Salta i links e vai al contenuto

Medico di famiglia, irreperibiltà per guasto linea telefonica

Lettere scritte dall'autore  

Sono un medico di famiglia e non ho telefono in studio, quindi i miei pazienti mi contattano unicamente a casa… Da lunedì mattina ho segnalato un guasto alla mia linea telefonica, ma ancora (sono passati 3 giorni…) la linea non funziona!!!
Faccio presente di aver chiesto una certa priorità di riparazione visto il ruolo che rivesto di pubblico servizio… tra l’altro la telecom non segnala il guasto e i miei pazienti si inviperiscono perchè pensano che io non mi faccia trovare o non li richiami di proposito… questo mi è già costato una denuncia all’ASL per “irreperibilità” e numerose minacce verbali in studio, con perdita di tempo nello spiegare che non dipende da me…
Inutile dire che del danno sia di immagine che lavorativo (ricevo anche per appuntamento..) ritengo responsabile telecom e a questa mia lettera seguirà una richiesta di danni morali e materiali. Domani mattina chiamerò l’area “servizi” in quanto gli operatori non possono far niente… ma sarà mai possibile? Aspetto ancora domani mattina (lo scadere dei “3 giorni lavorativi” come ribadito dagli operatori..) e poi disdetterò la linee e proseguirò per vie legali.
Cordiali saluti.
Dott.ssa Levi Patrizia.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Consumatori - Lavoro - Salute

4 commenti

  1. 1
    Isis -

    Scusami, ma un cellulare? Se proprio non vuoi usare il tuo fatti una scheda apposita, così non avrai più la privacy casalinga turbata(sai che rogna il telefono che squilla ogni tre per due e sono assistiti e magari qualcuno di casa aspetta una telefonata..)…. mi sembra semplice se non hai telefono in studio…e pratico sarai sempre reperibile….il mio medico ha fatto così…

  2. 2
    Chiaramente -

    Ma guarda! Stavo per dire la stessa precisa identica cosa!!!

  3. 3
    Andrea -

    E perché uno dovrebbe diventare matto a comprarsi un cellulare nuovo con una scheda nuova e poi chiamare tutti i propri pazienti e spiegargli l’inettitudine di Telcom Italia, così perdendo ulteriore tempo e denaro?
    Si fa presto a dire: “Scusami, ma un cellulare?”.
    Certe situazioni bisogna viverle per capirle…
    Ciao a Tutti.
    Andrea

  4. 4
    Pietro -

    Vi chiedete perché non si fa un cellulare? Perché sarebbe troppo comodo (per i pazienti). Io sono in cura da un’altra dottoressa che in questi giorni è in ferie ed è sistituita dalla dr.ssa Levi. Pertanto il numero di casa non lo conosco… avrei necessità, da 3 giorni, di una visita domiciliare, ma come potrete immaginare devo per forza recarmi in ambulatorio non appena sarò in grado di farlo, perché non ho modo (mi stupisco nel leggere certe date…) di reperirla.
    Bel servizio pubblico.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili