Salta i links e vai al contenuto

Ma il PD è vivo?

Lettere scritte dall'autore  Francesca Fort

Buonasera, mi chiamo Francesca e sono una insegnante di 59 anni.
Dagli anni 70, già a 15 anni, all’ introduzione dei decreti delegati, ho sempre votato il PCI in tutte le sue successive trasformazioni.
Da diversi anni ormai, consapevole della pochezza delle politiche del PD, voto per i cinque stelle. Dopo queste elezioni , dopo una campagna elettorale ridicola e deprimente del PD, ho sentito Letta incolpare Conte per il risultato avvilente, senza nessun analisi personale. Ora ci sarà il congresso e si stanno già chiedendo se stringere nuovamente un accordo con il movimento o andare avanti da soli, come se questo fosse il problema o la soluzione principale. Ma il PD non ha capito che deve uscire dai salotti dei radical chic e incontrare nuovamente gli operai, gli insegnanti, la gente comune? Lo ha capito che deve ideare e stilare un programma efficace?
CHE DEVE FARE QUALCOSA DI SINISTRA?
Poi se ci saranno convergenze di obiettivi, potranno eventualmente stringere un accordo programmatico con i 5 stelle, in modo da avere i numeri per governare.
Lo scrivo a voi nella speranza che qualcuno presenti a LETTA queste mie domande e che segua qualche risposta sensata. Grazie

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Condividi: Ma il PD è vivo?

Altre sul tema

Altre nella categoria: politica

9 commenti a "Ma il PD è vivo?"

  1. 1
    white knight -

    Gentile Francesca, la risposta alla sua domanda è “NO” (E PER FORTUNA, aggiungo io).
    O meglio, è vivo ma ai livelli di un malato terminale, che vede drenare giorno dopo giorno la propria linfa ideologico-elettorale verso altri lidi.
    E’ un partito vecchio, che non rappresenta più nessuno, autoreferenziale, e la cui esistenza è ormai fine a sè stessa.
    Il paese ha bisgno di politiche sociali ed economiche per tutti e questi tutto quello che sanno fare è proporre diritti civili per gay ed immigrati.
    E, ovviamente, gridare AL LUPO (FASCISTA)…

  2. 2
    Dante -

    E speriamo che non risorge.
    L’unico problema è che siamo tra le grinfie del America di Biden, dobbiamo liberarcene!

  3. 3
    Eugen79 -

    Certo che è vivo! Nonostante la riduzione dei parlamentari, tutti i soli noti sono stati rieletti: letta, fassino, orlando, boldrini,serracchiani, zingaretti, boccia, franceschini, lorenzin…In più c’è stato spazio anche per i giovani, come il figlio di de luca o la nuova moglie di franceschini…ma cosa vuoi di più?

  4. 4
    Golem -

    È vivo? Diciamo che è vivo ma vegeta, come chi è in coma con EEG piatto. Ma che “vita” è.
    Purtroppo la Sinistra italiana ha perso da tempo ideologia, scopi e obiettivi, non produce leader carismatici, e non sa come fare cose di sinistra rivolgendosi più al ceto borghese che non al popolo.
    Milano ne è un esempio. La zona centrale, la più ricca, ha votato in coro PD. Curioso, no?
    Quindi in Italia manca COMPLETAMENTE la Sinistra. Esiste un centro neodemocristiano, in cui si colloca di fatto il PD, e una Destra, stop.
    Quindi cercasi Sinistra VERA per l’Italia.

  5. 5
    Marman -

    Concordo in massima parte col primo commento. Il PD è ancora vivo, non dimentichiamo che un 20% scarso di voti lo ha preso, però ha smarrito la strada. Attualmente, non ha alcun vero programma, salvo alcuni interventi futili in merito all’omofobia, al razzismo, agli immigrati clandestini eccetera. Oltre ovviamente, a contrastare i partiti di destra a prescindere e proclamare un inesistente ritorno del fascismo. Se vuole tornare ad avere successo, occorre appunto che si avvicini di più ai reali bisogni della società e che rediga un programma efficace e convincente. A questo aggiungo altre tre cose. 1) Letta non è la persona giusta per guidare questo partito. Meglio sostituirlo. 2) Come ha appunto osservato, attualmente non lo definirei nemmeno un partito di sinistra, ma un partito fine a sé stesso. La sinistra, quella vera, è (o meglio, era) ben altro. 3) Un’alleanza coi 5S al momento non è possibile. Troppe divergenze. Farebbero solo la figura dei poltronari entrambi.

  6. 6
    Dante -

    @Eugen79, cioè in poche parlore non ci libereremo mai di questi?
    E resteremo sotto le grinfie Dell America di Biden e l’Europa?

  7. 7
    Golem -

    No Dante, se va “male” finiremo sotto quelle di Putin. Sarà meraviglioso, vedrai.

  8. 8
    gabriele -

    Il discorso sarebbe più ampio da fare, nel senso che su 32594100, ovvero l’esatto 63,91% degli elettori, ha prevalso il centro-destra, certamente. Però. A conti fatti, in ogni caso, il PD o la compagine di centro-sinistra, hanno portato a casa un numero considerevole di voti, su una platea effettiva di circa trenta milioni di italiani, ci sono eletti, ma non vedo vincitori, poichè il centro-sinistra può ancora dire la sua, e se fosse lungimirante, sarebbe più coeso, dovrebbero capirlo, un campo largo a sinistra ci dovrebbe essere. Anche un eventuale proposta alternativa a donne di centro-destra, mi sono sempre chiesto perchè a sinistra non c’è un esponente di partito di sinistra donna? Forse pesa anche questo.

  9. 9
    ottobreb -

    Molto apprezzabile che credi ancora nella politica considerato che in questo momento storico non esistono piu’ nemmeno gli ideali di destra o di sinistra che ha conosciuto la nostra generazione.
    La storia si ripete e si ripeterà
    La Meloni non verra’ messa in condizione di governare, cadrà il governo in pochi mesi e la sinistra Letta o non Letta riprenderà il timone della politica

Lascia un commento

Massimo 2 commenti per lettera alla volta

Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'informativa sulla privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili