Salta i links e vai al contenuto

Ministra Azzolina

Lettere scritte dall'autore  Anna Rita Borelli

Al direttore Enrico Mentana

Egregio direttore Mentana, TG La7,
Atteggiamento sessista verso la MInistra Azzolina? E’ l’esatto contrario! Siccome è giovane e piacente, con un bel rossetto rosso, gli uomini sono estremamente indulgenti con lei, e Lei per primo, che dimentica del tutto la sua capacità critica e l’ironia che avrebbe sicuramente esercitato verso chiunque altro di sesso maschile.
La ministra ha commesso molti errori:
1.ha proclamato che tutti sarebbero stati promossi appena iniziata la didattica a distanza; ovviamente molti ne hanno approfittato per non studiare;
2.per la prima volta nella storia d’Italia lo Stato ha deciso chi doveva essere promosso, sostituendosi ai Docenti;
3. ha eliminato i corsi di recupero estivi, che si sono sempre svolti;
4. parla dei provvedimenti da prendere per il futuro completamente a vanvera (il plexiglass, che è materiale infiammabile tra i banchi);
5. Si è augurata che all’esame di stato gli studenti parlassero della loro esperienza nell’emergenza sanitaria, cosa che neanche nella posta del cuore dei giornali femminili;
6.ha una visione della scuola buonista, senza rigore, dove non esiste il merito; un disastro per l’istruzione.

Anna Rita Borelli

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Condividi su Facebook: Ministra Azzolina

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Scuola

2 commenti

  1. 1
    Bottex -

    A parte il plexiglass che è stato forse una bufala (ma non è detto, potrebbe averlo proposto e dopo aver capito di aver pestato una m…a si è rimangiata la parola) tutto il resto sono cose vere. Uno dei peggiori ministri scolastici che si siano visti, indipendentemente dal periodo particolare.

  2. 2
    Max -

    Non ho grande stima per la ministra Azzolina, ma debbo dire che si trova in una situazione per nulla invidiabile. Infatti si trova a dover prendere atto delle prescrizioni date dai vari comitati medico-scientifici (classi dimezzate, bambini distanziati o presenti in aula in modo alternato ecc.). Ma nello stesso tempo, siccome non è stupida, si rende perfettamente conto della praticabilità difficilissima o addirittura assolutamente impossibile di queste norme, se si cerca di calarle nella realtà. La didattica a distanza, soprattutto per i bambini più piccoli, si è rivelata, per dirla allo stesso modo in cui Fantozzi si pronunciava in merito al film La Corazzata Potiomkin, “una boiata pazzesca!”. E i bambini con orario ridotto o senza mensa rappresenterebbero un’autentica catastrofe per molte famiglie che, non avendo vinto al Superenalotto, debbono guadagnarsi il pane col proprio lavoro. Distanziamento sociale, mascherine ecc. son cose facili a dirsi ma fra il dire e il fare…

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili