Salta i links e vai al contenuto

Chissà se si chiama amore

Salve a tutti.. è la prima volta che scrivo su questo forum… ne sento la necessità perchè sto passando un periodo di totale confusione e sofferenza in cui ho bisogno anche di pareri esterni..
La mia storia con lui (il mio primo amore) inizia 7 anni fa.. ero appena una ragazzina, così come lui, ma l’età non ci impedisce di fare le cose seriamente.. ci mettiamo insieme, io a casa sua, lui a casa mia… tutto perfetto, meraviglioso, fantastico.. viviamo i primi due anni in perfetta simbiosi, poi dopo ovviamente inziano i problemi.. cresciamo, e ognuno sente la necessità di ritrovare gli spazi perduti con amici, amiche e altro.. passano anni di alti e bassi in cui io, non lo nego, soffro molto perchè sento che il rapporto sta giustamente cambiando, ma non lo accetto fino in fondo.. vado avanti ed ecco nuovi problemi: ogni 3per due lui dice di non essere sicuro di quello che vuole.. sostiene che ha bisogno degli amici, che vuole stare solo.. inizia a dare chiari segni che il rapporto, che durava ormai da 4-5 anni, gli stava stretto.. io continuo a soffrire ma lo lascio libero.. ecco quindi innestarsi il circolo vizioso dei tira e molla infiniti che per un bel pò stressano me, i miei, e tutti quelli che ci conoscono.. ma io lo amavo tanto e quando tornava non riuscivo a respingerlo.. arriva poi il giorno in cui mi stufo delle sue continue crisi e lo lascio.. anzi, volto pagina e mi metto con un altro ragazzo, esattamente l’opposto di ciò che il mio ex era diventato.. il nuovo lui è gentile, premuroso, attento.. perfetto.. io sto bene all’inzio, credo davvero di poter cambiare vita e per un pò ci riesco.. almeno finchè il mio ex non viene a sapere che sto con un’altra persona e lì, puntuale, inizia a tartassarmi per mesi di chiamate e sms.. mi cerca sotto casa, mi chiama di notte.. dice che mi ama, che è cresciuto, che ha sofferto, che vuole un futuro con me…
Ecco quindi che incomincio a pensare.. mesi a riflettere finchè non decido che anche io voglio lui e che la storia col nuovo ragazzo, nonostante fosse durata in tutto quasi 2 anni, era solo il vano tentativo di fuggire dai miei veri sentimenti.. ci rimettiamo insieme con tanti buoni propositi e le cose sembrano davvero migliorate.. siamo diventati adulti quasi, e adesso, dopo sette anni, ci sentiamo in grado di gestire al meglio il nostro amore.. fino a qualche mese fa.. Come sempre lui inizia a essere di nuovo preso da se stesso, dalla sua vita, dai suoi mille impegni.. percepisco che il suo incancellabile EGOISMO sta prendendo di nuovo il sopravvento ma decido di continuare a vedere come vanno le cose.. e queste procedono ora bene, ora peggio, fino alla nostra prima vera vacanza insieme… desiderata, agognata.. siamo tornati circa 15 giorni fa e non sembriamo neppure gli stessi.. la vacanza era stata meravigliosa, incredibilmente non avevamo mai litigato, era stato tutto divertente e speciale.. pensavo che questo ci avrebbe unito di più tornando alla vita normale e invece, poco dopo essere tornati, io sollevo alcune mie perplessità legate al suo comportamento: non mi sento inclusa a pieno nella sua vita, lo vedo troppo preso da ogni cosa lo riguardi e lo interessi che non sia io.. ogni momento è buono (calcio, carte, amici) per organizzarsi la vita in maniera del tutto o quasi indipendente, relegandomi alle serate “vuote”.. ovviamente, questo è quello che penso io perchè lui direbbe il contrario! Bene, dicutiamo e lui sa dire soltanto che non fa nulla di male.. non ci sentiamo per qualche giorno, dopodichè io decido di chiamarlo e mentre discutiamo per telefono lui mi attacca la cornetta nel viso (come è suo solito fare)! lo richiamo e non risponde.. allora gli mando un sms dove, stufa, gli dico che se vuole a questo giro chiama lui.. bene, sono esattamente 15 giorni che non lo vedo e 8 che non lo sento!
E questo è amore? Come si fa a non farsi sentire e a non essere interessati a un confronto? Cosa dovrei capire da questo silenxzio, che vuole stare solo? Perchè allora mi ha rivoluto a tutti i costi, poteva lasciarmi fare la mia vita e permettermi di tornare ad assaporare la mia felicità..
La verità è che sto male.. male perchè non lo capisco, o forse lo capisco talmente bene che non voglio crederci.. lui è troppo egoista ed io non sarò mai una sua priorità.. lo si è visto negli anni e si vede adesso, ancora.. non cambierà mai.. e allora.. perchè continuo a sperarci? perchè mi agrappo all’illusione che lui possa essere quello che vorrei? Perchè, pur sapendo che merito di essere trattata meglio, non trovo la forza di dire basta per sempre? Perchè vivo di ricordi con lui e mi aggrappo a ogni momento passato insieme pur di non realizzare la mia vita senza lui? Perchè gli ho sempre dato troppa importanza?! può essere.. ma io quel pulsante con su scritto OFF, quella spina da staccare al cuore per spegnere il sentimento che provo per lui non l’ho ancora trovata…

Avete vissuto esperienze simili? Cosa ne pensate? Cosa dovrei fare? Grazie del vostro aiuto.. baciotti

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

2 commenti

  1. 1
    misterx87 -

    credo che la risposta ai tuoi perche’ sia semplicemente perche’ lo ami…e vorresti che tra voi andasse bene…invece anche 1 occhio inesperto credo potrebbe accorgersi che e’ ben lungi dall’essere 1 idillio…

    la cosa che + mi lascia perplesso e’ che e’ 15 g che non vi vedete e 8 g che non vi sentite..proprio come se aveste chiuso! fossi in te farei cosi’: prova a cercare 1 ultimo definitivo confronto, in cui gli spieghi tutto quello che pensi di lui, del suo comportamento egoista, gli dici cio’ che vorresti, se pensi che il rapporto sia salvabile e come, ecc. ecc. se lui non e’ disposto nemmeno al confronto, allora temo che siete alla frutta…se il confronto c’e’ ma non da’ i risultati sperati, allora mi sa che anche qui e’ il caso di prendere 1 po’ le distanze e cercare di capire cio’ che razionalmente sai ma che il tuo cuore non vuole accettare, cioe’ che il tuo ex si comporta cosi’ e che lo fa perche’ lo ha deliberatamente scelto..e magari per lui non c’e’ davvero niente di male, come dice…siccome tieni a lui e alla vostra storia, e’ evidente, io cercherei questo confronto, ma si ferma e trasparente…1 dialogo sui vostri problemi puo’ far andare tutto meglio, se lui e’ disposto ad ascoltarti e venirti incontro, e tu altrettanto, ovvio…altrimenti puo’ voler dire solo 1 cosa: che tu hai provato fino in fondo a stare con lui, anche lasciando l’altro ragazzo dopo 2 anni, ma che ormai e’ andata, lui evidentemente non vuole e tu non puoi obbligarlo (anche perche’ sai che bello stare con 1 che e’ obbligato a stare con te ?!)

    se ti va fammi sapere come e’ andata…
    in ogni caso, buona fortuna!!

  2. 2
    Nadia -

    Nella tua lettera, sbagli solo in un punto: quando dici che “siete” cresciuti. Perche’ mi sembra che sei cresciuta solo tu. Fa il bambino che vuole giocare con gli amici, tanto tu sei a casa che lo aspetti. Fa il bambino quando lo lasci, perche’ vuole riavere il suo giocattolo,e se ne accorge solo quando il suo giocattolo viene preso da altri, per poi metterlo da parte di nuovo quando e’ sicuro..Ovvio che non e’ facile per te rendertene conto e staccarti, lo hai amato. Ma, secondo te, ti meriti ti passare la vita a fargli da gioco? Ti meriti che lui da 8 giorni non voglia neanche parlarti, di nuovo infantile che non sa reggere il confronto?
    Lui forse avra’ i suoi motivi, ma tu conosci i tuoi…la scelta sta a te.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili