Salta i links e vai al contenuto

La mia vita con un passivo aggressivo

  

Dopo molti anni trascorsi insieme a chiedermi spesso il perché dei suoi comportamenti assurdi fatti di ostruzionismo, resistenza passiva, totale incapacità ad affrontare qualsiasi problema anche legato al suo lavoro, comprendo di trovarmi di fronte ad un uomo che ha un disturbo caratteriale.
Lui così amato fuori, molto calmo, disponibile e comprensivo quando è solo con me gli basta qualsiasi pretesto per far passare l’inferno. Non ti fa sentire importante né per lui né per gli altri ma dipende da me per qualsiasi cosa, gli servi ma ti disprezza anche quando fai qualcosa per lui. Ti vuole ma non ti vuole. Davanti agli altri poi si accanisce in modo impietoso facendoti passare sempre per quella che non sei; appiccicosa, dipendente, asfissiante e ci tiene a gridarlo forte. Non c’è dialogo tra noi ma solo monologhi da parte mia che comunque a volte mi aiutano a sopravvivere a questo senso di solitudine. Gli altri non possono capire! Io sono molto istintiva estroversa e nonostante tutto ancora con una buona dose di autostima e chi dice quello che pensa a volte non è ben visto. Mi vedono tutti sempre presente in ogni situazione dove dovrebbe essere lui perché si sottrae a tutto e gli altri pensano che voglio prevaricare su di lui che farebbe succedere irrimediabili catastrofi solo per incapacità e con il gusto di addossarmi ogni responsabilità. Sono sempre sul punto di dire basta ma poi penso di sbagliarmi di buttare tanti anni e di non aver avuto abbastanza comprensione ed io stessa non sarei mai capita da nessuno. Vorrei sapere se qualcuno conosce il problema e se può darmi un consiglio su come ci si deve comportare con una persona con questo disturbo comportamentale. Io ho provato ad assecondarlo ma anche contrastarlo, a fare quello che dicono il disco rotto ripetere la cosa più volte in momenti diversi senza polemica e arroganza ma a nulla è servito.

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Me Stesso

23 commenti a

La mia vita con un passivo aggressivo

Pagine: 1 2 3

  1. 1
    viola -

    Se non ci sono bambini scappa velocemente da lui..la tua vita è troppo preziosa per donarla a qualcuno che non sa apprezzarla.

  2. 2
    colam's -

    Io sono stato con una narcisistica per anni. Non e’ esattamente la stessa situazione tua ma il risultato si’.

    Scappa, chissene degli anni, sii felice con uno meno pazzo (sì perche di normali non esistono più temo!)

  3. 3
    GEMMA -

    Viola ti rispondo dicendoti che i miei figli sono grandi e fuori di casa quindi non è quello il problema ma c’è un problema ancora più grande che è quello di ricominciare ad una età in cui hai già dato tutto e potresti godere ciò che hai fatto. Poi non ci sono più le forze per ricominciare.

  4. 4
    Una donna -

    Via via via…
    E chi lo stabilisce il limite per ricominciare?
    Scappa, lui è disturbato e spero che tu abbia la consapevolezza di riconoscere di non dover stare con un uomo così.
    Non cambierà,sei tu che devi cambiare aria.
    Conosco il problema da molto vicino,ricomincia da te,ce la farai.
    Io avevo annullato la mia identità con la speranza che il mio amore potesse cambiarlo,è pura illusione..
    Non si aspetta che l’amore accada,o c’è o non avverrà mai.
    Piuttosto credo che tu già sappia qual’è la scelta da fare,non ti senti amata,e non è colpa tua se andrai via..ricordalo.
    Non avere paura di desiderare di più dalla vita,è un tuo diritto,sai di essere infelice con lui,cosa ti trattiene?
    Dici “non voglio buttare tutti questi anni”mica sono vestiti..questi anni faranno parte del tuo bagaglio,della tua esperienza di vita e ti insegneranno a farti rispettare di più..ad amare prima te stessa.
    Credo che non lo ami più,altrimenti non staresti qui a porti domande,e penso che, finalmente, ti sei accorta di te, che esisti ,..che in tutto questo tempo hai vissuto la vita di un altro, perennemente dietro le quinte dei suoi spettacoli.
    Ora è giunto il momento di vivere la tua,armati di coraggio e va avanti a testa alta e con con grinta,perchè questa sarà la partita più importante della tua vita.

  5. 5
    albanascente -

    ti prego di leggere i miei post firmati albanascente; per certi versi ho vissuto una vita simile alla tua. ciò che dice viola è vero sempre, a qualsiasi età ma anch’io come te sto riflettendo. Il problema non è semplice, anche se non ci sono problemi economici.
    Leggi: “tradimento confessato per umiliare”, “se vuoi mio marito lo puoi prendere”, “tradimento, umiliazione, narcisismo”. Non so sei sei stata tradita con un’altra donna, non è determinante, il problema è vivere con un prepotente aggressivo che già per questo tradisce gli elementi fondamentali di un rapporto di coppia onesto e rispettoso.
    Spero che tu mi legga; anch’io le ho provate tutte come te, anche a sottrarmi definitivamente alle sue richieste, siamo arrivati al punto di una separazione, si è trovato altre donne, ecc. ecc., ha cercato di risolvere fuori e non in casa. Il seguito puoi leggerlo a poco fino a questi giorni. Penso che noi due abbiamo molte cose in comune.
    A presto

  6. 6
    albanascente -

    Per UNA DONNA,
    sono d’accordo con te, anch’io ho vissuto una vita simile.
    In questo momento sono in pausa. Da sei mesi ho vissuto un’angoscia mai conosciuta per tutto il male che mi è ritornato contro.
    Ora ho raggiunto una certa tranquillità, siamo ancora insieme ma al centro dei miei desideri e pensieri ci sono solo io, faccio liberamente la mia vita senza più sentire il suo perverso controllo.
    Non so pensare più lontano di oggi e questo mi fa stare bene ma nel fondo del mio cuore spero di incontrare un uomo che sprigioni tutto l’affetto che ho dentro e che è stato sepolto da aggressività incomprensibili.
    Dimmi, se è successo anche a te come hai fatto ad uscirne completamente anche se sono consapevole che ognuna ha la sua storia, le proprie resistenze, le proprie potenzialità e i propri limiti, l’esperienza altrui è sempre importante per un confronto.
    Un abbraccio

  7. 7
    Tiffany -

    Per Albanascente
    Mi è bastato leggere qualche riga dei tuoi post per capire che sei una donna eccezionale,dignitosa,onesta e bella dentro.
    Io ho alle spalle meno anni di esperienza matrimoniale quindi la tua situazione è ben più difficile della mia,mi rendo conto.
    Eppure faccio fatica ad immaginarti felice ancora accanto a questo uomo.
    Meglio di me puoi sapere che La donna sta cambiando(per fortuna)ci troviamo in un momento di transito,di trasformazione,di evoluzione..
    Credo che tanti(non tutti)dei divorzi,oggi sono dovuti proprio al nostro risveglio.
    Non possiamo e non dobbiamo più essere “schiave”di maschilisti,aggressivi,egoisti,traditori.
    Non è facile uscirne,io piango ancora,di notte,da sola…ed ho paura.
    Bisognerebbe imparare a riconoscerla “la paura”e a leggere nel più profondo di noi stesse il vero motivo che ancora ci lega a queste storie malate.
    Non so cosa consigliarti,e forse non voglio consigliarti,perchè tu sei migliore di me,sai già cosa è meglio o peggio,tutte noi già sappiamo è la paura a tenerci intrappolate.
    L’unica cosa che posso dirti è continua così,su quasta strada,credo che tu sia dotata di un gran dono,quello del perdono..
    Ma sei un essere speciale è giunta l’ora di valutarti per quello che realmente sei,e non per quello che ti hanno fatto amica e marito.
    Non è giusto rinnegare,umiliare,calpestare l’amore di qualunque forma o razza che sia.
    Tuo marito l’ha fatto,ti ha rubato l’amore,ora tocca solo a te scegliere se continuare a regalarglielo o cambiare vita.
    Una persona molto spirituale una volta mi ha detto che l’amore trova varie forme per esprimersi,non solo attraverso chi ci fa soffrire.
    Tu ne hai tanto continua a farlo fluire..ma basta piedi in testa,basta aggressioni..quando deciderai di respirare un pò?

  8. 8
    albanascente -

    Per tiffany,
    grazie per il tuo sostegno che hai motivato con considerazioni che ho sentito pertinenti e illuminanti; penso che tu sappia bene come si sta in queste situazioni. Mi piacerebbe conoscerti meglio.
    Nei miei post c’è tutta la mia vita. Quello di cui mi sto accorgendo ora è che è aumentata la mia autostima e contemporaneamente mi sento di poterlo lasciare andare. Ho sempre pensato che la mia prima nemica ero io per l’idealizzazione che avevo messo in atto su quest’uomo, padre affettuoso, persona ammirata e stimata, generosa, impensabile definirlo da altri invece come l’ho conosciuto io.
    Nel post TRADIMENTO UMILIAZIONE NARCISISMO racconto gli sviluppi di questa situazione perchè ho ancora molto bisogno di voi.
    Un abbraccio

  9. 9
    GEMMA -

    per albanascente
    non so quanto la tua situazione sia uguale alla mia, lui al contrario non mi ha mai tradita ma credo solo perchè non vuole crearsi problemi essendo lui il tipo che evita tutto perchè pensa che tutto sia un problema anche se mi ha detto che non gli è mai passato per la mente. Ma sapessi quante volte mi sono detta che forse era meglio perchè così i sensi colpa lo avrebbe fatto comportare meglio con me. Il suo comportamento normale è l’indifferenza e non c’è cosa peggiore!. Ma ora che tu come dici vivi per te cosa è cambiato nel suo comportamento e dentro di te? Aiutami a trovare i tuoi post .

  10. 10
    albanascente -

    gemma, i miei posto sono:tradimento, umiliazione, narcisismo, tradimento confessato per umiliare,e poi altri due che ti dirò, ora non ricordo.
    Il tradimento che per 6 mesi mi ha sconvolto ora lo considero al pari del tradimento della vita a due alla pari dell’aggressività, della prepotenza, della svalutazione continua.
    Lui ha usato due pesi e due misure, una per sè e una per me, una gelosia incredibile, geloso perfino se ero gentile con chi era gentile con me e lui invece era sgarbato.
    Ero decisa a lasciarlo ma in fondo gli sono legata dopo tutti gli sforzi che ho fatto non riuscivo ad accettare di non avercela fatta a costruire una vita a due soddisfacente.
    La mia situazione è in evoluzione. Abbandonata l’idea della separazione per il mmomento, io sono più tranquilla e disposta a valutazioni diverse da quelle che facevo prima.
    Ho 63 anni. Leggi e poi mi dirai, mi dirai di te, leggerai le risposte che mi hanno dato aiutantomi molto a chiarire ciò che soprattuttto voglio io. Chissà che non abbia ragione rossana che mi ha scritto stamattina? L’importante è avere chiaro ciò che si vuole in prima persona e non è facile ma intravedo che poi il resto viene da sè. Teniamoci in contatto.
    Un ab braccio.

Pagine: 1 2 3

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili