Salta i links e vai al contenuto

Musulmani

Lettere scritte dall'autore  AldoVincent
La lettera è pubblicata a Pagina 1

L'autore ha scritto 5 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

22 commenti

Pagine: 1 2 3

  1. 21
    antonello -

    …No NON siamo tuti fratelli . Se leggi la Bibbia….non siamo tutti fratelli…siamo tutti creature di Dio ma c’è una sola Verità e questa veità non è una religione ma una persona: CRISTO GESù.

  2. 22
    antonelloa71 -

    Soltanto 100 anni dopo la morte di Maometto nel 632 d.C. i musulmani sottomisero alla loro egemonia metà del territorio che era appartenuto all’Impero Romano Cristiano. Dopo altri 100 anni essi conquistarono l’Asia centrale e la Cina.

    Nel 19mo secolo, con la riconquista del potere delle nazioni europee, toccò ai musulmani subire la sconfitta, culminata nel 1922 con la fine del potere Ottomano.

    In una conferenza tenutasi a Mecca nel 1899 i maggiori leaders musulmani discussero sul declino dell’Islam. Da quel momento si proposero di far riemergere la cultura e la religione islamica puntando su:

    La rivalorizzazione del Corano
    L’indipendenza degli Stati Musulmani dopo la seconda guerra mondiale.
    La scoperta del petrolio nei Paesi Musulmani
    Un comune nemico visto nello Stato d’Israele
    Immigrazione dei musulmani in Occidente con conseguente pressione sociale sull’Ovest
    Il declino morale dell’Occidente
    Il declino del Cristianesimo nella società occidentale
    A tutt’oggi si contano sul pianeta Terra più di un miliardo di musulmani; essi sono distribuiti fra 50 nazioni islamiche.

    Nonostante il mondo arabo sia la culla dell’islam, esistono centinaia di milioni di musulmani in Asia mentre la popolazione musulmana più vasta numericamente si trova in Indonesia. Dell’intera popolazione mondiale islamica, il 2% vive in Europa.

    L’Islam è oggi la religione che conta la più veloce crescita numerica di aderenti, dovuta, soprattutto, all’elevatissimo indice di natalità che, nei paesi islamici, cresce globalmente di circa il 2.6% l’anno.

    Questo rappresenta un forte contrasto se paragonato all’indice di natalità estremamente basso in Occidente. Anche la crescità numerica dovuta alle “conversioni” incide particolarmente. In Africa, per esempio, molti cristiani (cattolici) nominali sono stati soggiogati, altri abbracciano l’Islam di lora spontanea volontà, altri ancora per ragioni finanziarie. Neanche l’Europa è sfuggita alla strategia dei musulmani. Riportiamo qualche esempio:

    IN INGHILTERRA

    Oggi, circa 15 milioni di musulmani risiedono in Europa; e di questi circa un milione vive legalmente in Italia (senza contare poi i clandestini…). Uno dei più straordinari fenomeni degli ultimi anni, iniziato alla fine degli anni “40, è stato l’enorme afflusso di manodopera straniera nei Paesi Europei, che ha portato una forte percentuale di musulmani a stabilirsi nel nostro continente. Un esempio ci è dato, dal “laboratorio” costituito dell’Islam inglese.

    L’Islam si sta imponendo come una forza organizzativa e politica in Gran Bretagna.

    L’Inghilterra, dove i musulmani stanno consolidando la loro influenza politica ed economica che raggiunge perfino le aule del Parlamento, è del continuo messa sotto pressione dai musulmani zelanti. Essi vogliono addirittura che l’Islam sia riconosciuto legalmente come la seconda religione di Stato. …..e ome diceva una vecchia reclàme…:
    “meditate gente….meditate”…

Pagine: 1 2 3

Lascia un commento

Massimo 2 commenti per lettera alla volta

Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili