuta? Se non avessi avuto tutto ciò, be mi dispiace ma allora si, sei da compatire e aiutare, ma non qui, la strada è altrove!

  2. 2
    Mister+T -

    Mi dispiace ma con questi presupposti é meglio che lasci perdere la messicana e ti cerchi un’ altra fidati. Nel frattempo se ti fa stare bene continua a frequentare la prostitua che male non puó farti ma lascia perdere l’ altra per caritá

  3. 3
    Suzanne -

    Fai quasi tenerezza.

  4. 4
    nikolas -

    Francamente non ti capisco, è come se tu avessi due personalità, di cui una anche un po’ stronza.
    Mi viene facile comprendere la vita che trascorri con le prostitute.
    Perché ti da una scarica di adrenalina che serve, in cambio di somme di denaro ragionevoli e concordate.
    Fai bene: la solitudine non è essere soli, ma amare gli altri inutilmente.
    Ma la storia del “cane umano”, proprio non mi va giù.
    Vorresti fare dei bambini che probabilmente ti spoglieranno di tutti i tuoi averi per poi gettarti nella Geenna, come è giusto che sia..
    Non crederai veramente di essere amato da un figlio che troverà in te
    il padrone di una madre-barboncino?

  5. 5
    Bohemien82 -

    “La vedo come un animale domestico che entrerà in casa mia a farmi compagnia.”

    Lei invece ti vede come la botta di kulo dell’anno! Facci un figlio bravo!
    Continua ad andare a mignotte che è meglio va..

  6. 6
    Konta Giante -

    Io approvo abbastanza il tuo modo di vedere le cose ma apporterei due correttivi:
    1. Sceglierti un’inglese o una francese anche bruttina ma di carnagione chiara.
    2. Sottoporti a vasectomia prima di farci l’amore.

  7. 7
    Ponnesio81 -

    Capisco quello che scrivi, però (colpa mia) non comprendo a pieno il bisogno di avere per forza una compagna in casa.
    Io al tuo posto continuerei con gli incontri a pagamento e se in futuro arriva una compagna vera che ben venga, ma devo amarla non è che mi metto una rompi pa**e in casa che neanche ho amato per un istante.

  8. 8
    Denebulas -

    Non metterti in casa problemi. Aspetta quella giusta e se non arriva leggi questo sito:
    ilredpillatore.org

  9. 9
    Tu sei.. -

    Uno dei più sfigati che mai sia passato per di qua!

  10. 10
    Sono La hit dell'estate -

    I maschi italiani sono l’Italia peggiore assieme alla loro controparte femminile.

Lascia un commento

Massimo 2 commenti per lettera alla volta

Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili