Salta i links e vai al contenuto

Come andare avanti con meno di 1000 euro al mese?

Lettere scritte dall'autore  lauramoa

Ho già scritto su questo blog, soprattutto per questioni d’amore (ferita tra l’altro ancora aperta, visto che mi ritrovo 32enne e single non per scelta), ma stavolta il mio problema è economico.
Lo so che è sempre la solita solfa ma è così: non si riesce ad andare avanti con uno stipendio da 1065 euro al mese.. e tre figli a carico.. cosa posso fare? qualcuno conosce qualcuno che può aiutarmi o sa se potrei chiedere qualche agevolazione per la mia delicata situazione?

L'autore ha scritto 3 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Condividi su Facebook: Come andare avanti con meno di 1000 euro al mese?

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

5 commenti

  1. 1
    robinhood2 -

    Non sono a conoscenza di agevolazioni particolari (purtroppo!) per persone nella tua condizione, poi bisognerebbe vedere comune per comune. Però so che per lo meno chi ha problemi economici può contare sulle mense gestite da enti assistenziali (Caritas, francescani, ecc.) che somministrano gratuitamente i pasti, e alle quali molte persone (anche nella tua situazione, con un lavoro o una pensione, ma non sufficienti per tutto il mese) si rivolgono.
    Non è la soluzione, però per lo meno si può risparmiare parte di quanto si spende per l’alimentazione, e di questi tempi non è poco.
    A loro si possono anche chiedere abiti usati (in buone condizioni), soprattutto per i bambini.
    Insomma, se ci si organizza, avendo tu comunque delle entrate e un lavoro, credo che possa farcela a superare questa emergenza.

  2. 2
    Ari -

    Il padre dei bambini?

  3. 3
    silvia -

    problema comune

  4. 4
    Lipsia -

    Buonasera Laura, non so in che regione tu viva, però posso dirti che, i comuni ogni anno predispongono uno sportello affitti per aiutare le persone con problematiche, inoltre c’è anche il modulo Isee, che compilato, nella tua situazione ti darebbe diritto a degli sgravi sia per luce/gas/telefono, anche per i buoni pasto della scuola/asilo dei bimbi.
    Poi le condizioni variano di regione in regione, potrei darti maggiori informazioni o per lo meno tentare di averne, se potessi sapere in che regione vivi.

  5. 5
    Daniela Bigottà -

    E’ una spiegazione un po’ forfettaria, la tua. Bisognerebbe sapere se sei separata o in quali altre condizioni ti trovi visto che, il padre dei bambini, è tenuto agli alimenti. Circa il problema di per se stesso, non è così insolito, come affermi tu stessa. Mi sembra di ricordare, ma non dare la cosa per certa!, che, chi ha almeno tre figli, ha diritto ad un sussidio. Potrei però sbagliare circa il numero dei bambini. Quel che ti consiglio è di recarti presso il Servizio Sociale-Assistenziale del tuo Comune ad esporre il caso. Circa il ‘lui’ che se n’è andato, penso che, sovente, non tutto il male venga per nuocere. Sei ancora giovane e hai dunque la possibilità di trovare chi ti si addice. Sii però oculata e… affronta un problema alla volta e sempre dignitosamente. Con i migliori auguri.

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili