Salta i links e vai al contenuto

Sono in piena crisi

La lettera è pubblicata a Pagina 1

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

37 commenti

Pagine: 1 2 3 4

  1. 21
    imma -

    forse mi avete aiutato fin troppo…cordiali saluti!!Annett

  2. 22
    Alessio79 -

    una sola domanda come mai ti ha lasciato?che scuse ha trovato?

  3. 23
    Francesco82 -

    Ari… sei uno schifo da paura… Vai a leggerti il mio post dolore lancinante e capisci cosa fate voi donne agli zerbini che vi amano sul serio. Mi fa schifo sapere che ci sono donne, che poi nel tuo caso è una gran parola, che usano l’illusione dell’amore per estorcere denaro e l’anima ai pochi ragazzi rimasti di sani principi… e te credo che poi vogliono diventare tutti stronzi se ci sono donne che la pensano come te. Mi spiace se sono così duro ma veramente roba da matti!

  4. 24
    saidpoetry -

    caro raffaele ho letto i tuoi interventi…in cui scrivi ke alle donne nn bisogna dare tr attenzione e pressione e ke poi inavvertitamente te le troverai vicine…hai ragione..concordo. E con i maski cm funziona?sai magari tu ke 6 uomo puoi darmi un consiglio…grazie Marianna

  5. 25
    Paolo cogitoergosum -

    Wow… la piscina è davvero affollata! Allora mi ci tuffo anch’io, anche se non richiesto! 😀
    Anche se è più forte la tristezza, in effetti, rispetto all’ilarità che comunque si scatena leggendovi!
    Beh, valerio85 non ha bisogno di grandi commenti: è giovane, “focoso” e ancora tutto incentrato a sentire “cosa prova lui” per la sua ex! Un atteggiamento infantile anche se comprensibile, ci siamo passati tutti!
    Ma rincorrere un amore che “non è più un amore” (da parte di chi fugge, almeno) non è un rapporto sentimentale. E’ un rapporto di dipendenza psicologica e/o affettiva, è un bisogno di continuare nell’abitudine di “quell’affetto”, è anche solo bisogno di continuare a scopare con un partner “sicuro e conosciuto”, senza ulteriori fatiche! E’ tutto quello che volete, insomma, ma non è amore reciproco, quindi non è più un rapporto sentimentale!
    E Valerio farebbe bene (soprattutto alla sua età, com’è stato consigliato) a lasciar libere le persone, ex, amici o conoscenti che siano. Il rischio, altrimenti, è di sottoscrivere i soliti comportamenti che presuppongono (soprattutto per i maschi, ahimè) il concetto di “possesso” della donna più che un rapporto paritario e di condivisione. MA ciò implica l’essere capaci di confrontarsi, costi quel che costi, senza dire questa cosa mi piace e me la prendo”, come sempre troppo spesso succede nelle forme di violenza, soprattutto sulle donne!
    Detto questo, che non fa mai male, riconcordo con Raffaele sul fatto che secondo me, prima o poi, bisognerà rivedere il rapporto “domanda-offerta” che sembrava, sino a qualche tempo fa, tutto sbilanciato a favore della donna (te la dò quando dico io, ti faccio credere che hai scelto tu ma ho deciso sempre io, ti faccio fare quello che voglio, ce l’ho solo io, ecc, ecc).
    E persone (prima ancora che donne) come Ari, tutte prese a far vedere la loro supremazia e la loro capacità di “scegliere” e di rifiutare a seconsa delle loro voglie, sono il segno di una concezione davvero malata e distorta delll’approccio sentimentale.
    Persone come Ari sono cresciute a “pane e veline” e il concetto di mercificazione dei sentimenti lo hanno appreso sin troppo bene. E sicuramente da qualche “cattivo maestro”, forse i genitori, l’ambiente, o altro!
    Leggere poi di somorina o altri che parlano di “aver sempre avuto in pugno” la propria relazione sentimentale è ancora più deprimente e triste!
    Amare è davvero difficile, a volte non ci si arriva mai per tutta la vita, a volte lo si impara dopo aver pagato (o fatto pagare) prezzi altissimi, sulla propria pelle o su quella degli altri.
    Amore, porca puittana, tanto perchè sia chiaro, presuppone il concedersi “totalmente” alla persona amata, che non significa perdere la propria identità, anzi! Si concede e si “annulla” nell’amore chi ha la maturità ed il carattere per sapere, di se stesso, che non rischia nulla nel “darsi”! Nell’Amare.
    E’ un po’ come quelle donne frigide (e quante!!!) che sono tali perchè “non si abbandonano mai”!

  6. 26
    Francesco82 -

    Paolo cogitoergosum:
    o sei un insensibile o non capisci nulla dell’amore… forse se non hai il concetto che anche tu possiedi alla tua donna come lei a te se decidi di starci insieme altrimenti, allora, tutti sono liberi di andare a letto con la tua lei? Non credo proprio lo pensi!
    Per favore piantala di essere cos’ duro con gli altri per favore e di godere delle sofferenze altrui… Apprezzo quello che hai detto su ari, ma ricordati che ognuno di noi ama dando se stesso come può e che ognuno di noi è diverso. Amare significa non fare a meno di una persona? beh si… tu la chiami dipendenza psicologica.. beh se uno ne avesse la consapevolezza come te tutti cambierebbero moglie senza problemi anche dopo 30 anni di matrimonio!

  7. 27
    Paolo cogitoergosum -

    Francesco82,
    cresci, ragazzo mio. La tua opinione è degna di ogni altra, com’è degna la mia volontà di essere “duro”, come dici tu!
    Ma usa quel cervello che anche tu dovresti avere nella scatola cranica!
    Che tanto, a 80 anni non te lo rimborsano, nemmeno se non lo hai mai usato, la garanzia è scaduta!!!
    Io non sono affatto duro con gli altir, soltanto esaudisco le richieste di “dire come la si pensa” che molti qui affermano di voler sentire.
    Solo che la maggior parte è in mala fede, sapendo di esserlo, e vorrebbe solo essere sollevato dai propri sensi di colpa!
    Certo, si può fare anche questo, basta chiedere, senza ipocrisia nè furbizie dialettiche!
    E sul concetto di “possedere la tua donna”, continui a sostenere delle tesi (se ho ben capito, perchè ti esprimi in italiano stentato e approsimativo) che sono OFFENSIVE, MORTIFICANTI e PERICOLOSE, soporattutto per le donne che si imbatteranno ancora in te.
    Ma puoi sempre decidere di crescere, di maturare e di rinunciare un po’ al tuo egocentrismo e, anche, alla tua misoginia latente!
    E sul fatto di essere scandalizzato perchè tutti “cambierebbero” la moglie dopo 30 anni di matrimonio…. egregio piccolo Francesco(2, informati, studia, leggi, cresci e non accontentarti delle discussioni da “bar” che farai tutte le sere, tra maschietti ovviamente!
    Oggi in Italia vi è un divorzio ogni 4 minuti, OGNI 4 MINUTI, tce la fai a recepire il concetto??
    Prova a fare due conti, e ti accorgerai che la maggior parte delle “mature coppie sposate” si dividono ben prima di raggiungere i 30 anni di matrimonio!
    Spesso già dopo 30 giorni… sono alla frutta!
    Apri gli occhi, l’Italia e tutti noi abbiamo bisogno di persone che ragionano, quindi anche di te, che però sembra tanto che tu abbia il cervello pronto da rottamare!

  8. 28
    Francesco82 -

    Come volevasi dimostrare… prima o poi ti beccherai una querela. Ricordati che:

    1) Il mio italiano non è approssimativo tant’é che ho una laurea in scienze della comunicazione
    2) Parli di rispetto delle opinioni altrui quando ti limiti ad insultare
    3) Maturità non significa accettare il mondo come è ma cercare di cambiarlo per quanto ci è possibile.
    4) Il mio concetto di possesso, se rileggi bene, è riferito ad una fedeltà assoluta reciproca. Non al possesso talebano.
    5) Non ho detto che i matrimoni finiscono dopo 30 anni, rileggi: ho detto che parlando di “dipendenza psicologica” nessuno si farebbe problemi a cambiare compagna/o dopo 30 anni che ci stai insieme.
    Ti auguro tanta fortuna.
    P.S. Misogeno non lo sono mai stato, ma potrei diventarlo dato il livello morale che c’é oggi.

  9. 29
    Paolo cogitoergosum -

    Francesco82,
    il fatto che dici di essere laureato in Scienza della comunicazione dimostra quanto sia scaduta la scuola italiana, università in primis!
    Un tempo, persone del tuo livello culturale e linguistico venivano fermate alle medie!
    E non ho bisogno che tu mi traduca quello che tu stesso hai detto: sei un libro aperto, dove purtroppo perònon è scritto nulla!
    Ti ripeto, hai un unico vantaggio, data la tua giovane età: crescere, crescere e crescere ancora, perchè non è mai troppo tardi per diventare uomini!
    Ma tu hai proprio dei seri ed enormi problemi nella comprensione della lingua italiana, oltre che nella sintassi e nell’esposizione di concetti elementari!
    Sarebbero da querelare i professori che ti hanno fatto procedere nello studio (cioè… studio, non esageriamo)!
    E “misogeno” è un vocabolo che non esiste, illustre dottore in Sciende della Incomunicabilità!
    Come non esiste la “fortuna”, concetto astratto e filosofico che nessuno è mai stato capace, ne mai lo sarà, di spiegare con razionalità.
    Ah, sì, forse sì, qualcuno… Vanna Marchi e Soci che lo le loro minaccie di “sfortuna” e di “negstività” eterna, in qualche modo avrebbero voluto spiegare anche il concetto di fortuna, cioè, se mi paghi migliaia di euro per una candela, dei sassi del Piave e dei tappi di sughero, preziosi amuleti, ti salvi dalla sfortuna, perciò, per esclusione, ti becchi solo la fortuna!
    Torna a studiare, Francesco, ma con maggior concetrazione stavolta!
    E i tuoi “fondamentali” concetti esposti in modo astruso e dissennato, appena qui sopra, meriterebbero commenti di ben altra natura!

    Ora puoi procedere a querelare (prima o poi??), sarà per me un onore!

  10. 30
    ChiaraMente -

    A quanto pare Paolo se ne intende..mi scoccia ammetterlo perchè gli piace fare sfoggio di una presunta superiorità morale che nei fatti non è documentata però su un piano teorico non fa una grinza. Certo non si può dire che abbia grandi doti empatiche ma sappiamo com’è…quello che ha preso la storta più brutta si sente autorizzato a ridicolizzare il dolore altrui in ogni occasione. Forse, se fosse meno orgoglioso, potrebbe dirci quale mostruosa esperienza ha determinato il suo sardonico approccio alle faccenda di cuore e se davvero lui non rischia nulla quando ama.Forse ha delle conoscenze in paradiso che lo proeggono dalle delusioni o forse per lui è facile darsi perchè fa finta e una vale l’altra.. Magari riusciremmo a recepire la nascosta saggezza delle sue parole senza essere ostacolati dalla naturale antipatia che suscita il suo cinismo e chissà..magari a vederlo per quello che è:uno sfigato come tanti. Ma passiamo al mio modesto contributo. Credo che cercare di riconquistare qualcuno che ci ha lasciati sia del tutto inutile oltrechè pericoloso:espone al ridicolo.Sarò sincera, te lo dico perchè mi son presa una brutta pestata, ma se ti può essere d’aiuto non sono morta ancora.cosa dire? Si può amare da morire ma morire d’amore no. E poi la vita è così imprevedibile…lascia fare a lei.

Pagine: 1 2 3 4

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili