Salta i links e vai al contenuto

Mi sento come se stessi diventando stupida

Lettere scritte dall'autore  Afterlife.
La lettera è pubblicata a Pagina 1

L'autore ha scritto 10 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

26 commenti

Pagine: 1 2 3

  1. 11
    Gaudente -

    certamente ! lo sport nuoce gravemente alla salute quindi molla immediatamente il lavoro di istruttore sportivo e vedrai che tutto si mette a posto.

  2. 12
    Fra -

    Salve, anche io soffro degli stessi sintomi che descrivete. Qualcuno di voi ha risolto? Siete riusciti a trovare una soluzione? Sono mesi mi sento strana e oltre ai sintomi di cui scrivete, io ho anche un’altro problema, non ho coordinazione cervello-bocca (sono convinta di dire una parola ma in realtà ne pronuncio un’altra) e cervello-mani (non riesco a fare qualcosa senza far cadere qualcosa o farmi male). Sono un pò preoccupata, forse dovrei contattare un neurologo. Il motivo per il quale non l’ho ancora fatto è perché, nonostante i miei strafalcioni riesco a gestirmi ancora abbastanza bene… Se avete aggiornamenti sul vostro stato, per favore, commentate

  3. 13
    Golem -

    Il fatto di rendersi conto di “instupidirsi” esclude la possibilità di esserlo per ovvie ragioni.
    È un classico sintomo di affaticamento nervoso. Siamo macchine biologiche e andiamo “fuori giri” come quelle meccaniche. Tra l’altro l’imbranataggine che si constata in quei momenti crea un circolo vizioso psicologico che tende ad avvalorare la tesi di cui sopra. Sbagliato. Sono momenti che passeranno. E che hanno tutti in un modo o nell’altro. Gli stupidi non se ne accorgono logicamente.
    Sì, una visita da un neurologo aiuta.

  4. 14
    Afterlife. -

    Sarò sincera, da quando ho scritto questa “lettera”, le cose non sono cambiate, anzi.
    Non saprei ben definire tutto ciò: per stupida non intendo inferiorità intellettiva nei confronti degli altri, sono ben consapevole delle mie qualità, ma proprio una minore capacità di responso alle situazioni. E mi riferisco ad un ambito prettamente scolastico. A scuola non riesco a seguire con la stessa facilità, impiego il doppio nella comprensione di un concetto, dunque ciò richiede un maggiore sforzo sia di concentrazione che di studio. La cosa strana però è che sono convinta che sia un blocco mentale, in quanto come hai giustamente detto, non è possibile che uno stupido o uno limitato mentalmente si renda conto effettivamente della sua condizione. Come se visualizzassi un muro: e se avessi gli strumenti per abbatterlo, potrei accedere ad una vastità di conoscenza. Premetto che da piccola ero appunto molto svelta e rapida nell’imparare e lo studio non ha mai richiesto tanto tempo, anzi.

  5. 15
    Abbey High -

    mi sento nello stesso identico modo da quando ho iniziato l universita l anno scorso: ho subito il dolore conseguito al suicidio del mio primo amico da quando sono venuta a studiare qui in olanda, lo shock culturale, le morti di nonni e zia uno dopo l altro. ho avuto un crollo mentale a causa dello stress da studio/vita sociale che mi sembrava di non avere. adesso tutti questi sintomi hanno un enorme impatto negativo nella mia vita di tutti i giorni, soprattutto in ambito sentimentale, inratti ho iniziato da poco una relazione a distanza che non va per niente bene perche con lui non ne faccio una giusta, lo sto perdendo. vedo anche una psicologa ma non riscontro progressi per ora

  6. 16
    Yog -

    Abbey, mi piace sta cosa dell’amore a distanza che stai perdendo. Fa molto medici in prima linea.

  7. 17
    Abbey High -

    che sarcasmo sofisticato…

  8. 18
    Arianna -

    Hey ciao,sono arrivata qui credendo di incappare in qualche malattia mentale o robe del genere,sai non è da tutti sentirci come ci sentiamo noi, eppure quando ho letto ciò che state provando qui ho totalmente cambiato idea. Ho capito che è normale, qualcosa di passeggero che presto svanirá,un muro che tutti noi stiamo tentando di abbattere con tutte le nostre forze e che effettivamente,ora come ora,ci stà privando di qualcosa di importante,che sia l’amore,la felicità,la gioia,l’amicizia. Io nel mio medesimo passato ho sofferto cose abominevoli, da due abusi a quant’altro, eppure le cose che mi sono accadute non mi hanno mai minimamente toccata, al contrario delle mie situazioni a contatto con gli altri.Mi sono resa conto che effettivamente io ero lo specchio di ciò che gli altri pensavano di me e questo mi metteva a disagio.Inevitabili continue figuracce, l essere considerata seriamente una stupida,una persona orribile sia esteriormente che interiormente.A un certo punto ho incominciato a non volermi sforzare più di essere diversa da ciò che dicevano.Volevano che io fossi davvero ciò di cui parlavano?Benissimo vi renderete conto che i veri stupidi siete voi.Insomma per farla breve non fui me stessa. Grosso errore.Avevo

  9. 19
    Arianna -

    Stavo dicendo.Avevo incominciato a prenderci l abitudine, sembravo una sociopatica.Ogni parola che usciva dalla mia bocca era una bugia e per quanto queste bugie mi facevano avvicinare ai miei compagni, il muro si inspessiva e mi faceva allontanare da loro di 100 passi alla volta ma non solo,ben presto mi resi conto di cambiare modo di essere con ciascuna delle persone che frequentavo.Nessuno mi conosceva,tutti parlavano con un’altra persona creata da me stessa.Potevo fare qualsiasi cosa, nessuno mi conosceva veramente nessuno avrebbe potuto farmi del male,se non i miei genitori;loro erano fuori dalla mia vita quindi non potevano fare niente.Arrivai allo stremo.Incominciai con gli incubi(incubi veramente seri),poi l’insonnia, ogni santa sera sentivo sempre lo stesso pensiero che ripeteva ciò in cui fallivo e mi sentivo ancora più stupida.Non c’erano uscite.Arrivai ad una sera in particolare in cui mi chiesi come era iniziato tutti quel circolo vizioso e compresi che il vero motivo per cui stavo ingannando quelle persone era perche mi sentivo una stupida,insomma stavo usando la mia intelligenza solo per sentirmi superiore a loro in quel senso,convinta che ci cadessero per stupidità.Forse anche per noia,ma è difficile dirlo.Ora

  10. 20
    Arianna -

    Ora facendola breve,ho voluto spiegare tutto ció per dire che effettivamente una persone che è convinta di essere stupida,non potrebbe essere più intelligente.Gli stupidi sono coloro che non capiscono MAI il loro errore,coloro che non vi rimediano.Ma non solo, gli stupidi sono anche le persone che ti fanno sentire così.Noi siamo lo specchio di chi ci circonda,non confondere gli stati d’animo di un altra persona con i tuoi e non confondete le parole di chi vi stà attorno con chi siete realmente.Il vero stupido è colui che lo fà. In quanto alle situazioni inquanti a coloro che magari sono imbranati o hanno pochi riflessi, state tranquilli, dovete solo abituarvi e magari riprendervi dal vostro affaticamento perche è quello che non vi fà sembrare proprio svegli. Coloro che invece sentono il proprio corpo separato dalla mente e dal subconscio beh.. credo che Alice nel paese delle meraviglie chiarirà un paio di cose. Apparte gli scherzi sò come si ci sente, ma ho paura a dire che è ciò che provai durante la depressione! Grazie per aver letto spero d essere stata d aiuto.

Pagine: 1 2 3

Lascia un commento

Massimo 2 commenti per lettera alla volta

Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili