Salta i links e vai al contenuto

La separazione dal mio fidanzato

Mi chiamo Giulia e ho 21, reduce da una storia di 2 anni con un ragazzo di 22.
Con lui ho vissuto i momenti più belli della mia vita, sono rinata e mi sembrava di sognare, con lui ho avuto la mia prima volta, mi diceva che provava dei sentimenti molto forti per me e che non si sarebbe mai separato.
Qualche mese fa sono successe delle cose che mi hanno combiato la vita, ossia un mio familiare era in terapia intensiva e lottava per la vita e in più ho scoperto che il mio fidanzato, la persona a cui più tenevo al mondo, mi aveva raccontato solo bugie per utilizzarmi. Lui è uno studente di Medicina e si impegnava al massimo pur di avere una media alta, lo stimavo, ma ogni sua scusa per non vedermi era legata alla sua ossessione per lo studio el’ho saputo pochi mesi fa, mi raccontava bugie per studiare e per non starmi vicino neanche al momento del bisogno.
Ha iniziato ad offendermi duramente, ogni giorno che passava diventava sempre più aggressivo e nello stesso momento il mio familiare stava morendo. Avevo bisogono di una spalla su cui piangere, e lui non c’era mai, metteva al primo posto la sua futura carriera da medico che me.
Il mio familiare è morto, e la pugnalata più grande me l’ha data tre giorni dopo lasciandomi con un sms dicendomi che era un continuo litigio ultimamente e che non se la sentiva più di continuare.
In quel periodo ero sempre nervosa e mi arrabbiavo perchè vedevo che a lui i problemi che avevo non importavano.
Ha preferito così lasciarmi senza neanche dirmelo in faccia, distruggendo ogni cosa che avevamo fatto insieme, sostituendo ogni ricordo con l’amarezza di quel gesto.
Poi ho deciso di riprendermi le cose che gli avevo prestato che si rifiutava di riportarmi, i suoi genitori non mi hanno neanche salutata ne quando sono entrata ne quando sono uscita, hanno fatto finta che io non ci fossi (anche se non ho mai avuto nulla da dire per loro).
Lui non se l’aspettava che io andassi personalmente a riprendermi le mie cose e mi ha urlato di uscire di casa sua e che non mi voleva più vedere, i suoi genitori non hanno neanche fiatato.
Nel suo ultimo messaggio mi ha detto di non cercarlo mai più, di stargli lontano in corriera o di utilizzare un altro mezzo di trasporto per lasciarlo da solo con i suoi libri.
Mi sento malissimo, non avrei mai pensato due anni fa di essermi innamorata di una persona così insensibile e di essere stata presa in giro da tutti della sua famiglia e valutata così poco dalla persona che pensavo fosse quella della mia vita.
Mi sento vuota, senza un appoggio dalla persona di cui mi sono innamorata e che ancora amo, mi ha solo lasciato le lacrime per piangere.
Non si è fatto più sentire e sono certa che non lo farà mai più.
Mi fa stare male la sua indifferenza, che abbia dimenticato tutto quello che abbiamo fatto insieme e di essere diventata solo un peso per lui.
Mi sono accorta di essere stata solo illusa, tante promesse che non saranno mai mantenute.
Ho deciso che non lo saluterò più e che non lo guarderò più in faccia, mi ha fatto troppo del male e credo che una cosa simile non si possa perdonare.
Spero un giorno di svegliarmi da questo incubo e di sorridere, e di trovare una persona diversa e dimenticarmi di lui per sempre.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

24 commenti a

La separazione dal mio fidanzato

Pagine: 1 2 3

  1. 1
    admul90 -

    ciao giulia. leggendo la tua storia vedo che stai passando un momento davvero difficile e giustamente tormentato..hai dovuto passare un lutto familiare senza che la persona che ami ti sia stata accanto e proprio nel momento più difficile ti ha lasciata in maniera fredda e vigliacca,senza nemmeno guardarti negli occhi e prendersi la responsabilità della sua scelta. per come la vedo io certa gente non dovrebbe avere neanche motivo di esistere xk sembra che nascono con il compito di illudere e poi di far soffrire. sappi che proprio nei momenti più bui si riconosce il lato migliore di se e sono sicuro che ne uscirai infinite volte più forte. te lo auguro davvero!

  2. 2
    Rosarossa -

    Carissima, ci sono purtroppo tante persone come lui e so che specialmente tra medici o futuri medici questa particolarita e’molto diffusa. Per i medici nn conta l’anima, solo il corpo. Come con il loro lavoro credono di potere rimediare ogni malessere con delle medicine, cosi nn hanno nessun sentimento verso le persone che gli stanno vicino. Per lui conta solo la carriera e lo studio. Cmq nn capisco che nn hai notato questo fatto gia molto prima, ma solo dopo 2 anni. Presumo che la sua famiglia e’benestante, mentre tu sei di provenienza piu modesta. Giusto? Questo spiega il comportamento dei genitori. Lascialo perdere, ignoralo completamente. Forse un giorno capira cosa ti ha fatto, quando incontrera una persona della quale s’innamora(sempre se ne e’capace) e lei lo tratta nella stessa maniera. Ciao, mi dispiace per il tuo parente e buona fortuna per te.

  3. 3
    Candida -

    Giulia: ho 11 anni in più di te e ne ho passate tante, ne sto passando tante, quindi ti prego di ascoltarmi.. allontanati dal tuo ex, credo sia un ragazzo molto malvagio e cinico, potrebbe farti seriamente del male, male psicologico, che è peggio delle botte.

    Non aggiungo altro. Vai via e non voltarti indietro. Fidati. Tua, Candida.

  4. 4
    Giulia91 -

    Provengo da una famiglia molto modesta, invece a casa sua sono quasi tutti laureati però nessuno di loro ha una storia d’amore ma legata a un motivo puramente economico (la zia si è sposata con un professore universitario solo per soldi..non c’è un legame affettivo tra i due).
    I genitori del mio ex ragazzo miravano che il figlio diventi una persona importante, parlavano di continuo di questi parenti ogni giorno (che io non ho mai stimato).
    Purtroppo la persona è venuta fuori negli ultimi mesi, poichè mi sono accorta delle continue bugie e i litigi appunto derivavano da queste ultime.
    Volevo vederlo ma lui diceva che doveva studiare, la sua reale passione era la matematica ma mi aveva confidato che ha scelto medicina perchè il medico ha un buon stipendio…il matematico no.
    Io credo che l’errore sia stavo fatto dai genitori che se anche non essendo laureati vedono in questi parenti un modello ossessivo da raggiungere per il loro unico figlio, a tavola si parlava solo di soldi, economia e medicina.
    Uscendo io da una famiglia modesta e avendo sempre desiderato di farmi una famiglia con affetti ho sempre visto qualcosa di negativo in queste persone che non erano interessate a me, e avevo paura che lui cercasse di diventare come loro e infatti è così.
    Il ruolo dei genitori io credo sia quello di indicare al figlio una strada giusta, facendogli capire che avere delle persone che veramente ti vogliono bene ti aiuta nei momenti difficili e che i soldi aiutano ma non fanno la felicità.

  5. 5
    piove70 -

    Ma cara Giulia91, complimenti intanto per il bel nome ;-))).. ma poi glielo vogliamo dire insieme un bel VAFFANCCCCXXX al futuro dottore??? ma dai… mi sembri una ragazza sveglia… come si fa ad essere talmente ossessionati dallo studio da lasciar perdere la propria ragazza, se la si AMA veramente??? Sai che c’è.. lui era ossessionato da una materia in particolare… ANATOMIA.. e sicuramente passava le giornate a studiare e a fare pratica sul corpo umano (che ne so.. magari soprattutto femminile..:-)..e di conseguenza non aveva tempo per te.. tanto oramai il tuo corpo l’aveva già studiato a fondo e quindi non gli serviva nemmeno un ripasso veloce…:) Ma poi in questo passaggio della tua lettera: “”Nel suo ultimo messaggio mi ha detto di non cercarlo mai più, di stargli lontano in corriera o di utilizzare un altro mezzo di trasporto per lasciarlo da solo con i suoi libri””.. scusami ma mi è venuto da ridere….. DA SOLO CON I SUOI LIBRI.. ahahhahahaha… ma dai… se il FUTUTO LUMINARE DELLA MEDICINA sarà sveglio nella sua professione come lo è ora nella vita.. non mi farei curare da lui nemmeno un’unghia incarnita… Fai bene a non sautarlo più!! non ti ama e poi chi ci fa del male e ci fa piangere una volta lo farà ancora.. semplicemente perchè crederà che noi glielo permettiamo…Poi tu sei giovanissima e sicuramente carina… incontrerai un altro ragazzo.. magari meno “STUDIOSO”, ma molto più INNAMORATO.. in bocca al lupo per tutto.

  6. 6
    andrea -

    purtroppo non è colpa sua ma dei suoi genitori… Staccarsi dalle convinzioni che i genitori, volenti o nolenti, ci trasmettono fin da bambini richiede una forza d’animo che non è da tutti. Ad ogni modo sei giovanissima, avrai tempo e modo di trovare persone migliori di loro ( e se quello che racconti è vero, non ci vorrà molto). Auguri

  7. 7
    E. -

    Sinceramente credo che lui sul serio ti volesse bene, ti ha confidato cose che duramente si confidano (che ama la matematica ma che ha scelto medicina per blablabla)
    Hai provato a pensare che come te magari anche lui sta passando un periodo molto difficile? suppongo che la sua famiglia gli stia tutto il tempo con il fiato sul collo su cosa e chi dovrebbe diventare, aspettative che lui probabilemnte teme di non essere all’altezza.
    Inoltre tu stessa dici che i suoi avevan gia in mente con che tipo di ragazza dovesse mettersi, eppure, lui a scelto te, te per 2 anni, non mi pare poco, e da come ti descrivi non credo fosse una scelta interessata.

  8. 8
    Giulia91 -

    I parenti e i suoi genitori danno opinioni di altri fidanzati se non gli vanno bene…c’era una ragazza senza lavoro e tutti la guardavano male anche se personalmente non ne capivo il motivo.
    Io mio ex comunque credo che non mi abbia mai voluto bene ma che semplicemente abbia voluto stare con qualcuna (infatti i genitori lo assillavano mi diceva che potesse conoscere una ragazza all’università).
    Al tempo volevo fare medicina anche io, poi per vari motivi ho fatto un’altra cosa…mi ha sempre ripetuto che lui voleva una “ragazza brava”…ho scelto una facoltà dove i non si guadagnano tanti soldi ma più per passione (secondo me la scelta di cosa studiare verte sul proprio interesse personale non sui soldi poichè a mio parere fare il medico è una missione).
    Lui riusciva a non vedermi anche per 2 settimane intere e sua mamma un giorno mi ha detto vedendoci studiare insieme (senza che io dicessi nulla) “quanso si studia bisogna vedersi meno”.
    Io credo che come ho già detto lui si santa obbligato ad avere una ragazza che i suoi genitori sognano…nel suo ultimo messaggio mi ha scritto “non voglio un’atra ragazza per un po’ di anni” per concentrarsi sugli studi…i parenti non mi hanno dato mai nessuna confidenza e rarmente mi parlavano, non sapevano neanche che facoltà io facessi…
    Tutte queste cose mi facevano stare male, perchè mi sentivo inferiore, e l’ultimo comportamento dei suoi genitori senza nemmeno dire al figlio che poteva riportarmi lui la mia roba (che gli avevo prestato) mi fanno ragionare che ero solo di troppo ormai…
    Io ho sempre sognato di trovare una persona che mi voglia bene, ma che non stia ogni giorno a elencarmi i miei difetti…se per esempio prendevo un voto più basso del 25 era una tregedia…mi diceva sempre che dovevo studiare molto di più perchè lui conosce tante ragazze brave…e io non ero tra di queste…
    Io gli ho voluto molto bene…ma mi sentivo inferiore, e secondo me non erano discorsi che venivano fuori solo da lui, secondo me erano anche i sui genitori che gli dicevano queste cose…e infatti non hanno detto niente quando mi ha urlato di andare fuori di casa sua e di non tornare mai più…ero di troppo, e questo fa male perchè quando vuoi bene a una persona e ti vedi così tanto presa in giro allora capisci che tutte le cose dette e tutte le cose fatte con quella persone sono state inutili.
    Dopo avermi lasciata mi ha inviato pochi messaggi e poi non ha più risposto a niente, poichè mi ha detto “io stavo male e non ero felice, scaricavo su di te”. Parole del genere fanno tanto male quando ti sei immaginata una vita insieme.

  9. 9
    cash -

    poverina..
    sei di una pesantezza allucinante scrivi e piangi e il tuo modo di esprimerti è una continua ricerca d’aiuto. se nn riesci a capire da sola quanto è accaduto fatti aiutare, se riesci a fare autoanalisi buon per te. la “colpa” nn è quasi mai di uno solo le dinamiche le rotture o il continuare il riuscire a strare bene è il frutto delle capacità e dell’amore di esntrambi.
    non ci siete riusciti vedi dove hai sbagliato tu così puoi migliorarti se incolpi lui e solo lui la situazione nn cambia e tu rimani solo la poverna che nn è stata capita.
    prova a capirti tu per prima vedi che andrà meglio poi anche con gli altri

  10. 10
    T.D._ -

    Ciao Giulia,

    intanto permettimi di dire a Cash due cose:
    1- se uno scrive qui ha bisogno di sfogarsi o cerca un confronto, è libero di scrivere quello che si sente entro i limiti del rispetto e mi sembra che Giulia non abbia importunato nessuno in alcun modo;
    2- trovo molto più pesanti i tuoi “nn”, “esntrambi”, “poverna”, Giulia scrive in un italiano corretto, comprensibile e scorrevole.

    Detto questo, cara Giulia,
    a me sembra chiaro e palese che questo ragazzo non faccia per te. Limitando la mia opinione a questo contesto, sembri una ragazza dolce, ancorata ai sentimenti e sensibile. Credimi: hai tante opportunità davanti a te. Meglio un operaio che ti ami con il cuore, la testa e l’anima (nessun offesa agli operai, hanno tutta la mia stima e la mia simpatia) ad un dottore preso solo da se stesso e dal miraggio del guadagno.

    Coraggio!

Pagine: 1 2 3

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili