Salta i links e vai al contenuto

Le cose peggiori fatte con le migliori intenzioni

Buongiorno mi chiamo mattia scrivo qui per sfogarmi perché non saprei altrimenti a chi rivolgermi.
La mia storia comincia nel dicembre del 2010.
Dopo 4 anni passati con una ragazza a distanza circa 800km la mia storia finisce non senza problemi bugie e tradimenti! non da parte mia però. Comunque finisce nel ottobre 2010.
Uscito da questa storia la mia prima e unica storia d amore (ho 26 anni) .
Comincio a rifrequentarmi in tranquillità con una mia amica che conosco dalle superiori, un amica di cui ero innamoratissimo all’ epoca con la quale provai a stare assieme ma durò solo 3 mesi in cui non facemmo mai sesso ne nulla! Ero piccolo e non avevo mai avuto esperienze e non riuscimmo a fare l’ amore anche perché dopo 3 mesi in un momento in cui io ero via con amici a londra lei cominciò a farsi di eroina/cocaina in vena. Aveva problemi con i suoi genitori depressa ecc..
Comunque tornai da londra e la nostra storia si potè definire conclusa! Provai starle vicino ma avevo 17 anni all’ epoca e fui messo al secondo posto in un batter d occhio. Ci provai e riprovai ma mi sentivo come preso in giro come se non valessi niente per lei!!
Mi sentii come tradito da lei e dopo alcuni mesi la lasciai andare perché sentivo che stavo letteralmente andando fuori di testa cominciavo a pensare al suicidio. Insomma non fu un bel periodo ma la amavo e fu davvero difficile lasciarla andare per la sua strada e fare il distaccato (anche perché eravamo compagni di classe) .
Per 3 anni non ho avuto contatti con altre ragazze fino appunto alla relazione a distanza che durò appunto 4 anni.
Ho fatto un riassunto di quello che è accaduto solo per far capire un po’.
Ora comincia la mia storia. Quindi comincio ad uscire con questa ragazza e la trovo diversa non fa più uso di eroina e quindi comincio a frequentarla perché comunque è una bella persona e stare con lei mi da davvero tanto!!
Metto in chiaro che sono comunque appena uscito da una storia e non me la sento di ributtarmi in un altra.
Stiamo assieme passa un mese e lei mi dice che ha un problema con il metadone che prende da circa 2 anni a mantenimento io ci rimango abbastanza di merda e molti dei fantasmi cominciano a riaffiorare, ma nonostante questo faccio uno sforzo perché non volevo abbandonarla ancora e stare con lei mi fa sentire bene insomma cresce un sentimento e sento che nonostante le mille paure voglio starle vicino, capisco che non posso starle vicino e stare sessualmente con lei glielo comunico ma lei non vuole più vedermi se non stiamo assieme a tutti gli effetti quindi facciamo l amore e tutto insomma.
Insomma comincia questa storia mi innamoro e insieme cominciamo la disintossicazione da metadone perché comunque lei sta male e non può continuare così, pesante difficile davvero mesi di sofferenza in cui per ovvie ragioni devo starle molto vicino quindi sono sempre da lei stacco lavoro e sono da lei penso a tutto io medicine a farle da mangiare la sera quando torno a casa da lavoro dopo aver fatto 25km per andare da lei!! insomma diciamo un periodo davvero difficile ma mi faccio forza e la aiuto davvero mi dedico a lei completamente forse in un momento in cui avrei dovuto solo pensare a me stesso ma le voglio un bene assurdo e passano i mesi, 6 mesi tra alti e bassi di umore suo di dolori che pur non essendo come il primo mese condizionano la nostra relazione.
Passano i mesi lei sta meglio e cominciamo a vivere la nostra relazione a pieno anche se comunque cerco di farle capire che per me vederci tutti i giorni non è possibile perché non ce la faccio (ed essendo abituato ad un rapporto a distanza è per me la normalità non stare sempre assieme) .
A lei non va bene ma accetta questa mia decisione di vederci 3 giorni alla settimana.
Passano altri mesi e le litigate sono sempre frequenti, abbiamo sempre litigato e quando litighiamo lei sta molto male ha attacchi di panico, sta molto male insomma e io con lei di riflesso.
Continue litigate ogni settimana ce ne era una, dovute riassumendo ad esigenze di vita diverse, lei è una persona che quando ha il ragazzo ha il ragazzo e basta mette in lui tutte le sue aspettative e io mi sono sentito sovraccaricato di responsabilità come se un giorno io dovessi disilludere le sue aspettative lei sarebbe andata via di testa letteralmente.
Fino ad un punto in cui dopo l ‘ennesima litigata dopo 2 mesi che litigavamo ogni settimana io non ce la faccio più e le dico che è meglio se ci lasciamo. Anche lei stava molto male con tutte queste litigate e non era + possibile continuare così!!
Una decisione difficile perché comunque i sentimenti per lei sono forti ma mi rendo anche conto che non è veramente possibile continuare in questa situazione.
Lei vorrebbe comunque anche se non siamo più assieme continuare a vederci e fare cmq sesso fino a che uno dei 2 non si trova qualcun altro.
Ma le spiego che per me non è possibile perché non la trovo una cosa rispettosa nei confronti l uno dell’altro e soprattutto perché io non voglio nessun altra e sapendo che con il suo ex ragazzo è andata avanti 3 anni in tira e molla ed è stata molto male io non me la sento proprio di fare una cosa del genere anche se lei è davvero una bella ragazza e sessualmente mi attira come nessuna altra mai. Ma non è giusto quindi cerco di spiegarle i motivi per cui è meglio non vedersi per rispetto di un sentimento vero.
Per 2 volte ci vediamo e glielo spiego bene lei non manca di dirmi quanto sta male per questa mia decisione, mi dice che ha ricominciato con il metadone e che la vita non ha più senso! Io mi sento morire letteralmente è da 1 mese che sto male e che penso a lei come sta! Un agonia e mi sento pieno di sensi di colpa come se avessi fatto solo del male in questo anno in cui siamo stati assieme!!
A marzo comincia a lavorare spronata da me ha trovato un lavoro come servizio civile e spero che cominci il prima possibile perché stare a casa così le fa solo male, in più non ha amici perché in questo anno è sempre uscita con i miei anche se le ho detto più volte di uscire a farsi anche nuovi amici!!
Ora ho spronato i miei amici ad uscire con lei a sentirla ogni tanto ma lei non vuole l’elemosina mi dice!!
Purtroppo sento che devo stare da solo e che lei deve stare bene con se stessa trovare una sua dimensione e non essere dipendente da me.
C è il mio compleanno tra una settimana e le ho chiesto se vuole venire mi fa molto male vederla perché comunque il sentimento c’è ma volevo che fosse lei a decidere se venire o meno non volevo privarla di questa decisione anche perché così potrebbe rivedere i miei amici! Ma lei non se la sente e mi ha ricordato quanto male sta e che ha litigato con il sert e io muoio ogni volta se potessi dare un braccio per farla stare meglio glielo darei ma purtroppo non posso fare nulla se non spronare quei deficienti dei miei amici a sentirla e magari chiederle di uscire ogni tanto!!
Ma non posso fare la vittima e il carnefice allo stesso tempo, lei deve andare avanti da sola anche se per lei è difficile ma deve farlo per se stessa!!
Non so più che fare!! sento che dovrei andare da uno psicologo perché mi sento devastato (non mangio, dormo male e poco e in + ho sempre questo senso di colpa che mi divora da dentro) e colpevole di tutto quando volevo solo il suo bene!!
Le voglio un bene dell’ anima e vorrei essere l’amico che non ha in questo momento per starle vicino!!
Scusate la forma vedete questo come uno sfogo bello e buono, buttato fuori senza pensare ma semplicemente lasciando scorrere i pensieri.
Grazie.

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Me Stesso

1 commento a

Le cose peggiori fatte con le migliori intenzioni

  1. 1
    SAM -

    Non ho idea di cosa consigliarti…le persone a volte non cambiano…sta solo a te vedere se e quanta forza hai

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili