Salta i links e vai al contenuto

Mia madre e mio padre

Lettere scritte dall'autore  

Non so mai come iniziare a scrivere. Ogni tanto, periodicamente, ritorno qui per sfogarmi. Perché certe volte parlare con gli amici non basta, perché a un certo punto sentirsi ripetere la stesse identiche cose, come un disco rotto, dalle persone che ami fa davvero male. Ho vent’anni e mi sono resa conto che non avrò nessuno “a proteggermi le spalle”. Mia madre e mio padre, una troppo logorata da una vita di delusioni, l’altro incapace per natura, non mi saranno mai di vero aiuto nel mio percorso di crescita. E saperlo fa male da morire.
Ho sempre amato molto i miei genitori, ho cercato di renderli orgogliosi di me, ma il mio “carattere” ha spesso contribuito più negativamente che altro. Sono testarda e tendo a voler avere l’ultima parola. Sono ansiosa, iperattiva e introversa. Non accettato facilmente i miei difetti e spesso anche se ne sono consapevole, non li ammetto apertamente di fronte agli altri.
So comunque di poter migliorare, sono giovane, ho una vita intera davanti a me e per fortuna ho gli amici e un amore che mi mostrano un cammino verso una vita piena.

Quello che mi fa più paura, cioè che temo non mi permetterà di andare avanti è la mia incapacità di aiutare mia madre. Non penso che pulire la casa, lavare i piatti e mettere in ordine porteranno davvero un senso di benessere a mia madre. Mia mamma sta davvero male. E quel che è peggio è che non vuole ( non può? ) ammettere che sia così. Si trascina, avanti e indietro, tra impegni di lavoro e altri più o meno futili. Si sfoga con me, approfittando di ogni mio momento di ansia, arroganza, o qualsiasi altro comportamento accusabile e attaccabile, per riempirmi di insulti e reclami su questo e quello. Io spesso incasso, altre volte mi ribello, ma ogni volta che accade inevitabilmente mi distruggo dentro. Non voglio essere causa di dolore per mia madre, non voglio nemmeno continuare a logorarmi l’anima per una persona che si è abbandonata ai fallimenti della propria vita, non voglio che mia madre si lasci andare così come fa ora; finendo per non vivere, ma solo sopravvivere al resto dei propri giorni.

Mi sento impotente e nulla, priva di qualsiasi capacità. Senza alcuna via d’uscita sostenibile.
Mi è stato detto che devo rinunciare a qualcosa. Dopotutto non si possono pretendere capra e cavoli.
Ma a cosa devo rinunciare? Perderei in ogni caso una parte di me.

L'autore ha scritto 6 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Famiglia - Me Stesso

17 commenti

Pagine: 1 2

  1. 1
    colam's -

    Anche io non ho supporto dai miei, anzi direi che mi creano problemi riversandomi i loro.

    Detto questo basta fregarsene e prenderla come una delle fregature della vita (tanto non puo’ andare tutto bene).

    Consiglierei anche un po’ di sacro egoismo, ho visto molti figli/e rovinarsi per stare appresso ai problemi dei genitori. Hai la tua vita ed e’ quella la priorita’ in assoluto su tutto, a parte il bene dei figli che avrai

  2. 2
    sisley-68 -

    credo che molti hanno i raporti difficile con i propri genitori. se posso darti il mio consiglio, vai via da casa dei tuoi genitori. e vivi la tua vita.

  3. 3
    dancan -

    scusa se mi permetto… dici cose molto vaghe. ad esempio non dici quanti anni hanno i tuoi genitori. ne dici se lavori o se studi con profitto o meno.

    poi dici : Non penso che pulire la casa, lavare i piatti e mettere in ordine porteranno davvero un senso di benessere a mia madre…
    hai provato a farlo per qualche mese ( mese, non giorni..) e vedere se cambia qualcosa?
    colam’s ti consiglia di essere piu egoista. a me sembra che tu sia GIà parecchio egoista… i problemi esistono. e vanno affrontati. spesso a scapito di altro. ma la famiglia è una sola. e sarà sempre la tua famiglia. e se non ti prendi cura tu della tua famiglia quando è necessario, pensi che lo farà qualcun altro?
    pensi che A 20 anni ci debba essere ancora qualcuno a proteggerti le spalle? io ho 35 anni. è da quando è morto mio padre, che la famiglia la mando avanti io. ( cioè da quando avevo 22 anni) 2 lavori, spesso 3. di media lavoro 18 ore al giorno, tutti i giorni. non mi va di uscirem, la sera. dopo 18ore, sono stanco parecchio. ad ogni modo, sono andato avanti. e sono ancora vivo. ho pochi amici, ma so che a quei pochi, posso chiedere il sangue. a me la mia vita va bene cosi. a 20 anni, sei in grado di decidere cosa vuoi fare, e specialmente, è ora che inizia a renderti conto che , fino a 20 anni, qualcuno ha badato a te. qualcuno, che ti ha pulito il culo, qualcuno che ti ha dato un piatto caldo tuti i giorni, 3 volte al giorno. i tuoi genitori ti hanno messo al mondo, ti hanno curato, hanno fatto in modo di darti un’istruzione. ora tocca a te ricambiare le cose. io dico sempre che bisogna agire, e non chiudersi a piangere o a lamentarsi. io ti consignio di prenderti cura della tua famiglia… anche perchè… quando avrai tu dei figli, e avrai dei problemi e avrai bisogno di loro, come ti sentirai, se loro si faranno i cazzi loro?? (il famoso egoismo dei figli)

  4. 4
    Nadia -

    Mi sembra di rivedere mia madre. Non e’ mai stata felice con mio padre, forse anche con ragione, ma quando lui stufo delle sue urla andava via lei passava subito ad aggredire me. Per dirti, i lavori domestici potevano anche essere perfetti ma tanto non andavano bene comunque, io non ero mai abbastanza brava, abbastanza magra, abbastanza estroversa, abbastanza…qualunque cosa. Se mi succedeva qualcosa, era sempre colpa mia, per esempio una volta mi sono letteralmente venuti addosso con la macchina..era colpa mia, perche’ quel giorno ero uscita. Durante l’adolescenza ho perso tutti i pochi amici perche’ per uscire dovevo basarmi sul suo umore. Se era tranquilla, potevo aspirare a uscire qualche ora, ma tante volte mi dava il permesso di uscire, il sabato sera, ma quando ero gia’ pronta e mi aspettavano sotto casa mi diceva “No non puoi uscire, ho mal di testa e se tu sei in giro io non dormo”. E cosi’ via’, potrei raccontartene migliaia. Io sono di carattere mite e non le ho mai dato addosso, ho sempre cercato di fare tutto quello che mi diceva, di sostituirmi a mio padre per le belle cose che lui non le dava, ma poi ho capito che mi stava uccidendo. Cosi’, a 18 anni ho lasciato gli studi, che tanto non riuscivo a seguire perche’ lei ogni 10 minuti mi interrompeva, e ho lavorato. A 20 anni sono andata via, e li’ e’ cominciata la mia vera vita. Certo, gli strascichi te li porti dietro per sempre, tutt’ora ho dei problemi caratteriali per altri difficili da comprendere, ma ho la mia vita, il mio uomo, la mia casa. Mia madre la vedo spesso e faccio tutto quello che posso per lei, qualunque cosa mi chieda, perche’ sara’ sempre mia madre.
    Quindi, credo che anche per te, l’unico modo sia farti una vita tua. Vedrai che dopo si appienera’ tutto e vedrai le cose diversamente.

  5. 5
    Aria85 -

    So quanto può essere difficile il rapporto coi propri genitori.Ma sono i tuoi genitori.Ti amano e lo faranno sempre.Come individuo hai il diritto ad essere felice e il dovere di costruire la tua felicità come meglio credi.Ma per farlo devi diventare grande.Renditi autonoma e responsabile.Guadagnati da vivere,almeno per le piccole cose,qualora tu non lo faccia già.
    Probabilmente molte cose le capirai tra qualche anno,quando avrai una vita auotonoma,un compagno o un marito e magari dei figli.
    Cerca di focalizzare l’attenzione su ciò che non vuoi per la tua vita e inizia a costruirla seriamente.
    E,soprattutto,prova a pensare che anche i tuoi possono avere delle fragilità o essere o sentirsi inadeguati.Essere genitori non vuol dire essere sempre all’altezza delle situazioni.
    Ti do un consiglio,se compatibile con la situazione(e questo lo sai solo tu):prova a chiedere a tua mamma di raccontarti della sua gravidanza e della tua nascita.Poi fermati da sola,ripensa per bene al racconto e prova ad essere lei.
    E poi sorridi…che c’hai vent’anni!

  6. 6
    Mandrake -

    @dancan
    …è evidente che tu certe cose non le abbia vissute…puoi sapere cosa significhi perdere un padre in giovane età, cosa che ti ha costretto a crescere alla svelta, a prenderti cura della tua famiglia…che dire…chapeu.Tuttavia non sai cosa significa vivere e crescere(?) con una madre troppo presa da se stessa e dai suoi problemi, che sta sempre a rimuginare sui suoi fallimenti, e un ologramma di padre, che c’è e NON C’E’!Uno su cui non potrai contare mai perchè troppo debole per svolgere quel ruolo di guida, di punto di riferimento o di semplice supporto.
    “…pensi che A 20 anni ci debba essere ancora qualcuno a proteggerti le spalle?…a 20 anni, sei in grado di decidere cosa vuoi fare, e specialmente, è ora che inizia a renderti conto che , fino a 20 anni, qualcuno ha badato a te. qualcuno, che ti ha pulito il culo, qualcuno che ti ha dato un piatto caldo tuti i giorni, 3 volte al giorno…” che ti ha lavato e stirato…e chi ti ha chiesto di essere messo al mondo, potrei risponderti in questo momento? per avere qualcuno che ti lavi il culo e quant’altro quando sarai vecchio?…o…per “AMORE”?!?!?!?
    hai dei figli per caso? beati loro!

  7. 7
    dancan -

    allora… vorrei rispondere un po a tutti.. quindi scusate se mi dilungherò un po….
    prima di tutto, l’autore della lettera, non spiega nei dettagli le cose, che secondo me sono importanti, per capire la situazione e dare un consiglio e/o un parere: innanzitutto non dice l’età dei genitori, che è abbastanza importante. non da notizie sul background famigliare e di cosa si ain effetti successo. si limita a dire che le cose non vanno, il padre è assente e la madre , in pratica, vanesia. quindi, non si riesce a capire quanto grandi siano i problemi, ne quanto gravi essi nei fatti siano.. infatti ognuno vede i propri problemi come insormontabili, e di solito sempre molto piu grossi di come in realtà poi sono. ( ad ogni modo, madme, non ti sto criticando, ne ce l’ho con te, è solo il mio punto di vista, quindi vale 00 cioè doppio zero) bisognerebbe sapere un po di piu sia del padre sia della madre. comunque, andiamo oltre. sempre riferito a madme, scusa, ad ogni modo a me sembri un poò egoistico, il tuo discorso… non tieni in considerazione due fattori principali: prima di tutto, tuo padre e tua madre sono due persone, con dei vizi e delle virtù. con delle difficoltà da affrontare ogni giorno, una famiglia da mantenere unita nei limiti del possibile, e tante piccole altre cose che tu ora non riesci a vedere, ne a dare il peso corretto.. dici che tuo padre è una figura inesistente? ok, analizziamo un po lui, ora, ti va? per quello che posso sapere, conoscere e ipotizzare.. un uomo, quando non si trova bene sul posto di lavoro.. poi solitamente, gli va un po a rotoli anche il resto delle cose… hai mai pensato che tuo padre è così perchè magari ha delle preoccupazioni sul lavoro, o che magari ci siano dei problemi in quell’ambito, o che magari, alla fine delle cose, a furia di essere prevaricato dai superiori, alla fine, abbia perso quel ‘mordente’ che dovrebbe invece avere? e che sommato magari alla siatazione poco allegra che c’è in casa.. (cmq, se è riuscito a crescerti, darti un’istruzione eun minimo di cose, proprio un’incapace non deve esserlo)
    passiamo a tua madre, ora: dici che è persa dietro a mille cose e lavori piu o meno futili… bè.. in primo luogo, non vi ha messo sul lastrico giocando ai videopoker, o al superenalotto (è gia qualcosa, no?) non sembra che abbia un’amante ( anche questo è gia qualcosa) perlomeno si tiene occupata in qualche modo. e comunque… tu dici una vita di fallimenti.. bè, io so una cosa.. se hai avuto dei fallimenti,

  8. 8
    dancan -

    è perchè hai agito, e ti è andata male. ma almeno hai agito. e se dici fallimenti, vuol dire che ti sei rialzata e hai fatto anche altro. non è semplice andare avanti quando fallisci delgi obbiettivi, lo sai? tu chiedi a tuo padre di esserti da guida: allora… se passi il tuo tempo tra scuola, amici e fidanzato, mi spieghi come fa tuo padre ad essere presente? e credo che quando ti imponga qualcosa, se a te nn sta bene, forse lo mandi pure affanc.. ( come vedo fare a molti) in definitiva, ti dico questo: essere genitori non è semplice, non è facile, e non te lo insegna nessuno. idem gestire una famiglia. ma questo credo che lo scoprirai quando ne avrai una tua.. vedremo come affronterai i problemi. in ogni caso, hai 20 anni, e tu stessa ti definisci “testarda e tendo a voler avere l’ultima parola. Sono ansiosa, iperattiva e introversa. Non accettato facilmente i miei difetti e spesso anche se ne sono consapevole, non li ammetto apertamente di fronte agli altri” pensi che sia facile avere a che fare con un carattere cosi?avendo dietro magari qualche altro problema?? un’ultima cosa.. il mondo non gira intorno a te,hai dei problemi da affrontare, quindi, alzati e affrontali, prima che sia troppo tardi. la vita è questa.tutti noi vorremmo una famiglia con i soldi di berlusconi e la cura e l’attenzione di una famiglia modella.. purtroppo non è mai così. quindi un minimo di elasticità, specialmente da parte tua, serve.

    @mandrake:amore per i figli, non significa assistenzialismo totale. ricordati che i fuoriclasse, le persone veramente speciali e con gli attributi quadrati, molto spesso provengono da famiglie problematiche.. i tuoi genitoiri ti hanno messo al mondo. e ti hanno curato e amato, poi tocca a te ricambaire, e va fatto quando serve, non quando fa comodo. a madme, viene chiesto ora, di prendersi un po di responsabilità. a quancun’altro avverrà piu avanti. a qualcun altro mai. ma prima o poi a tutti, in qualche modo, ci dobbiamo passare. a20 anni, oramai,anche se la società tende a non considerare tale, non si è piu ragazzini, ma uomini e donne.(non della de filippi). madme, non te la prendere, non ti offendere. cerca solo di capire che ci vuole molta fatica e molta buona volontà, per far andare avanti le cose. sii paziente,perdi qualche battaglia, e smetti di volere sempre l’ultima. a volte è necessario. anche x te stessa..

  9. 9
    mandrake -

    “…amore per i figli, non significa assistenzialismo totale. ricordati che i fuoriclasse, le persone veramente speciali e con gli attributi quadrati, molto spesso provengono da famiglie problematiche…”
    -parlando con cognizione di causa, sono perfettamente daccordo con te, ci mancherebbe…tuttavia se la mancanza “fisica” di un genitore,(…nel senso di perdita,di morte…) genera problemi gravi(… è fuori discussione…) altrattanto “seri” sono i problemi dovuti al fatto di avere genitori, come dire…incapaci? fuori ruolo? e potrei usare 1000 altri aggettivi per descrivere le persone che dovrebbero formarti, farti crescere(…bada bene ho detto crescere, non trastullarti nella bambagia!) finendo invece(…loro malgrado, ci mancherebbe…) col tarparti le ali, e a volte a non farti crescere mai, tutto questo in barba alla tua età anagrafica…

  10. 10
    dancan -

    allora… noi tutti siamo qui a scornarci e pontificare, ma oggettivamente, non
    sappiamo nella realtà dei fatti, di cosa l’autore della lettera parla.. in effetti, è un
    discorso abbastanza vago, quindi, molto è lasciato all’immaginazione di chi legge.
    entriamo un attimo nel dettaglio, vuoi mandrake?
    allora.. solitamente si è impegnati con la scuola piu o meno 10 ore al giorno,
    sbaglio? quindi, a ‘formarti’ in quelle ore è la scuola. poi, diciamo che piu o meno
    8 ore, le passi dormendo. siamo a 18. ne mancano 6, giusto?
    in quelle 6 ore, non è detto che sei sempre in contatto con la famiglia. ( da me, si
    lavora piu o meno dalle 7,30 fino alle 18-19.) quindi, il lasso di tempo che si
    passa con la famiglia, è piu o meno un ora al giorno circa. ( da parte del padre) ..
    sbaglio qualcosa nei calcoli, quindi, controlla e correggi.. si lo so, sono un po
    stringato, ma stiamo solo ragionando. ti dicevo… in quell’ora o due.. cosa pensi
    che possa fare un genitore?? dovrebbe insegnarti delle cose, formarti ( come dice
    mandrake) , ma c’è un problema… con il caratterino della nostra autrice.. se un
    padre dice troppe volte no,o se cerca di dare delle ‘direzioni’ alla fine si becca un
    vaffanculo e un ‘mio padre è uno stronzo perchè vuole che faccio x invece che y’
    quindi, noi tutti stiamo qui a commentare un lamento di una persona che
    vorrebbe qualcosa di diverso. tutto qui. tutti mi parlate di genitori incapaci… bè,
    fino ad ora, quei due incapaci li, hanno cresciuto una figlia fino a 20 anni, e non
    sembra che le sia mai fatto mancare nulla. e non sembra, che in estate la ragazza
    si sia trovata un lavoretto. quindi oltre che a darle untetto sopra la testa, dei
    vestiti, dei pasti tutti i giorni e i 50 euri per uscire con gli amici…. bè, non mi
    sembra che siano proprio dei falliti. ora possiamo anche parlare della carenza
    affettiva.. ma la ragazza dimentica che anche i genitori hanno problemi.
    dimentica che per andare d’accordo in famiglia, molto spesso anzi sempre,
    bisogna fare buon viso a cattivo gioco. cosa dovrebbe fare suo padre per rendere
    meglio in casa? lei nn lo dice. si limita a lamentarsi su cose opinabili. quindi,
    finchè lei non ci spiega meglio la situazione, io e mandrake potremmo stare qui
    mesi a scornarci su dei punti di vista, che però andrebbero applicati a questa
    situazione.
    mandrake, tu cosa intendi per genitore incapace? però vorrei esempi pratici.. cosi
    forse capisco meglio cosa intendi. e anche tu madme.. spiegati meglio 😉

Pagine: 1 2

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili