Salta i links e vai al contenuto

È giusto seguire il mio compagno e lasciare i genitori?

Lettere scritte dall'autore  

Ho un altro quesito da porre: e se il mio compagno dovesse trovare un lavoro da un’altra parte è giusto seguirlo? Premetto che io sono figlia unica con genitori iper-possessivi che non mi perdonerebbero mai di averli lasciati per andare da un’altra parte. Sono separata con un bambino piccolo, che quindi allontanerei anche dal padre… insomma un bel dilemma.
I miei mi hanno sempre condizionato in ogni scelta, sono dei tipi molto ansiosi che si spaventano di tutto e non accetterebbero mai una cosa del genere.

L'autore ha scritto 4 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Famiglia

3 commenti

  1. 1
    Kid -

    Si.
    Se si vive in funzione degli altri la propria vita è finita.
    Ma questo anche se doveste vivere nella stessa città.
    Nel momento del bisogno vero, invece , è giusto cercare di esserci.

  2. 2
    rossana -

    Silvye,
    se fossi in te, ci penserei due volte prima di allontanare il tuo bambino da suo padre. per me lui avrebbe precedenza sul mio rapporto di coppia, almeno finchè non fosse per lo meno adolescente.

  3. 3
    carlo -

    Buon giorno,mi chiamo Carlo,2 anni fa ho conosciuto una ragazza rumena laureata in farmacia che si trovava in Italia per uno stage.La ragazza in questione ha 25 anni in meno di me. Tra di noi è  scattato qualcosa di speciale,ci siamo innamorati. Finito lo stage lei è  tornata in romania e ci frequentavano facendo i pendolari,ci vedevamo ogni 15-20 giorni,una volta andavo io da lei e una volta veniva lei da me,tutto questo fino a settembre 2013,quando lei decide di trasferirsi in Italia,lasciando amici,lavoro e famiglia. Dico  subito che i genitori non sono mai stati d’accordo sulla nostra relazione e credo che questo aspetto abbia fatto si che la nostra relazione naufragare dopo 2 anni. Da un lato lei non ha saputo gestire le continue pressioni della famiglia dall’altra io non l’ho saputa capire  fino in fondo,tanto è  vero che i nostri litigi erano appunto per questa differenza di età. Lei mi ha sempre detto di amarmi tantissimo  e che voleva stare con me per sempre,ma 6 mesi fa,sua madre viene in Italia a trovarla,io per rispetto non mi fermo a dormire nell’appartamento ma vado a dormire a casa di mia madre. Fatto sta che dopo la partenza della madre in romania,il nostro rapporto comincia a raffreddare. Io non mi sento più amato e lei comincia a dire che i suoi sentimenti nei miei confronti sono cambiati. Nel frattempo lei trova un lavoro fisso  presso  una farmacia in una città che dista 20 km dalla mia. In questo periodo lei vorrebbe trasferirsi in questa città  per evitare tutti i giorni di fare 40 km dicendomi che vorrebbe riprovare a ricucire il nostro rapporto ormai raffreddato,io accetto ma il giorno dopo lei mi ha detto che è meglio lasciarci e così mi lascia. Passa qualche giorno e vengo a sapere che lei si vede con un’altro.Chiedo spiegazione è mi dice che non c’è niente tra loro e che sono usciti soli un paio di volte a cena. Siamo alla fine di Marzo. Il 13 aprile giorno del mio compleanno mi chiama per farmi gli auguri e per dirmi che mi ha…

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili