Salta i links e vai al contenuto

Poter parlare con il presidente del consiglio

Lettere scritte dall'autore  sarda 75
La lettera è pubblicata a Pagina 1

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

1.917 commenti

Pagine: 1 2 3 4 5 192

  1. 21
    PIETRO -

    Al presidente del consiglio “silvio berlusconi”

    “forza!”Sono con lei e con tutta la “maggioranza”
    Ho una “strategia” per risolvere il problema disoccupazione” vorrei essere ascoltato, “se per lei e’ una cosa importante!”
    So’ come riuscire a dare un “posto di lavoro” per primo a chi ha “famiglia”
    Un lavoro “civile e onesto” porta in tasca uno “stipendio a disoccupati” mette in movimento i “commercianti”
    E “tante , tante” altre cose
    Togliendo “poverta’ e criminalita’”
    Vorrei che questa strategia, si attuasse “con questo governo”
    Questo “governo berlusconi” che fino ad oggi
    “ha fatto! “fatti”
    Nell’attesa di un suo riscontro “distinti saluti”

  2. 22
    PIETRO -

    Non e’ una cosa molto importante risolvere la problematica della disoccupazione? Ho un mezzo molto efficace per lasciarvi a bocca aperta.
    Sono certo: che se si “attua” quello che ho in mente, tutti gli altri paesi europei, vorranno attuare. Presidente del consiglio “Berlusconi” mi dia ascolto,col la mia strategia le risolvero’ molti problemi del nostro paese: “svelero’ ” la strategia solo quando avro’ il suo ascolto davanti altre persone di vostra fiducia, lasciandovi stupefatti. Realizzando questa idea avrete
    Lappoggio di tutto ma proprio tutto il popolo, non sono, qui’: per diventare famoso:e’ l’ultima cosa che vorrei; mi basta, vedere molta gente che non ha il problema di essere disoccupato.
    Di avere la possibilita’ di poter andare a comprare quello che prima non poteva comprare,avendo un conto corrente come tutti gli altri
    mettendo cosi’ in movimento il commercio ,questa e’ una piccola idea di quello che
    Ho in mente. Quando saremo tutti riuniti per questa strategia, per ogni cosa siate certi: ” daro’ positivo” concludo!. Attendo vostre sincere notizie.
    nell’attesa distinti saluti pietro

  3. 23
    vincenzo -

    caro signor presidente del governo italiano Silvio berlusconi chi le scrive e un padre di famiglia con moglie a carico e due minori purtroppo comprendo che a tanti impegni di lavoro e gli auguro che possa andare tutto a buon fine sono convinto che e anche suo desiderio aiutare i suoi cittadini a vivere degnamente e dai suoi argomenti che vedo fare a volte in tv danno questo indirizzo se le fa piacere mi ascolti un attimo:come le dicevo purtroppo il mio ultimo lavoro onesto e stato presso una cooperativa con contratto da sociolavoratore per tre mesi nel 2008 grazie a questo contratto ho perso il diritto di ricevere la disoccupazzione e qualunque ammortizzatore sociale ho tentato di ritrovare un altro lavoro ma come lei sa la crisi ha fatto perdere diversi posti di lavoro ma le sembra giusto che due genitori che pagano solo di affitto 450 euro al mese che ormai non riesco piu da diversi mesi a pagare che stiamo perdendo la dignita davanti ai nostri figli perche tutte le volte dobbiamo dire no per mancanza di fondi economici? i servizi sociali ci passono il pacco alimentare e fortunatamente almeno pagano il gas di casa se no quest’inverno i miei figli sarebbero rimasti al freddo? ma perche in Germania francia spagna e altri paesi europei famiglie come la mia situazzione non vengono messi nel dimenticatoio o far finta che non esistono come qui da noi? Signor presidente mi puo spiegare perchè qui da noi l’assegno per il nucleo familiare parte con tre figli a carico e chi ne ha due no. secondo lei vivono forse con l’aria che ci circonda? il mio mio desiderio e trovare un posto di lavoro al piu presto cosa non facile tra l’altro vivo nel nord italia. Pensi che ho presentato domande per 30 conconcorsi art.16 nel pubblico lavoro con reddito isee di mille euro ma le sembra giusto che nemmeno uno sono riuscito ad entrare nel mondo del lavoro con un reddito cosi basso? Caro signor presidente del governo italiano cio che mi auguro e che si ricordi che esistiamo anche noi gr

  4. 24
    d.m.g -

    caro presidente Silvio Berlusconi chi le scrive è una moglie di un operaio del porto di Gioia Tauro qui le cose non vanno molto bene i 1000 operai rischiano la cassa integrazione per arrivare al licenziamento per motivi non ancora molto chiari.Al sud abbiamo bisogno di aiuto e io umilmente gli è lo chiedo!!Il porto è la nostra unica speranza,la prego ci aiuti,non si dimentichi di noi!!

  5. 25
    marco -

    cari amici,
    ho letto alcune lettere che avete lasciato, e vi dico che sono enormemente dispiaciuto per quello che vi sento dire, per i vostri problemi, per le ingiustizie che subite.

    io non sono il Presidente d. Consiglio ma credetemi potrei benissimo ricoprire quel ruolo per la vostra felicità.

    voglio dirvi solo poche parole:

    resistete e andate avanti, siate propositi,vi inventate, soffrite e amatevi. ricordatevi che i soldi vanno e vengono, la felicità è solo dentro di voi.

    Al Presidente d. Consiglio B. vorrei dire anche due parole,

    caro Presidente perchè non mi viene a trovare a pranzo affinchè ci si possa conoscere e parlare, credo che i suoi collaboratori abbiano una visione un pò ridotta riguardo i miglioramenti che devono essere fatti.

    Il Komandante Kazzia

  6. 26
    Luca -

    onorevole Silvio, ho 30 anni sono di Roma, posizionato, coniugato, e…. lei dirà…beh..e..allora…nulla vorrei solo poterla incontrare tutto qui. spero in una sua risposta.

  7. 27
    Daniela Buffo -

    Egregio Sign. Presidente, chiedo di poterla incontrare perchè io e mia sorella riceviamo ogni giorno minacce di estorsione di denaro da persone poco affidabili di Foggia e prov. Sono ormai 9 anni che abbiamo questo problema e dopo aver allarmato tutte le istituzioni ci riconoscono il danno ma nessuno ci protegge e ci dice cosa dobbiamo fare.
    Il problema è sorto a seguito di una richiesta di finanziamenti a Sviluppo Italia per poter aprire un’attività commerciale, terze persone hanno beneficiato dei soldi e ci hanno lasciato in una situazione indecente….nonostante ciò si sono accanite contro di noi perchè abbiamo avuto il coraggio di denunciarle.
    Siamo cittadine italiane ed é vergognoso che capitino queste cose a due ragazze che hanno solo voglia di lavorare e che invece ogni giorno devono fare i conti con situazioni spiacevoli che ci stanno creando problemi di tutti i tipi. Vorrei sapere cosa dobbiamo fare, chi ci tutela? E’ un vortice che ci sta strangolando, chiediamo vivamente aiuto!!!
    Grazie dell’attenzione…Daniela Buffo.

  8. 28
    carmine -

    caro onorevole io sono carmine.lo ammiro per tutto l’inpegnio dato dalla vostra stimatissima persona mi trovo in una regione simile alla russia (basilcata) chiedo perche non riusciamo a vincere in basicata non riesco a capire se sono accordi politici se i nostri coordinatori non girano il territorio oppure la sinistra e piu forte da parte mia non penso ecco il motivo che le scrivo perche mi chiedevo se la stimatissima persona poteva fare qualcosa nella nostra regione mi scuso peril mio italiano imperfetto ma io ci tengo tantissimo al nostro pdl vorrei tanto che accettasse il mio invito per farvi conoscere la percentuale dei voti in un paesino di 950 votanti di cui200 sono del pdl da premettere che questi voti vengono dati senza nessuna aiuto di un referente politico del pdl sara la disperazione per eliminare il nostro reggime che da tanti anni ci affligge giungo al termine di questa lettera vi voglio chiedere un’ultima sempre se non la disturbo se era possibile sentirla tramite telefono mi farebbe tanto piacere … scusatemi se sono molto invadente nell’occasione vi porgo distinti saluti e tanti auguri per la vostra carieria polita anche se la sinistra vorrebbe elminarvi noi faremo di tutto questo che non accade

  9. 29
    ANDREA -

    questo piu’ che un commento e’ una richiesta di aiuto. la mia situazione e disperata mi trovo in condizioni sempre peggiori con il tempo che passa vivo con la mia compagna che da anni e affetta da sclerosi multipla e si trova in uno stato molto avanzato abbiamo un figlio di 9 anni, da anni che non riusciamo piu’ a vivere come persone abbiamo fatto domande per sussidi ma non abbiamo mai ricevuto nulla io non posso piu’ fare il mio mestiere che mi occopava per settimane lontano da casa e questo mi ha creato non pochi problemi alla mia compagna ogni 2 anni viene bloccata la penzione di invalidita per revisione con periodi che superano 6 mesi inoltre ho dovuto bloccare il mutuo della nostra casa per un anno e ad agosto ho una rata da 9500 euro per gli interessi io non percepisco uno stipendio ma una miseria ed inoltre non mi vogliono fare il contratto l’assistenza sociale e’ come se non esistesse per far valere i propri diritti bisogna sempre arrivare ad azioni legali e gli avvocati senza soldi non si muovono. oggi io mi chiedo tutte le belle parole che sono state dette per aiutare le famiglie in difficolta erano parole al vento, oppure? tutti i soldi dati alle banche per aiutare chi e’ in difficolta che fine anno fatto, e poi la legge per bloccare il mutuo per un anno, se io non pago per 12 mesi e poi mi viene chiesta una rata che quasi supera le 12 rate sospese che convenieza ha questa legge, furse per far entrare piu’ soldi nelle casse delle banche.detto questo non mi aspetto risposte ma fatti per un paese che sta andando alla deriva ma a bordo ci sono solo i cittadini che si trovano in condizioni come le mie o peggio.porgo i miei piu’ sinceri saluti a quelle persone che riescono a capire che significa non riuscire a vivere dignitosamente

  10. 30
    sandra -

    Buongiorno sig. Presidente
    mi chiamo Sandra; da quando è “sceso in campo” ho sempre pensato di sostenerLa perchè La vedevo proprio come l’uomo del fare, pratico e deciso. Ora Le vorrei chiedere perchè non riesce a mettere in pratica la sua politica, perchè non si riesce a rendere facili ed eseguibili progetti di sviluppo come quelli sull’energia pulita, come il piano casa dove effettivamente non si è risolto niente, perchè non si aiutano le piccole aziende a mantenere la loro fetta di mercato e quando provano a diversificare o a “strolicare” nuovi lavori per mantenersi a galla non riescono ad avere un supporto economico, ma solo porte chiuse e pretese impossibili da parte delle banche?
    Perchè non si aiutano i giovani a voler bene al loro paese e credere in un futuro, perchè ogni giorno che passa nonostante gli affetti che ho mi viene sempre più a mancare la voglia di fare e di restare in questo paese. Perchè le persone che cercano di vivere onestamente sono sempre quelle che vengono penalizzate e che per andare avanti ad un certo punto sono costrette a fare delle caz…e di cui si pentiranno per tutta la vita? Perchè Voi politici di destra e di sinistra ,di centro, di sopra e di sotto, non volete bene ai Vs cittadini, non avete a cuore delle loro problematiche, rendete possibili sprechi e azioni vergognose, lasciate che tutto il nostro benessere, l’agricoltura, l’industria il paese stesso vada in rovina?
    Ma Vi state rendendo conto?
    Vi state rendendo conto che la gente ormai pensa di più alla morte che alla vita?
    Grazie se leggerà le mie parole e se le rimarranno nel cuore.

Pagine: 1 2 3 4 5 192

Lascia un commento

Massimo 2 commenti per lettera alla volta

Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili