Salta i links e vai al contenuto

Sfogo personale: pensieri random

  

Ciao a tutti! Non è la prima lettera che scrivo in questo sito, ma volevo approfittarne, visto che è da febbraio che non scrivo, di parlare di quello che è successo nella mia vita in questi mesi…che non è tanto, ma meglio di niente. Quando ho scritto le 2 precedenti lettere (specialmente l’ultima) ero nel bel mezzo di una depressione che mi tormenta da 2 anni circa (ho 22 anni, a dicembre ne compirò 23), che mi ha impedito di vivere serenamente e mi ha fatto pensare continuamente al mio triste passato fatto di bullismo subito, false amicizie, malinconia e zero rapporti con l’altro sesso; inoltre, quando scrissi quelle lettere ero anche senza lavoro. Il lavoro l’ho trovato 2 mesi dopo la lettera, è un lavoro che mi comporta sacrificio (7 ore di lavoro notturno per 3 volte alla settimana) ma qualche vantaggio (il resto della settimana libera), con un buon stipendio considerato tutto.
Io dalla depressione non ne sono uscito del tutto, ho molti alti e bassi, ma da 9 mesi sto facendo psicoterapia e qualche piccolo risultato l’ho ottenuto: ho conosciuto un pò di nuove persone (e un paio di nuovi amici, sempre maschi però), ho cercato di uscire di più (non ero mai stato in una vera discoteca fino a quest’anno, quest’anno sono stato in 3 discoteche diverse), sto facendo sport…insomma, sto cercando di uscirne, ma è una gran fatica, soprattutto mentale, se non riesci a vedere la luce alla fine del tunnel. Inoltre questo percorso non è privo di ostacoli, ostacoli rappresentati soprattutto dalla famiglia, ostacoli che ci sono sempre stati ma che vedo solo ora: le mille insicurezze di mio padre (che da ragazzo ha sofferto moltissimo come sto facendo io, ma erano anche altri tempi, fatto sta che lui non riesce ad aiutarmi nè a consigliarmi ed è una cosa assurda), le ansie e gli isterismi di mia madre, mia nonna molto anziana che non si ricorda niente e fa la bambina e ha bisogno di essere seguita…e mio fratello gemello, che è come me, stesso carattere, stessi problemi, con la differenza che lui non si è ancora “svegliato”, come è successo a me.
Un’altra cosa che mi è successa in questi mesi è l’essermi innamorato per la prima volta in vita mia, di una ragazza che praticamente ancora non conosco: l’ho vista per la prima volta a maggio, frequentiamo la stessa palestra, quella sera era una cena e lei era seduta da una parte con le amiche, messa di profilo rispetto a me, io ero da solo e chiacchieravo con persone conosciute lì, quando l’ho vista e sono rimasto colpito dal suo fascino. L’ho trovata poi in discoteca che si era avvicinata a me senza che me ne accorgessi, allora ho voluto tentare un approccio, ma non sapevo come fare e ho fatto un errore, ma il suo “no” è stato gentile e con un sorriso, che me l’ha fatta piacere ancora di più, però io ero affranto dentro di me perchè sapevo di aver fallito. Nelle settimane successive la vedo sempre in palestra e lei mi lancia chiari segnali di interesse, io però ero triste e stavo ancora combattendo con la depressione, non sapevo cosa fare, non volevo scoprirmi anche se mi piaceva, avevo i soliti problemi di timidezza che mi hanno rovinato…la cosa è andata avanti per mesi, dove io ho preso coraggio e ho tentato di avvicinarmi, ci siamo salutati un paio di volte, poi lei non mi ha più voluto parlare, io le ho mandato un messaggio su Facebook dove le ho detto di volerla conoscere, senza ottenere alcuna risposta. Ne ho parlato con mio fratello, lui ha provato a chiederle l’amicizia (come ho fatto io)…e lei ha accettato la sua amicizia, senza nemmeno conoscerlo. E mio fratello mi ha detto che ha il ragazzo (che tra l’altro conosco di vista e conosco 2 suoi amici, mi dicono che è il classico s*****o), da 2 mesi circa (quando l’ho “conosciuta” era single). Io ci sono rimasto malissimo e ferito perchè avrei voluto perlomeno che rispondesse al mio messaggio. Da lì ho cominciato a ignorarla, però quando la vedo provo sempre qualcosa dentro di me e comunque faccio fatica a togliermela dalla mente. Inutile dire che non ho più provato niente per nessun’altra fino ad ora.

Diciamo che sto cercando di trovare il mio equilibrio interiore per lasciarmi alle spalle tutto quanto e cominciare a togliermi qualche soddisfazione nelle cose che per me contano veramente (in primis l’amore e le amicizie). Finora un errore grave che ho fatto è stato quello di tentare di essere perfetto, bravo, ecc. per non essere giudicato male, per poter dire “Ecco vedi, ce l’ho messa tutta!”, ma il giudizio degli altri non conta niente. Conta quello che fai per te stesso…ci sono arrivato tardi, ma ci sono arrivato. Sono convinto che la ruota girerà, deve girare. Però mi sento un pò smarrito, non so se sto facendo abbastanza, non so se sto navigando nella via giusta. Grazie a tutti per aver letto, mi piacerebbe avere un vostro punto di vista.

L'autore ha scritto 4 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Me Stesso

5 commenti a

Sfogo personale: pensieri random

  1. 1
    io -

    La tua storia “mi piace” perchè molto simile alla mia nella sostanza.
    Io vengo fuori da una brutta separazione dove ne sono uscito con le ossa rotte.
    Ora sono diversi mesi che tento di rimettermi in pista…risultati scarsi, diversi tentativi certo, ma nessun fatto concreto da annotare.
    Che dirti, facciamoci forza, tentiamo e ritentiamo.

    Non può piovere per sempre!!!
    …anche se…che tempaccio al momento!!! 🙁
    Ciao

  2. 2
    Almost-Imperfect -

    ciao steve, trovo bella la tua lettera
    ti sei fatto coraggio e stai veramente migliorando, perfetti non si è mai e le cose vanno bene e male; questo per dirti che non devi prendertela troppo se non sempre ottieni ciò che vuoi, a volte magari ci vuole più tempo del previsto, altre non è proprio possibile, ma pazienza, va bene anche così.
    Ti stai impegnando e ti stai creando molti spazi per te, bravo! Se qualche volta il tuo percorso ti sembra faticoso pensa solamente che per abbandonare abitudini mentali sbagliate ci vuole tempo e perseveranza; non buttarti giù se avrai qualche ricaduta, perché periodi difficili sono normali, per tutti.
    Ciao e un grandissimo abbraccio

  3. 3
    rossana -

    Steve,
    stai andando benissimo! bravo!

    hai trovato lavoro e stai trovando te stesso, nello scoprire innanzitutto cosa ti piace e nell’acquisire, anche, maggior consapevolezza della realtà familiare che ti circonda.

    non pretendere troppo, nè da te nè dal prossimo. cerca di vivere in positivo tutto quello che ti capita e a poco a poco ti sentirai più forte e più sicuro, anche se gli alti e bassi ci saranno sempre, com’è logico che sia…

    un abbraccio anche da me, con stima e simpatia.

  4. 4
    steve88 -

    Vi ringrazio molto per il vostro appoggio! In questo momento sono molto giù perchè demotivato, è 2 giorni che passo il tempo a casa e i miei amici sono per i cavolacci loro, non mi sento con nessuno e questa cosa mi abbatte mentalmente, perchè mi fa pensare che la via d’uscita ancora non c’è per me.

    Sto male perchè non sono un brutto ragazzo (nè fisicamente nè caratterialmente), ma ho l’autostima sotto le scarpe, non trovo la forza di agire…

  5. 5
    aleba -

    I tuoi pensieri random mi hanno colpita molto. Steve, non ti sei svegliato tardi…a 23 anni! io mi sono svegliata a 40 anni!!
    Tranquillo Steve, è tutto normale, devi solo smettere di avere fretta e coltivare con pazienza e devozione te stesso. Ottimo andare in palestra! Stai maturando la consapevolezza di esistere, è una consapevolezza fatta di piccoli passi…ma perseverati. Non arrenderti Steve! Quando siamo in carestia da tanto tempo, rischiamo di volerci abbuffare a gran manciate di vita. Ma la vita va costruita piano piano, scegliendo bene con il cuore, con la mente e con l’anima. Scegli i tuoi passi, non avere paura…NON AVERE PAURA perchè la paura è solo un allarme che il nostro cervello fa scattare quando siamo inesperti e crediamo che non ci sia luce dove stiamo andando. Ma subito dopo il cervello libera l’adrenalina per fare in modo che affrontiamo le nostre paure, perchè tante paure sono solo muri di cartapesta. Non fermarti Steve, vai oltre e vai nel bosco…non accontentarti e non temere di cadere mentre cammini. Guarda che non ci sono problemi se si cade, rialzati per te stesso e riprendi il cammino. Chiedi ciò che ti spetta e se ti viene negato pretendilo..con gentilezza. Chiedi ciò che desideri e se ti viene negato, passa oltre! non perdere tempo con rimuginazioni su ciò che sarebbe potuto essere se solo tu avessi fatto o detto o … Alzati e fai quello che ti senti. Non razionalizzare troppo e non ascoltare troppo i battiti del cuore, ascolta l’istinto. Mi raccomando, torna a scrivere e voglio che scrivi che sei uscito e hai cominciato a chiederti cosa vorresti fare da grande….

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili