Salta i links e vai al contenuto

La nuova IMU

Lettere scritte dall'autore  e.broggi

Le abitazioni concesse in comodato d’uso ai parenti in linea retta sino al 2° grado (in pratica genitori, figli e nipoti) godevano prima dell’abolizione dell’ICI avvenuta nel 2008 di un trattamento agevolato e pagavano mediamente (le aliquote potevano essere rideterminate dai Comuni) lo 0,4%.

Se, per fare un es., la Rendita Catastale rivalutata del 5% (che è la base imponibile per il calcolo) fosse di € 100.000 (un trilocale a Milano in A2) il proprietario pagava una ICI di € 400,00 all’anno.

Ora la nuova formulazione prevede:
– l’abolizione della tariffa agevolata (non sono più considerate “prima casa” le abitazioni concesse in comodato ai figli nipoti o genitori);
– la parificazione dell’immobile a “seconda casa” con una aliquota dello 0,76%
– la rivalutazione della rendita catastale del 60%.

Per tornare all’esempio, il conteggio della nuova IMU sarebbe: € 100.000 x 60%=160.000 x 0,76% = € 1.216,00 con un incremento del 304%!!!!! E badate bene, la triplicazione dell’imposta toccherà tutti coloro che si trovassero in questa situazione, indipendentemente dal valore della Rendita Catastale.

I Comuni poi hanno pure la facoltà di innalzare le aliquote e con i tagli che hanno subìto possiamo immaginare come andrà……

Il Governo Berlusconi fu “benefattore” quando abolì l’imposta, ma questo Governo è di certo “malfattore” nel ripristinarla con queste modalità! Le forze politiche che l’hanno approvata meditino e pongano rimedio a questa “malefatta”!

Cordiali saluti e Buon Natale…nei limiti del possibile!

E. Broggi

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Condividi su Facebook: La nuova IMU

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Cittadini

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili