Salta i links e vai al contenuto

Se un giorno lei dovesse ripresentarsi da me

  

La mia ex mi ha lasciato da più di due mesi dopo sei anni di storia e un matrimonio in progetto. Non ha saputo né voluto trovare un motivo, se non che “da qualche mese stavamo male insieme”. Sono quasi sicuro che non ci sia nessun altro di mezzo, solo il suo malessere che l’ha portata impulsivamente a prendere questa decisione da un giorno all’altro. A poteriori penso di poter dire che lei ha fatto questa “follia” (così la definisce) perché eravamo entrambi giunti ad un tale livello di stress e di esaurimento per motivi esterni (lavoro) da non riuscire più a stare insieme.
Per un mese e mezzo silenzio totale, fatte salve due o tre email che ci siamo scambiati i primissimi giorni, in cui da copione le chiedevo disperatamente ti tornare da me e lei mi diceva di avere bisogno di tempo, di dover “capire” e bla bla bla. Poi non l’ho più cercata né lei ha cercato me, e ho sofferto come una cane, soprattutto perché lei non mi dava nessun appiglio per razionalizzare gli eventi e farmene una ragione. Alla fine, esausto, 20 giorni fa l’ho chiamata per chiederle se aveva riflettuto e capito cosa voleva dalla vita. Lei è stata molto dura al telefono, e mi ha fatto capire chiaramente che era finita, ma ancora non era in grado di trovare nessun perché alla fine del rapporto.
Dopo aver “ufficializzato” la rottura tuttavia abbiamo iniziato a verderci e sentirci con una certa frequenza. all’inizio l’ho cercata io, poi anche lei ha incominciato a farsi sentire. Le prime volte abbiamo chiaccherato senza neanche provare a parlare del perché mi ha lasciato. Si chiaccherava e basta, in modo rilassato, più che altro di lavoro (non sembra fare altro in questo periodo). Ora però mi rendo conto che non ha senso continuare a vederci facendo finta di nulla. Così le ho scritto una lettera in cui le chiedo di smetterla di nascondersi e di aprirsi con me, ma di farlo solo se relamente lo desidera e non perché me lo deve o per compassione nei miei confronti. Quello di cui sento il bisogno è di dirle quali sono le cose di lei che più mi hanno fatto soffrire in questi anni, e di sentirmi dire da lei perché mi ha lasciato, quali sono i suoi sentimenti e desideri frustrati. Ho cercato di mostrare disponibilità ed apertura, ma anche, finalmente, un po’ di distacco ed incertezza.
La lettera devo dire ha avuto il suo effetto. Lei si è fatta avanti per parlare, e molte delle cose che che mi ha detto (singoli episodi, che nemmeno lei aveva focalizzato prima di parlarmene, tipo io scazzato per il lavoro al suo compleanno, un weekend in montagna guastato dallo stress) in qualche modo hanno assunto una dimensione più reale e meno definitiva. Quando ci siamo rivisti lei ha pianto e mi ha abbracciato, ma ormai è chiaro ad entrambi che non si può tornare indietro con un colpo di bacchetta magica, anche perché se lei ora mi dicesse che ci ha ripensato io non riuscirei più a fidarmi di lei (questo però non gliel’ho detto in modo esplicito). Dopo questo incontro ieri ci siamo visti di nuovo per caso per strada. Lei stava parlando con un altro e io ho fatto un cenno per salutarla ma ho continuato per la mia strada. Fattostà che lei ha mollato subito la conversazione con questo tizio ed è venuta a rincorrermi, chiedendomi perché non mi ero fermato e se avevo voglia di vederla. Al che abbiamo preso un gelato e chiaccherato nuovamente del più e del meno.
Ora vorrei da voi un consiglio. Per un po’ di giorni sicuramente non la vedrò perché sarà fuori per lavoro, al suo ritorno però non so che fare. Da un lato vorrei continuare a chiamarla perché la amo e penso che se riuscissimo a ritrovare confidenza ed intimità forse abbiamo qualche speranza di tornare insieme. Dall’altro però i miei sentimenti sono contrastanti, e provo nei suoi confronti anche tanta delusione e scoraggiamento, nonché rabbia e dolore per quello che mi ha fatto patire lasciandomi in tronco senza spiegazioni né tentativi di recuperare il rapporto. Mi chiedo dunque se non sia necessario staccarmi da lei e smettere di cercarla, aspettando che sia lei a prendersi veramente la responsabilità delle sue azioni, per poter sperare di perdonarla e di avere la forza di riaccettarla se un giorno dovesse ripresentarsi da me. Che mi consigliate?

L'autore ha scritto 3 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

5 commenti a

Se un giorno lei dovesse ripresentarsi da me

  1. 1
    BimbaPiccola -

    Ciao,nessuno può darti consigli se non il tuo cuore, se la ami fai di tutto per riconquistarla. Secondo me ha avuto bisogno di un pò di tempo, ma da come hai scritto credo non abbia smesso di amarti, era solo un pò stanca. Spero non faccia come il mio ex, è tornato dopo un anno quasi, Dio solo sa quanto ci sono stata male, ma io non l’ho più voluto. IN BOCCA AL LUPO!!!

  2. 2
    Beagle__ -

    sopprimi i sentimenti e vai avanti…non merita più il tuo amore…pensare a chi non ti pensa e tempo sprecato,e lei non lha fatto…a scelto la strada facile,e questo mi sembra un chiaro segno di che persona nel tempo si potrà rivelare

  3. 3
    Sabrina -

    Sai ti capisco benissimo…le stessa cosa è successa anche a me!
    A dire il vero lui mi ha lasciata senza motivo dicendo però che da me vorrebbe solo amicizia.
    All’inizio ho pensato ad un suo “colpo di testa” e mi sono detta: ma si, giochiamo a fare l’amica!
    Dopo due mesi però mi sono accorta che sto, se possibile, ancora più male di prima!
    Allora ho deciso… gli ho detto che non mi avrebbe più dovuto cercare!
    Lui era dispiaciuto ma io non so che altro fare!
    Se lo sento sto male, se non lo sento sto male…
    Solo posso sperare che in questo modo riuscirò a dimenticarlo, o quanto meno a fargli capire (se ancora prova qualcosa per me) se vorrebbe riprovarci!
    Lui dice che non ci può riprovare perchè mi farebbe solo stare male…
    cazzate secondo me!
    Onestamente voglio solo tornare con lui ma mi sembra impossibile.
    Voglio solo riavere tutto indietro, compreso il mio amore.

  4. 4
    Dario -

    Ciao,bhe che dire è successa la stessa cosa a me ,lei mi ha lasciato dopo due anni e mezzo vissuti intensamente,fino al giorno prima della fatidica frase”sono confusa” mi aveva dichiarato amore eterno….ma come si dice nulla è eterno…ora è gia passato quasi un mese e di lei nessuna traccia,quindi perche penarsi ancora per lei…si è vero ammetto che non c’è giorno in cui non ci penso ,forse perche l’amo ancora e perchè per me quei due anni e mezzo sono stati davvero tutto,l’unica cosa che tra ”virgolette”posso consigliarti anche se è davvero dura è lasciare scorrere il tempo e cercare almeno di approcciarti con altre ragazze pur soltanto parlando perche cosi ti aiuta a non pensarci….e poi che altro dire siamo sei miliardi in questo mondo ci saranno almeno un altro miliardo di ragazze che ti faranno impazzire e che ti faranno perdere la testa….il momento arriverà , e di solito nei momenti piu inaspettati,quindi non farti pressione goditi la vita che è il dono piu bello he il signore ci ha donato!

    Saluti a tutti Dario

  5. 5
    mahzad -

    Il mio ex mi ha lasciato dopo 7 anni di storia e con un matrimonio in progetto. Si fa sentire solo ora dopo più di un anno, dopo mesi e mesi di disperazione e di sofferenza, e proprio ora ke mi sono spostata e mi sono allontanta così tanto dall’Italia. Ormai ho smesso di cercare il perché e ho imparato di vivere senza di lui. Aveva un’altra e come mi ha detto gli era andato male. E anke se confesso che siamo cresciuti insieme, e abbaiamo fatto un sacco di cose insieme, sono sicura ke nn ritornerei con una persona così codarda, ke è riuscita a lasciarmi proprio quando io cercavo il vestito da sposa. Spero ke tu trovi il coraggio di guardarti avanti e di trovare la persona che meriti il tuo amore.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili