Salta i links e vai al contenuto

Il Putigno malefico e la Terza Guerra Mondiale

Lettere scritte dall'autore  Itto Ogami

Questo breve componimento è dedicato al sequestratore di minorenni, detto anche il “Putigno Malefico”. Egli dal suo trono guadagnato ammazzando gente di nascosto quando faceva la spia (e anche dopo), non si è limitato a sparare sulla gente inerme ucraina con i fucili d’assalto delle sue truppe recuperate nei paesi cesso del mondo, non solo ha ammazzato i bambini con le sue armi proibite (vedi missili termobarici e armi al fosforo), ma ha anche avviato un processo di riconversione degli ucraini con deportazioni di massa di intere famiglie e villaggi verso posti remoti di Santa Madre Russia, in modo che possano essere rieducati alla straordinaria ideologia bolscevica. Gli unici a opporsi a questa barbarie sono propri gli ucraini, che in collaborazione con il comando NATO, stanno facendo a pezzi i soldatini inviati dal maniaco, dei quali molti si arrendono proprio perché decisamente impreparati a combattere contro dei veri soldati. Le donne ucraine, con i fucili in mano, mentre curano i loro figli, falciano i soldatini russi come delle amazzoni, mentre i loro mariti, eroici spartani, bloccano il nemico invasore parassita e demoliscono tutti i carretti armati della Russia. A chi si deve questa meraviglia, questa abilità nel far ritornare nel cesso il rigurgito di sterco che si era alzato contro un popolo libero ? Semplice, la NATO, ovvero chi ha avuto il coraggio di rifornire con armi sempre più pesanti gli ucraini eroi, che grazie ad una tecnologia migliore, hanno potuto disinfettare il loro territorio dagli scarafaggi dell’est. Mentre un popolo sovrano orgoglioso si difende con onore, molti lustrascarpe italiani (tra cui vari professori televisivi dalla voce effemminata) gridano allo scandalo, dichiarandosi contro l’invio di armi perché contro “la pace”. Se questi parassiti fossero insieme agli ucraini sotto le bombe del nemico griderebbero “uccideteli tutti i russi invasori”, ma ora che stanno tranquilli nei loro appartamentini, cioè mentre altri stanno morendo, loro fanno i pacifisti. Con tutta probabilità sono pagati da Santa Madre Meretrice, per fare propaganda agli italiani senza midollo spinale. Il lustrascarpe italiano non vuole la guerra, cioè vuole che gli altri si arrendano e vivano da schiavi, pur di poter continuare a lustrare le scarpe ai potenti in santa pace. Il lustrascarpe italiano tipico viene descritto nella canzone di Frankie come “sono arroganti con i deboli e zerbini coi potenti”. Alcuni di questi lustrascarpe fanno gli youtubers, con la foto del Putigno alle spalle e la giacchetta con lo stemma della Federazione bolscevica. Il compito di questi debosciati è quello di paventare la catastrofe, anzi “spaventare” l’opinione pubblica, in accordo con le autorità bosceviche, continuano a ripetere il mantra della “pompa” atomica e della terza guerra mondiale. Praticamente questo messaggio avrebbe il compito di condizionare l’opinione pubblica occidentale in modo che non fornisca supporto agli ucraini. La cosa più bella è vedere proprio il contrario, cioè sempre più armi agli ucraini, sempre più gli invasori schiacciati e sempre più i lustrascarpe tremolanti come bambinette senza cervello. E’ proprio questa “forzatura” di stato di Draghi contro il lustrascarpe che è eccitante e meraviglioso, poter sapere che ovunque il vigliacco si nasconda nella sua tana nel territorio italiano lui avrà paura e non potrà godersi il suo effemminato mondo rosa. Le armi arriveranno a Kiev in quantità industriale e il nemico perderà la guerra. Quello che occorre davvero chiedersi, dato l’alto consenso popolare che il dittatore sovietico ha in patria, se si possa accontentarsi di una deputinizzazione della Russia, o invece sarebbe meglio una derussificazione mondiale, nella quale chi alza il pugno chiuso venga gentilmente accompagnato verso la Siberia, posto meraviglioso e adatto per chi ha grandi ambizioni imperialiste e un cervello grande come una nocciolina.

L'autore ha scritto 24 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Condividi: Il Putigno malefico e la Terza Guerra Mondiale

Altre sul tema

Altre nella categoria:   - mondo - riflessioni

3 commenti a "Il Putigno malefico e la Terza Guerra Mondiale"

  1. 1
    Rospo -

    “Vedrete: un giorno lo slavo sarà schiacciato davanti alle porte di Berlino” disse qualcuno nella primavera del 1945.

  2. 2
    Trader -

    ALESSANDRO, i tuoi sfottò ti si ritorcono contro: li sto girando sul sito di una tua fan, che non sa come difenderti. Vediamo cosa dice di questa tua squallida sortita.
    Ma tu che ne sai delle condizioni psichiche di questo Dario Musso, sei anche tu uno psichiatra che fa diagnosi senza conoscere le persone come Melinda? Magari era corretto fargli il Tso, ma che ne sai? Uno che si mette a urlare in strada che la pandemia non esiste tanto normale non è. Vabbè, sei libero tu che credi ai microchip nel vaccino e ti lamenti pure?
    A Orsini è andata bene. Se era un giornalista dissidente russo, a quest’ora era in carcere. Ma a te che te ne frega di Orsini, mica parla le cacchiate che parli tu. Hai preparato la tenda per andare in Messico? Così forse la mafia messicana cercherà di ammazzarti, come ha fatto con i Mormoni due anni fa:

  3. 3
    Trader -

    https://www-rainews-it.cdn.ampproject.org/v/s/www.rainews.it/archivio-rainews/media/amp/ContentItem-4ea2a7f2-6c02-4f56-900c-4d71e137634a.html?amp_gsa=1&amp_js_v=a9&usqp=mq331AQKKAFQArABIIACAw%3D%3D#amp_tf=Da%20%251%24s&aoh=16482460013500&referrer=https%3A%2F%2Fwww.google.com&ampshare=https%3A%2F%2Fwww.rainews.it%2Farchivio-rainews%2Fmedia%2FMassacro-di-mormoni-in-Messico-cartelli-della-droga-uccidono-donne-bambini-Alcuni-bruciati-vivi-4ea2a7f2-6c02-4f56-900c-4d71e137634a.html

    Prova, così vedi cosa significa l’oppressione e la persecuzione. Poi vediamo se ti sconvolgi tanto se in Italia ti multano per il green pass.

    STOP WAR IN UKRAINE

Lascia un commento

Massimo 2 commenti per lettera alla volta

Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'informativa sulla privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili