Salta i links e vai al contenuto

Due mesi da quando ci siamo lasciati, due mesi terribili

  

Sono passati oltre due mesi da quando ci siamo lasciati. Sono passati oltre due mesi da quando ci siamo visti dal vivo per l’ultima volta. Sono stati due mesi terribili. Al lavoro non ho più voglia di andarci. Ci vado solo perché alla sera poi vado in palestra a sfogarmi. Ogni occasione che ho avuto per uscire l’ho colta, per tentare di distrarmi. E a dire il vero un pochino funziona, ma quando torno a casa ritorna tutta la malinconia e la frustrazione. Ho fatto degli errori, e tu non hai voluto che li correggessi perché per te era troppo tardi e perché secondo te non sarei stato me stesso… ma che vuol dire??
Vorrei che questa pagina tornasse bianca per scriverci ti amo. Punto. Come canta il mitico Jovanotti. Probabilmente a molti sembrerò patetico. Perché sono giovane. Perché devo guardare avanti. Perché di occasioni ne avrò ancora. Perché basta un po’ di tempo. Ecc ecc…
Però ora non ci riesco. Non ancora.
Non passa attimo in cui non mi chieda cosa tu stia facendo o cosa tu stia pensando. Se pensi mai a noi. O a me. Ne dubito.
E non passa giorno in cui non preghi perché ciò che è accaduto sia la cosa migliore per entrambi. Ma soprattutto per te. Perché piango al solo pensiero di averti fatta soffrire per i miei comportamenti o parole. Perché non possiamo avere una seconda possibilità?
Lo scorso week end sono andato in discoteca con dei miei amici. Sono tornato a casa tardi. Non avevo bevuto ma avevo molto sonno. A pochi chilometri da casa un colpo di sonno mi ha fatto sbattere contro il guard rail, dalla parte sinistra: ho invaso la corsia opposta. Ogni giorno che passa mi rendo conto di essere stato miracolato perché non mi sono fatto nulla, a parte la carrozzeria della mia macchina. Ma soprattutto perché non giungeva nessuno dalla parte opposta. Avrei potuto fare del male a qualcun altro, o addirittura ammazzarlo per colpa mia. E se invece fossi morto io? Solo io, intendo. Chissà cosa sarebbe successo. Ovviamente mia mamma e i miei famigliari disperati. Ovviamente articoli sul giornale e magari qualche servizio sul telegiornale sulle stragi provocate dalle discoteche. Ma lei? Lei cosa avrebbe provato?

L'autore ha scritto 3 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Me Stesso

3 commenti a

Due mesi da quando ci siamo lasciati, due mesi terribili

  1. 1
    andrea -

    comprendo il tuo dolore perche ci sono passato, e ora che sono io il carnefice, quello che anzichè essere lasciato, ha deciso di chiudere una storia di due anni lasciando, posso dirti che non sono situazioni facile da gestire nè da una parte e nè dall altra.
    quello che ti consiglio è di avere fiducia nel tempo, l amore è come fumare, bere.. crea dipendenza e quando perdi chi a
    ami subentra una sorta di crisi d astinenza.
    il tempo è l unico antidoto, il dolore che senti non puoi evitarlo, c è e te lo devi tenere! tra un po di tempo tutto sembrerà piu facile, a distanza molte delle ex che mi hanno lasciato non me le sarei riprese manco morto

  2. 2
    irenemaria -

    Caro gio1988,

    mi dispiace per la tua situazione: ci passiamo tutti.
    Io sono stata lasciata dopo 6 anni, era l’amore della mia vita.
    Tutti i giorni mi alzavo dal letto distrutta, dormivo ma non dormivo, sognavo e sognavo lui, la testa mi scoppiava e mi chiedevo se mai sarei riuscita a levarmi questo tarlo dal cervello, lui era sparito e non voleva piu saperne di me, stava e sta tutt’ora con un’altra (sono passati quasi 3 anni e sono felici insieme) e io mi tormentavo, mi tormentavo, non mangiavo, poi mangiavo troppo, ho perso tutti gli amici, ho distrutto tutto intorno a me.

    Mi sono appoggiata ai miei cari, ai miei parenti, agli unici 2 amici che mi erano rimasti, e purtroppo cercare di uscire e svagarsi non serve a niente, chi dà questo consiglio è un po’ poco profondo. Puoi andare anche in capo al mondo ma il dolore ti continuerà a seguire come un fantasma dispettoso.

    E allora che si fa?

    Si aspetta.
    Non prefissarti delle mete, non aspettarti di dimenticarla subito, non pretendere troppo. Abbandonati a questo momento, perchè non puoi far molto per combatterlo. La ami ancora, ti manca, piangi? Pazienza, fattela mancare. TU SAI che un giorno ti passerà, un giorno ti sveglierai e farai un sospiro e dirai “oh, è passato tutto”, e ti sentirai piu leggero.
    Nessuno sa dire quando succederà, forse quando ti innamorerai di nuovo ( e anche se adesso ti sembra un’eresia, fidati, che succederà, e può succedere quando meno te lo aspetti :)), forse quando capirai che la vita va avanti con o senza di lei, e la mancanza ti farà dimenticare com’era lei e com’era starci insieme. Dicono che servano 6 mesi, io ci ho messo un anno e mezzo. Magari sarai piu fortunato 🙂

    Mangia bene, se non riesci a dormire fatti una corsetta, la valeriana aiuta, conceditela per questo periodo: sembrano cavolate ma almeno il tuo fisico sarà stanco e anche se non vorrai crollerai come un bambino.
    Sei nel momento delle mille domande e dei mille perchè, ma adesso non puoi risponderti, e sai perchè? La risposta non c’è. La realtà è una: le persone cambiano, le emozioni cambiano, non vuol dire che quello tra di voi non era sincero ma quando le persone crescono, a volte prendono due percorsi diversi. Se non vuole stare a sentire quello che hai da dire, evidentemente non gliene importava abbastanza, o magari si, ma adesso non più. E’ quello che conta, ADESSO. Adesso lei non ti vuole, tu la vuoi ma lei no. Non puoi avere le persone per forza, puoi solo sperare e continuare ad aspettarla ma sei sicuro che sia la persona giusta per te? Da quanto ho capito sei molto giovane. Conservala nel tuo cuore come una importantissima esperienza, che ti servirà in futuro per relazionarti meglio con chi incontrerai.
    In bocca al lupo

  3. 3
    gio1988 -

    Bhe che dire… sono passati parecchi mesi da quando sono diventato single… non posso dire di aver superato completamente “l’abbandono” ma sicuramente ora sto meglio. Comunque in questo periodo ho pensato molto. E sono arrivato alla conclusione che si vive solo per i ricordi. Perché tutto prima o poi svanisce o termina. Magari improvvisamente, che è la cosa peggiore. Però questo non mi va bene. Sono troppi i rimorsi o i dolori che ti lasciano i ricordi rispetto le cose belle. Quindi per ora, e non so ancora per quanto, resto da solo, non voglio invaghirmi di nessuna ragazza e, giuro, farò di tutto per evitarlo. Non posso dire che non ne sento la mancanza, sarei un ipocrita. Il calore di un corpo femminile, la sua morbidezza, l’eccitazione che si prova nel starci vicino, sono sensazioni che non ho provato da nessun altra parte. Tuttora ci sono delle ragazze che mi piacciono parecchio. Ma sto reprimendo i miei sentimenti perché già due volte sono stato male. E di una terza non ne voglio proprio sapere. Si sono giovane. E molto probabilmente sembro pazzo a fare questi discorsi. Ma vedo troppe coppie che litigano, si lasciano, si separano, stanno male… E per cosa? Per qualche attimo di felicità passato insieme, restando con cosa? Con i ricordi, sempre loro… maledetti…

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili