Salta i links e vai al contenuto

Al ministro del lavoro

Ho 32 anni, vivo ad Andria con una bimba di 9 mesi e un compagno rumeno di 38 anni;dopo questa premessa voglio illustrare la situazione lavorativa ad Andria con l’arrivo dei rumeni: noi italiani qui’ non troviamo lavoro perche’ la giornata lavorativa con contratto di 50 euro al g. contro i 25 senza ovviamente contratto percepita dai rumeni, non esiste piu’: con 100 euro se ne pagano 4 e senza versare contributi; il mio compagno non riesce a trovare lavoro perche’ chiede 40 al giorno e il contratto;le donne rumene,per avere un posto fisso, si concedono a turno ai datori di lavoro; ogni azienda qui ne ha tre o quattro;io non riesco a trovare lavoro perche’ sono italiana e non scendo a determinati compromessi; i controlli,assenti o e’ preferibile pagare multe invece di contributi;i rumeni si vendono i posti di lavoro in cambio di denaro o di una percentuale sulla “giornata”;tutti sanno;a furia di non trovare lavoro, sono stata costretta a chiedere un sussidio agli assistenti sociali;le scrivo perche’ chiediamo solo di poter lavorare nel rispetto della dignita’ e dei diritti umani;aiutateci;
CORDIALI SALUTI

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Lavoro

1 commento

  1. 1
    OK MORANDO SERGIO -

    Questo sistema di sfruttamento sul lavoro esiste in tutta italia compreso il non esente nord italia dove anche qui vi è lavoro nero imposto e contratti precari viola leggi 81/2008 – 626 e che violando queste leggi tusl antifortunistiche sui lavoratori precari si riversano di conseguenza negativamente sui prodotti costruiti che vengono poi venduti in italia europa e resto del mondo mettendo in questo pessimo fare a rischi altre persone altri lavoratori italiani e stranieri! Porterò tra l’altro ad inizi 2012 ad udienze al tribunale di mondovì questo ultra pessimo fare tra ditte interinali (–) e multinazionale (–) che costruisce e vende gru edili gru semoventi. Ma sia il lavoro in nero che quanto accade nei contratti precari che violano leggi ed articoli..si violano oltre le 81/2008- 626 si violano gli articoli della costituzione italiana 1-4 e 36 idem per gli articoli della dichiarazione dei diritti dell’uomo! Il creare guerre tra poveri..di lavoratori sia italiani che stranieri questo fare è volutamente creato dalla solita politica..governi..partiti e certi sindacati confirmatari di avere creato il sistema deprecabile del lavoro attuale italiano ! Bisogna proporre al governo e al tribunale della corte di giustizia europea di fare noi stessi i collaboratori ispettivi insomma presenti alle ispezioni visto che senza offesa..gli ispettori o sono accorti di personale..o altro gli ispettori non sono solo del lavoro molti non sanno che vi sono i vigili del fuoco ispettivi ispettori asl inail spresal inps carabinieri e guardi di finanza…se noi precari messi pure in disoccupazione forzata ci facessero fare l’aiuto ispettori..abbiamo noi tutti anni di pratiche lavorative..che unite alla grammatica degli ispettori si potrebbe fare scoprire tutto il marciume sui posti di lavoro sia nei contratti e tantissimo su leggi t.u.s.l. Raggirate..e ultra violate insieme..si potrebbero evitare tanti infortuni tante morti bianche che accadono non a caso nei contratti precari e lavoro nero.. Vi sono le cause ! Sempre !!! E le ispezioni devono essere contrapposte tra gli ispettori ! Ripetute ! Senza avvisi di preavviso..o fatte con i paraocchi ..iniziandole presso i centri per l’impiego anche in retroattivo di dieci anni idem alle ditte interinali e loro clienti ! Scopriranno..illeciti di contratti e violazioni di legge 81/2008 – 626..visite mediche reali alle qualifiche non fatte..corsi di carrellista saldatore non fatti corsi sicurezza uso e pericoli dei macchinari non fatti..patenti mezzi d’opera inesistenti..ed assunti “quando” assunti per altre mansioni per evitare le leggi 81/2008 !!!!! Pertanto si violano altre leggi..sulle sorveglianze sanitarie..su leggi lavori usuranti..su leggi delle malattie professionali..etc.etc. Questya è un italia da vergogna..e concludo che la precarietà mista a disoccupazione forzata sempre più cresente..non faranno raggiungere neppure i contributi pensionistici ! Si deve ripeto fare intervenire il tribunale dell’ue.
    Morando
    Crocefieschi Genova Malpotremo Lesegno Italia Argentina

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili