Salta i links e vai al contenuto

Test di selezione? Che baggianata!

Che gioia professore! Allora niente più test, dunque! Misuratori imprecisi di qualità sfuggenti?
Di sicuro bilancini da maneggiare con cura. Un ricordo. Mi trovavo alla Rai di Torino, quinto piano. Corridoio, salottino, attesa. Io e un’altra raccomandata aspettavamo il gancio che avrebbe arpionato le nostre carriere professionali. Ci chiamano e ci conducono in una stanza con specchio beretta. Tavolo immenso; noi facevamo mezzo chilo di persona visto che il sudore ci aveva liquefatto. Mi sa che c’hanno lasciato sole per la puzza che facevamo. Io, lei, e a testa un malloppo di fogli di carta: tests!!! Premesso che mi avevano raccomandato per fare la compilatrice, cioè nello specifico dovevo imparare un mestiere e per cominciare dovevo scrivere le scalette delle trasmissioni. Gavetta più che doverosa e necessaria. Quindi, restai sorpresa tra rombi, quadrati e domande del tipo: hai mai pensato di uccidere i tuoi genitori? hai tradito? dopo 4 pagine… sei fedele? dopo 12 vuoi bene a mamma e papà? Sono rimasta così attonita, con un senso di vergogna imbarazzante che non ho scritto una parola. Mi sono alzata, ho consegnato il nulla col nulla e me ne sono andata. Il colmo è che mi hanno richiamata per dirmi che non ero brava in matematica e che avevo il cervello nello stomaco; cosa che 11 anni dopo pare valere parecchio! Bene. Questa è solo un’esperienza che volevo condividere con chi come me è stato paralizzato dalla paura di non valere niente a causa di un rombo e una risposta improbabile e impossibile.
gisellacapuano

L'autore ha scritto 5 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Lavoro - Scuola

3 commenti

  1. 1
    Sergio -

    Di colloqui ne ho fatti tanti, molti sono andati bene, altri no.
    Ma una cosa non si può fare… avere paura…

  2. 2
    Criss -

    …quelle domande che hai elencato (insieme a tutte le altre, immagino) sono quelle del test psico-attitudinale che da 30 anni fanno ai militari di leva nei 3 giorni di visite mediche. Hanno riciclato il quiz. La cosa dovrebbe farci riflettere… 🙂

  3. 3
    gisellacapuano -

    Giusto sergio! La paura è un deterrente che limita e ostacola la performance, ma è pur vero come ha scritto criss che una determinata tipologia di test è inadeguata al fine professionale, ai più intendo. Se pensate che i giornali sono pieni di annunci di ricerca personale che richiedono neolaureati in xy con esperienza triennale e questi poveri diavoli non hanno nemmeno trentanni… inoltre, quasi tutte le richieste vertono sul commerciale, cioè sulla vendita, sul prendi -chi ti dice sì a provvigione- per lo più. È un controsenso. Comunque, un controsenso. Ciao e grazie. gisellacapuano

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili