Salta i links e vai al contenuto

Mi ha lasciato senza rendersene conto

  

Ed eccomi qui a scrivere l’ennesima lettera del povero ometto innamorato che da un giorno all’altro si ritrova solo,senza più appigli e con un enorme senso di delusione e rabbia.
Un bel giorno, dopo due anni bellissimi, mi dice che dobbiamo parlare.
Parliamo, mi spiega il suo stato d’animo e ci prendiamo una pausa.
Dopo due settimana ci ritroviamo a parlare e dopo due ore di pianti e parole dolci lei mi dice che “forse” vuole continuare da sola e che “probabilmente” sta facendo la ca….a più grande della sua vita.
Io ancora una volta le ho detto che è la cosa più bella che mi sia mai capitata,che la amo oltre ogni fottuta paura.
Perchè è di questo che ha sempre vissuto, paura che prima o poi sarebbe andato tutto storto, paura di vivere liberamente il suo amore nei miei confronti, paura di se stessa.
Nel tempo ho imparato ad amare i suoi difetti al punto che ero arrivato a credere di aver finalmente trovato la ragazza della mia vita.
Mi ha lasciato con un ciao,dopo avermi ripetuto mille volte di mandarla via,dopo aver pianto ed avermi detto che forse non è quello che vuole.
In quel momento le ho detto di non tornare più indietro ma nel profondo del mio cuore,nonostante stia cercando di ponderare le cose,vorrei che mi chiamasse,si pentisse di quello che ha fatto. Io la riabbraccerei.
Ho letto una frase in questi giorni che mi ha colpito: Se ami davvero una persona lasciala andare, se tornerà da te sarà tua per sempre…
Ecco, nei miei sogni queste parole continuano a volare…

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

15 commenti a

Mi ha lasciato senza rendersene conto

Pagine: 1 2

  1. 1
    Ennesimo -

    Mi dispiace, ma non tornerà.
    Ricorda però che la vita continua

  2. 2
    kapanna -

    mi dispiace per te ma ci sono passato un anno fa’ di questi tempi.. mi lascio’ con un bacio bellissimo e tante lacrime.. dopo 10 anni di cui 7 di convivenza.. disse che si sarebbe pentita presto e che stava facendo la ca….a piu grande del mondo.. ma non torno’ mai indietro.. e dopo soli 5 giorni era gia’ felice con un altro…..
    ti auguro di no ma penso che non ritornera’ mai piu da te.. pero’ se torna sara’ tua per sempre… forse…

  3. 3
    Luna -

    @Perchè è di questo che ha sempre vissuto, paura che prima o poi sarebbe andato tutto storto, paura di vivere liberamente il suo amore nei miei confronti, paura di se stessa.

    Le hai dato qualche motivo perché avesse tutte queste paure?
    Oppure non hai fatto altro, per due anni, che rassicurare una persone che aveva paure che erano sue e basta?
    “di questo ha sempre vissuto” e quindi le ha sempre fatte vivere anche a te, senza mai tirare il fiato, senza mai (o quasi mai) vivere nel presente della relazione, nei problemi concreti?

    Poche cose sono frustranti per una persona quanto vivere una relazione che non ha margini di serenità perché l’altra persona è sempre concentrata sulle sue paure, filtra tutto attraverso le sue paure, anche quando c’è il sole pensa che la pioggia domani potrebbe cadere, e una persona che ha un pessimo rapporto con se stessa.
    Non sto dando un giudizio sulle paure, attenzione.
    Capisco che forse tu abbia potuta amarla anche di più perché la sapevi sinceramente impaurita (ansiosa, in sostanza, anche), che percepivi la sua fragilità come una cosa sincera.
    Sei stato sensibile nei suoi confronti e se così è si tratta di una cosa bella. Di un gesto d’amore.
    però vedi, queste sono paure che una persona deve affrontare e risolvere da sè, nessuno può farlo per un altro.
    Almeno provare a risolverle.
    Sono terribili quelle paure, per chi le prova.
    Ma allora che si fa?
    Quindi, mi sento di dirti che, comprendo che tu speri che torni, perché sei innamorato, ma dovresti sperare che torni un pochino più “risolta”, per se stessa e anche per te.
    Non so se sono riuscita a spiegarmi. Insieme o separati, comunque, vi auguro di essere sereni.

  4. 4
    xavier -

    ‘Dopo due settimana ci ritroviamo a parlare e dopo due ore di pianti e parole dolci lei mi dice che “forse” vuole continuare da sola e che “probabilmente” sta facendo la ca….a più grande della sua vita=
    Caro lorenzo, queste frasi ormai le conosciamo, dette e ritrite, fai una cosa sola, se ti capita di risentirla, spero di no, digli, testualmente, un po dioriginalità me la meritava, e continua dicendohli vai a cagare…..grazie.
    Rivaluta la tua storia, unilaterale……e vai avanti in giro c’e’ gente che non sta bene.

  5. 5
    silvana_1980_it_is_a_coccodrillo_world -

    Non so voi, ma provo una naturale diffidenza per tutte le persone che continuano a piangere (ma anche solo a lementarsi di qualcosa) il morto per prendere in giro il vivo.
    Non sono un insensibile.
    Piango anch’io. Al momento che c’è da piangere però, e non per lunghi periodi.
    Voglio dire…piango quando mi lascio con un ragazzo, piango se muore qualcuno…piango quando lascio un posto in cui mi trovo bene….
    Non piango però per ricattare emotivamente gli altri, e prenderli in giro.
    Perchè questo sta facendo lei con te…ti sta prenderendo in giro, ti sta facendo credere di essere dispiaciuta, ti sta facendo credere al fatto di essere dubbiosa sul fatto di andare via o meno. Quando invece ha già scelto.
    Di andarsene via.
    E’ la classica persona che si tiene aperta tante strade perchè non si sa mai….e si lamenta, in continuazione, per fare la parte della vittima delle circostanze ed essere compatita, tira fuori le lacrime al momento giusto per ostentare sincerità sul dispiacere dell’abbandono.
    Va a controllare invece cosa fa quando non la guardi..ehe!
    Non piange no, va tranquillo.
    A te la scelta se continuare a crederle, a sperare…io non lo farei. E’ una causa persa.
    A casa mia se stai male e ti lamenti di una certa situzione, cerchi di uscirne. Ti lamenti una volta, poi trovi il modo di cambiare le cose.

  6. 6
    lorenzo -

    Per due anni non ho fatto altro che amarla ogni momento,rassicurarla e cercare di capirla.
    Che altro dovevo fare?
    Ho amato a modo mio.
    La aspetto ancora nei miei sogni perchè se n’è andata da me in un momento dove stavamo benissimo,avevamo dei progetti importanti.
    Non esistevano problemi,forse la sua testa macinava già da un pò di tempo ma veramente non mi ero accorto di nulla.
    Nel momento che ci siamo lasciati mi ha detto che forse avrebbe dovuto aspettare ancora un pò,non è andata via da persona in grado di intendere e volere.
    A questo punto mi chiedo se effettivamente sia meglio così,voltare pagina ed andare avanti.
    Non credo,ci siamo lasciati da una settimana.
    Non ci siamo più sentiti,spero almeno che avrà la voglia di spiegare i suoi motivi.
    E spero che in cuor suo capisca quanto è grande il mio amore.

  7. 7
    Raganella3 -

    Già…il problema è che tante persone preferiscono lamentarsi perchè assumersi il rischio di una scelta diventa troppo difficile…comporta dei sacrifici, comporta il sentirsi dire un “No”…ecco cosa comporta scegliere.
    Però ragazzi prendiamo esempio dalle persone che guardano avanti, non indietro…dalle persone che riescono a ricominciare, anche dopo essere caduti…dalle persone che non recriminano contro gli altri ma accettano le loro decisioni e se ne fanno una ragione.
    Lorenzo, lasciala andare perchè non puoi fare altro. Non è colpa tua nè sua: probabilmente non è lei la persona giusta per te.
    Comunque apprezza il fatto che ti abbia lasciato di persona e guardandoti negli occhi…in tanti non lo fanno ed è brutto quando accade.
    C’è poco da piangere o portare rancore…c’è soltanto da prendere quella porta e andarsene verso nuovi orizzonti.

  8. 8
    Luna -

    Lorenzo, sono d’accordo con Silvana, nel senso che non importa se una persona che usa queste modalità lo fa apposta o no, ma il risultato è che davvero si creano rapporti ricattatori…

    Basta vedere il titolo della tua lettera…
    come fa una persona A LASCIARTI SENZA RENDERSENE CONTO???

    non ti pare un po’ troppo, Lorenzo?
    quindi tu ti fideresti di fare e vivere progetti a lungo termine con una persona che non si rende conto di farlo quando ti lascia???

    la verità è forse anche che un po’ questo forse è un atteggiamento che lei ha avuto con te (nascondersi dietro a una debolezza costituzionale, che però, sinceramente, ha mai provato, almeno PROVATO, a risolvere sul serio?) e al quale ormai sei assuefatto, dall’altra parte però può darsi che anche tu ogni volta che hai percepito in lei un non amarti quanto la amavi tu, non darti le sicurezze che tu le davi, eccetera eccetera, invece di guardare i fatti, di ascoltare le sensazioni, ti sei nascondo dietro al fatto: LEI NON SA QUELLO CHE DICE
    o/e NON E’ LEI CHE MI STA PARLANDO, SONO LE SUE PAURE…

    ma questa non è la verità, Lorenzo. Perché non mi pare che tu possa distinguere lei dalle sue paure, visto che dici che lei vive a braccetto con quelle paure e che filtra la sua visione del mondo attraverso quelle paure ecc.

    Insomma, nessuno sta facendo il processo a chi piange o ha delle paure… ma una relazione sana si costruisce in due, ognuno mette la sua parte, anche come individuo risolto il più possibile o che per lo meno fa uno sforzo per “risolversi”.

    finiscila di giustificarla sempre. Non giova a te e nemmeno a lei, fidati.

  9. 9
    Luna -

    Raganella:

    @Perchè è di questo che ha sempre vissuto, paura che prima o poi sarebbe andato tutto storto, paura di vivere liberamente il suo amore nei miei confronti, paura di se stessa.

    più che la descrizione di una persona che vive nel passato ecc, mi fa pensare ad una persona che ha dei problemi un pochino più radicati. Tipo di ansia, fobie, cose del genere.

    (senza offesa, Lorenzo, e non sto facendo una diagnosi, voglio dire che dicendo così tu mi hai trasmesso un’idea di questo tipo. ora, voglio dire che comunque l’ansia e le fobie si curano, o perlomeno si possono tenere sotto controllo. Però bisogna agire per farlo).

  10. 10
    psYco -

    Mah, i soliti discorsi: non vorrei… ma vado; è un errore… intanto lo faccio; me ne pentirò…. forse…
    Gente ma quando crescete? Non devi lasciarla andare, a volte è meglio se proprio la cacci.
    by psYco(R)

Pagine: 1 2

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili