Salta i links e vai al contenuto

Mia moglie se ne va di casa e io vado in affitto

Buongiorno a tutti è la prima volta che scrivo…. mi farebbe molto piacere ricevere dei consigli sulla mia situazione. Ho 36 anni e sono sposato da 5 anni non abbiamo figli e da circa 1 mese e mezzo mia moglie è andata via da casa (è tornata dai suoi genitori) dicendomi che non mi ama più perchè non gli dò pìù quello che vuole, non la faccio sentire importante e dopo vari avvertimenti che mi ha dato negli anni non ce la fa più ed è scoppiata!! pur ammettendo i miei sbagli e dicendogli che posso e voglio cambiare per dargli quello che vuole e che per me non è un problema perchè la amo lei comunque dice che ha bisogno di stare tranquilla e risolvere i suoi problemi da sola (ha problemi anche di lavoro ed anche suo padre non sta benissimo). Con mia moglie viviamo (vivevamo) sopra ai miei genitori difatti abbiamo ristrutturato un appartamento sopra ai miei. Mio padre è molto prepotente e pretende ,dato che la proprietà della casa è sua, di fare quello che vuole cioè se vuole pitturare pittura se vuole cambiare qualcosa anche dove entriamo noi in casa lui lo fà senza chiderci nulla e questo dopo altri avvenimenti che non stò ad elencarvi abbiamo litigato ed è arrivato a dirci di andare via perchè li siamo solo in prestito!!! mia moglie dato che tra noi era già crisi nera se ne è andata, io sono ancora a casa ma stò cercando un appartamento in affitto. Il mio dilemma è stò a casa e risparmio i soldi per poi comprare casa da solo o vado via subito in affitto?? tenendo presente che mia moglie non tornerà più dove abitavamo assieme e molto probabilmente sentendo quello che mi ha detto non verrà neanche in affitto perchè per lei è finita, ma io ci spero!!! come stipendio prendo da 1300 ai 1500 euro/mese ed ho trovato un bilo a 500 euro/mese che faccio??? Grazie e scusate per la lunghezza della lettera

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Famiglia - Me Stesso

9 commenti

  1. 1
    Grace -

    Se hai un lavoro fisso cerca di aprire un mutuo…pagando poco più alla fine ti resta qualcosa. In bocca al lupo!

  2. 2
    ro -

    Ciao robywally!
    la situazione è complicata ma è simile purtroppo a tante storie finite così. Io voglio essere schietta, ti posso dire a “sensazione” e da “donna” che tua moglie probabilmente non tornerà indietro. Già non si torna quando ci si prende la cosiddetta “pausa”, figuriamoci nel caso ti dice che non ti ama più, fa le valige e va dai suoi, senza esitazioni. In più c’è il fatto (è da un certo punto di vista è una “fortuna” se così possiamo chiamarla) che non avete figli e quindi né lei né te avete il delicato e difficilissimo compito della gestione del distacco in presenza di creature. In più c’è la figura di tuo padre che, anche se invadente e durissimo, non posso giudicare perché di fondo non conosco le motivazioni dei suoi atteggiamenti, seppur discutibili. Io ti consiglio vivamente di andartene da casa dei tuoi quanto prima; se c’è una possibilità che tua moglie voglia un giorno tornare indietro (anche se ne dubito) tornerà anche nel caso di una nuova realtà abitativa. Anzi se ciò avvenisse penso che sarebbe ben felice di andare a stare lontano dalla tua famiglia (penso che anche lei abbia mal sopportato la “presenza” di tuo padre, non solo tu). Per quanto riguarda il discorso economico sono sincera: non sono un avvocato ma ciò che sò per esperienze di parenti ed amici è che se tua moglie dovesse aver problemi con il lavoro (o addirittura perderlo) devi, qualora lei chieda la separazione, passarle gli alimenti fino a quando non avrà una sua retribuzione (il coniuge più “forte” deve sempre assistere l’altro, anche in assenza di figli). Quindi fai le tue valutazioni economiche considerando tutto, perché il rischio che fra qualche gg o mese ti chieda la separazione c’è. Per quanto riguarda tuo padre io non so ma se ciò che hai speso per la ristrutturazione è notevolmente superiore a ciò che avresti pagato nei 5 anni di affitto puoi chiedere a tuo padre (e lo dico a “denti stretti”) se, confermandogli che gli lasci libero l’appartamento, ti da una mano per dare un acconto per una nuova piccola casa e ti fai un mutuo (sempre meglio pagare € 500,00 di mutuo piuttosto che di affitto). Magari ti risponde di sì (questo lo puoi sapere solo tu che lo conosci); in ogni caso ti conviene andare perché comunque l’ombra di tuo padre sarà sempre lì qualsiasi vita tu faccia, sia che tua moglie torni sia che tu ti faccia una nuova storia…rischi che la presenza ed il carattere di tuo padre possano rovinare future amicizie o storie.
    Ti auguro di ritrovare un pò di serenità quanto prima!

  3. 3
    ciro48 -

    Penso che la situazione che si è creata, difficilmente potrà essere recuperata, non è pessimismo, è la constatazione di una certezza che ho sempre avuto: Quando ci si sposa bisogna avere la sicurezza economica,vivere lontano dalle famiglie, la cronaca è piena di situazioni come la tua. Quando mi sono sposato ho preferito aspettare un anno e vivere la nostra vita di coppia in piena autonomia. Rifiutando di convivere “per un pò” con i suoceri.
    Era nel mio carattere, e mia moglie era daccordo con me.
    Vivo da solo in una casa grande, mia figlia avrebbe voluto restare con me quando si è sposata, anche per motivi economici, pago io l’affitto, basta che si siano tolti dai piedi, ci vediamo spesso e siamo tutti felici e contenti, bada che non è cattiveria la mia, ho visto troppi matrimoni fallire in situazioni analoghe, anche se sono vedovo, voglio sentirmi libero in casa mia, ho dovuto anche sorbirmi delle critiche, me ne frego! E’ più forte di me, la mia lungimiranza non mi consente di accettare alcun compromesso.
    Capisco tua moglie, deve aver passato 5 anni d’inferno con un suocero come tuo padre!L’unica soluzione è proporle di recuperare il tempo perduto andando a vivere da soli. Dimostrale che ti sei reso conto dell’errore commesso, penso che tuo padre sia sempre stato così, era prevedibile questa intromissione. Tutti quelli che conosco che hanno fatto il tuo errore, sono riusciti a salvare il matrimonio andando a vivere lontano dalle famiglie. E’ l’unica possibilità che hai, tira fuori la grinta e metti a tacere chi ti sta rovinando la vita. Anche i padri sbagliano, quando poi ce uno come il tuo con quel caratterino…meglio girare al largo! Auguri e buona fortuna.

  4. 4
    deio4 -

    Ho sempre pensato che i soldi spesi in affitto siano soldi persi..perchè paghi, paghi, paghi e poi non ti rimane in mano nulla…
    E’ anche vero però che non tutti hanno la possibilità di comprare casa così facilmente (soprattutto con uno stipendio solo)..
    Nel tuo caso io “sfrutterei” l’appartamento dei genitori, cominciando a mettere via i soldini come la famosa formichina..
    Dovresti arrivare ad avere un po’ di soldi da dare in anticipo per comprare una casa e poi farti un mutuo per 500/600 €/mese (stesso costo dell’affitto)..
    Secondo me è la strada più comoda..!!!

    Se invece vuoi scappare al più presto da sta situazione e non sopporti la vicinanza dei tuoi genitori, allora ti conviene l’affitto, ma sarà più difficile mettere via qualcosa..!!!

    Ritieniti fortunato comunque, visto che ci sono uomini che finiscono sotto i ponti..tu puoi permetterti di vivere gratis in una casa, pagare un affitto o comprare un’altra casa..!!!

    In bocca al lupo comunque…!!!

  5. 5
    robywally -

    Grazie a tutti per i consigli è molto importante per me in questo periodo avere un appoggio anche se telematico ma pur sempre utile!!
    Anche oggi ho visto 4 appartamenti ma non sono come vorrei… Ho pensato ad acquistare una casa anche un bilocale purtroppo però non ho soldi a sufficienza per coprire le spese iniziali od un mutuo all’80 per cento avrei bisogno almeno del 100 per cento ma non sò se essendo monoreddito me lo diano… Per quanto riguarda farmi aiutare da mio padre la vedo dura perchè avevo trovato un trilocale bellissimo da poter affittare ma l’agenzia chiedeva un garante, l’ho chiesto ai miei genitori ma hanno rifiutato dicendomi che potevo stare a casa senza spenderne neanche uno invece che andare in affitto!! Non capiscono che io adesso ho bisogno di staccarmi di creare una mia identità. La sfortuna mi perseguita ieri avevo visto un bilocale bellissimo ero rimasto d’accordo col proprietario che gli avrei dato la caparra per fermare il bilo ed invece oggi mi ha mandato una mail dicendomi che si era fatto vivo un amico dell’attuale affittuario ,a cui aveva promesso il bilo, con la caparra in mano ed allora gli ha dato l’appartamento che si libererà a settembre!! oltre il danno la beffa!! oltre ad aver mandato a rotoli la mia relazione non sono neanche in grado di fermare un appartamento!!

  6. 6
    colam's -

    Situazione intricata..

    Io al posto tuo farei cosi: se tua moglie sarebbe disposta a tornare con te se te ne vai da quella casa allora andrei in affitto. Pero’ penso che tua moglie , piuttosto che rimanere con te e doversi sorbire i tuoi preferisce rifarsi una vita.

    Se tua moglie fosse comunque “persa per sempre”, a questo punto io per orgoglio comunque me ne andrei da casa dei genitori. Comprare o affittare: per esperienza ci vuole un apporto. Se non hai una nonna o equivalente che potrebbe aiutarti al posto dei tuoi, e’ dura. Hai semplicemente bisogno di soldi, di guadagnare di più, o per poter mettere da parte anche stando in affitto, oppure per racimolare rapidamente il gruzzolo per poter comprare casa rimanendo temporaneamente dai tuoi. Ti sei guardato intorno ? Potresti cambiare lavoro ?

  7. 7
    Esther -

    Vai da un legale e senti che ti consiglia. Poi, trovatene una altra adatta a te, e prendete casa insieme. Fatti un’abitazione famiglia vera. E Niente mutui, che diventi socio dello Stato. Trovatene subito una altra e vai a vivere con lei. Chiedi il divorzio subito. Quando tuo padre, tira le cuoia, sputi sulla sua tomba e ti riprendi quello che è tuo, augurandogli una morte infelice, come merita.

  8. 8
    Maldamore -

    Andarsene è l’unica soluzione, perchè penso che l’atteggiamento di tuo padre possa aver contributo alla rottura della tua relazione.

  9. 9
    Yog -

    Amici, il post era del 2011. La vita avrà fatto il suo corso: il padre avrà già passato l’Acheronte, il figlio avrà risparmiato l’affitto ma ora avrà il problema che la madre ha la nuda proprietà di tutto (e metà proprietà piena). La ex moglie se ne sarà ripassati una squadra di calcio e comunque non sarà tornata di certo in una situazione così penosa. Le mie ovviamente sono ipotesi, la vita di solito è ben più strana.

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili