Salta i links e vai al contenuto

Lettera di addio a quelli che consideravo i miei migliori amici

È ufficiale. Ufficialmente si conclude qui tutto ciò che abbiamo faticosamente costruito negli ultimi 2 anni.

Anni passati a ridere e scherzare, ad aiutarci a vicenda e a creare quello che era un trio.

Per la prima volta, dopo anni, pensavo di aver trovato le persone giuste.

Che fossero state in grado di rispettarmi, così come facevo io con loro.

Rimarrà il ricordo purtroppo, così come rimarrà il ricordo di quando uno dei due ha deciso che forse era il caso di fare uno sgarbo all’altro credendo che non se ne accorgesse avendo l’appoggio e l’approvazione dell’altro.

Sgarbo dovuto all’invidia, all’idiozia di uno che ritenevo una persona matura ma che ora ritengo solo un perdente nato, uno che finalmente ha deciso di mostrarsi per quello che è realmente.

E pure di poco gusto, visto che sapevano benissimo che andando a toccare quel tasto dolente poteva succedere che una sola cosa.

Poco importa, sarò in grado di andare avanti da solo, senza più guardare indietro.

L’ho fatto per anni, lo posso fare di nuovo.

Come mi sento? Tradito e preso in giro, ma sono abituato a trovare persone che penso siano quelle giuste salvo poi scoprire che sono tutto l’opposto di quello che volevano far credere.

Nulla potrà essere più come prima, quando vedo uno dei due mi ribolle il sangue nelle vene dall’odio che ora provo per quelli che, una volta, erano i miei migliori amici.

Quindi inutile nascondersi dietro mille bugie, tentar di ricucire un rapporto che oramai si è rotto definitivamente e non si ricucirà mai e poi mai più.

Ormai il danno è fatto, il dado è tratto e cambiare ciò che è successo è ormai impossibile.

Non riesco più a guardarvi senza pensare a ciò che mi avete fatto, ciò che pensavate fosse uno “scherzo divertente” che non avrei dovuto scoprire vi è sfuggito di mano e si è ben presto tramutato in quello che non volevate che scoprissi.

Invece sì, è stato semplice come bere un bicchier d’acqua scoprire il tutto.

Una cosa della quale mi rifiuto anche di parlare, avete commesso un solo errore e questo è bastato a smascherare il tutto.

Certe cose sono difficili da buttar giù, specie se arrivano da persone a cui avevi dedicato il tuo tempo, la tua fiducia e in cui credevi che finalmente dopo anni e anni fossero le persone giuste.

Sentirsi tradito, questo è quello che odio di più.

Essere preso in giro, salvo poi far finta che nulla fosse successo e che io non sappia collegare due semplici eventi per capire chi è veramente stato.

Finisce qui. Vorrei perfino cancellare i ricordi che ho del tempo passato assieme a voi due, ma poi finirei comunque per trovarvi di nuovo e ripetere tutto da capo.

It’s over, non me la sento nemmeno di dirvi grazie per ciò che avete fatto per me, non me la sento di spendere una parola gentile a coloro che mi hanno pugnalato alle spalle.

La fiducia di una persona ci vuole tempo a guadagnarsela, ma basta un nulla per perderla.

Non so se quello che è successo l’avete fatto perché volevate vedere la mia reazione o per troncare ogni rapporto.

Forse la prima, ma avete ottenuto la seconda come effetto collaterale e irreparabile.

Spero che ora, cari L. e N., vi rendiate almeno conto di cosa avete fatto.

Questo non è un arrivederci, ma un addio.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amicizia - Me Stesso

6 commenti

  1. 1
    Gabriele -

    Difficile capire quello che è successo, se dai addosso ai tuoi amici e basta. Non dirmi che c’entra una ragazza…

  2. 2
    Esther -

    Questa lettera è un grido di aiuto, di una persona arrabbiata. Che da sola non riesce a superare il dolore per il tradimento. Perciò, sta chiedendo indirettamente ai due di rimediare. E di farlo NEL TEMPO. Senza aspettarsi nulla ora. Chi vuol capire.

  3. 3
    Bohemien82 -

    Gioia bella..impara a fidarti solo di te stesso. Un saggio una volta mi disse: “Amici amici e poi ti rubano la bici“. Vero.

  4. 4
    Yog -

    La narda è l’unica amica dell’uomo che non tradisce. In particolare di narde ne conosco bene un paio: a differenza di quel che accade con le femmine, è meglio l’amica più vecchia, anzi, stravecchia.
    Ha un colorito un po’ giallognolo, è vero, ma scoppia di salute.
    Non disprezzabile neanche l’altra amica, in fondo è bianca come noi.

  5. 5
    Bottex -

    Un gran sfogo di rabbia senza alcuna vera informazione su cosa è successo, quindi non posso dare alcun vero consiglio.
    Spero solo 2 cose. La prima è che le 2 persone in questione frequentino questo sito. Altrimenti, come capirai anche tu, questo sfogo, per quanto ben esposto e determinato, è del tutto inutile. La seconda è che quanto hai scritto non sia in realtà una richiesta di chiarimento con quelle 2 persone camuffata da scatto d’ira. Sarebbe ben poco coerente, non credi? Per il resto, posso solo dirti che se queste 2 persone ti hanno davvero mancato di rispetto in modo grave, fai bene a non volerle più vedere o frequentare. Cerca altre conoscenze. A buon rendere!

  6. 6
    Esther -

    Va bene, ma se dici che non rende questo sfogo, allora che cosa renderesti? Nulla per nulla.

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili