Salta i links e vai al contenuto

Padre di famiglia disperatissimo

Lettere scritte dall'autore  

Egregio Direttore , con le lacrime sugli occhi le scrivo queste righe in quanto ho tre piccolissimi bambini stupendi e non so come comperargli il latte e l’occorrente che ci vuole. Purtroppo sono senza un lavoro, dove lavoravo è fallito e sono rimasto disoccupato e sono alla ricerca di qualunque lavoro, ho chiesto aiuto al Comune di Torino dove risiedo e mi hanno trattato selvaggiamente sbattendomi a me e i miei figli la porta in faccia , e poi mi sono rivolto al Parroco della mia parrocchia e anche lui la stessa cosa, senza un briciolo di compassione per i miei bambini. Le scrivo Direttore con la speranza che possa fare qualcosa per aiutarmi, glielo chiedo con le lacrime ai occhi mi creda! Per cortesia mi faccia avere sue risposte, grazie Direttore e buona giornata…

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

2 commenti

  1. 1
    Cantautore -

    Caro Angelo, mi dispiace molto per la tua situazione, ma non credo che troverai molte persone disposte ad aiutarti, soprattutto qui su internet che pullula di falsi ed imbroglioni, e quindi, giustamente, la gente è molto diffidente prima di cacciare soldi, anche se comunque in giro regna lo stesso molta cattiveria, molto egoismo e molta insensibilità. soprattutto tra i preti.
    E saranno soprattutto i preti appunto, un giorno, a dover dare conto a Dio per tutti i loro peccati di omissione, soprattutto contro la carità! Ma non ti preoccupare, perché per quelli troppo cattivi anche su questa terra il Padreterno a volte interviene, apllicando la cosiddetta (o cosiddette) circostanza mitigante. eh. eh. eh., ma questo, putroppo, loro, i cattivi e i tirchi, non lo sanno.
    E a proposito di cattivi e tirchi, visto che la mia ultima canzone l’ho intitolata “Le mie elucubrazioni sulle astusità”, dovrei dedicarne una anche a loro, intitolandola “Le mie elucubrazioni sui cattivi e i tirchi”. Se lo meriterebbero davvero!
    Detto questo, io non sono più ricco come prima, ma se potrò fare qualcosa per te, nei prossimi mesi, lo farò con tutto il cuore!
    Per concludere, se ti aspetti una risposta dal nostro caro direttore-fantasma, credo che dovrai aspettare parecchio, perché lui non si scomoda così facilmente per rispondere a noi comuni mortali, ah. ah. ah.
    Il mio contatto di Messenger/E-mail è: Cantautore68@hotmail.it
    Contattami.
    Un abbraccio!

  2. 2
    LUCA -

    Caro Angelo, la tua situazione è simile a quella di migliaia di altre persone in Italia, con questo non voglio dire che mal comune mezzo gaudio, ma il mercato del lavoro è e sarà sempre peggio, visto gli ultimi sviluppo. Anch’io sono precario, ho un contratto che mi scade a novembre e non so se me lo rinnoveranno. Sono sposato e non ho figli, desidero averne ma che futuro posso garantigli? Quando sono angosciato, penso alle parole di Gesù che in un occasione disse: “Non preoccupatevi dunque del domani . . . A ciascun giorno basta la sua pena”. — Matteo 6,34. Gesù non stava dicendo che dovremmo comportarci come se i nostri problemi non esistessero. Tuttavia preoccuparsi di ciò che potrebbe succedere domani non fa altro che aggravare il carico emotivo di oggi. In effetti abbiamo un controllo limitato su quello che potrebbe accadere domani, in bene o in male. Ciò che possiamo fare è affrontare il presente.
    Il tuo presente è tuttavia molto difficile da come l’hai descritto. Il consiglio che ti posso dare è di non stancarti di cercare lavoro, fa si che il tuo lavoro sia “cercare lavoro”. Chiedi a tutti quelli che conosci se sanno di qualche lavoro, vai ripetutamente all’ufficio di collocamento, nelle agenzie del lavoro, e leggi tutti gli annunci, anche quelli di qualche lavoro che forse non ti ispira, ma quello che conta è avere la dignità di mantenere la propria famiglia. Non darti per vinto! Non so se tu hai fede in Dio, ma se sei cristiano, (lascia perdere i preti che quando c’è da raccogliere fondi sono i primi ma poi chissà perchè non li danno a chi ha bisogno), prega anche incessantemente Dio. Dio non ti farà trovare lavoro, ma potrà darti un pò di serenità mentale. ‘Il Signore è il vostro soccorritore’. ‘Non vi lascerà affatto né in alcun modo vi abbandonerà’. (Ebrei 13,5, 6) Non siate troppo ansiosi. Il salmista Davide scrisse: “Rotola su Dio la tua via, e confida in lui, ed egli stesso agirà”. (Salmo 37:5) ‘Rotolare su Dio la nostra via’ vuol dire confidare in lui e agire come vuole lui, anche quando la situazione non è delle più rosee. Non farti prendere dalla tentazione comune a molti di agire illegalmente, anche se può sembrare a volte il mezzo più facile e proficuo. Continua con costanza a cercare lavoro, se sei in forze e non ti perderai d’animo sono sicuro che qualcosa troverai. Ti faccio tanti auguri dal profondo del cuore

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili