Salta i links e vai al contenuto

Lei mi ha lasciato perché non si sente pronta

Sono stato un mese con una tipa, ci volevamo bene, baci, carezze, risate. Cinque giorni fa mi ha chiesto di restituirle un libro, e io volendo fare un gesto galante vi ho inserito un bigliettino con una poesia, contenente la fatidica parola LOVE… Solo ora mi rendo conto della sfrontatezza del mio gesto.

Il giorno dopo, lei mi scrive dicendo che vuole parlare, e io le chiedo se son stato maleducato delle volte, ma lei dice di no. Quando ci incontriamo, mi spiega che non se la sente di stare con me per problemi suoi, effettivamente plausibili non c’è che dire, però mi riempie anche di complimenti.

Devo necessariamente aver fatto qualcosa che l’ha spinta ad allontanarsi, infatti in questi giorni ho sempre esitato a prenderle la mano, baciarla, cose così, perchè di fronte alla folla o agli amici nostri un pò mi vergogno un pò temo che si vergogni lei. Non sono mai stato del tutto freddo però, un contatto fisico l’ho sempre stabilito e alla fine lei ha sempre capito i miei sentimenti. Solo che sono molto insicuro con le donne, sono disinvolto a parole, dopo anni di autoanalisi, ma ancora timido nei gesti, nella cosiddetta prossemica.

Ma sono stufo di mettere a disagio le donne, ogni singolo appuntamento mi è andato in bianco e per una volta che una ragazza si infatua di me me la lascio sfuggire. Non ce la faccio, così. Mi sento veramente fuori luogo.

Sto guardando avanti, ma non vedo un buon futuro per me se continuo con queste indecisioni. Cerco un rapporto sereno ed equilibrato. 

Sono stufo di far scappare persone belle, gentili, che per me non hanno altro che modi dolci e carini. Mi sento di non essere dolce, di non essere gentile, di essere anzi un grezzo, un bambinone che rompe tutto ciò che tocca. Bene, stavolta mi sono rotto io e non riesco a riaggiustarmi.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

24 commenti

Pagine: 1 2 3

  1. 1
    Suzanne -

    Non scrivi quanti anni hai, immagino tu sia giovane. È una bella lettera, perché parte dalla tua analisi e non dal presupposto che siano gli altri sbagliati. Hai scelto la via meno comoda, ma vedrai che il tuo metterti in discussione porterà i suoi frutti, è solo una questione di sicurezza, che si acquisisce necessariamente per aggiustamenti continui. In bocca al lupo!

  2. 2
    buioingola -

    Grazie Suzanne, mi chiedo se riuscirò mai a stabilire di nuovo un legame con questa tipa. Io ci spero ma non ci investo tutto ovviamente.

  3. 3
    Gabriele2 -

    Secondo me, non hai fatto chissà che sciocchezza: ha avuto paura che già dopo un mese, si pronunciasse o scrivesse la parola “Love”.
    L’unico modo, caro buoiingola, è tornare col pensiero e lo stile di azione a prima di quel fatto e rimediare, ovviamente lasciandole dello spazio.
    Cerca di non fare l’appicicoso e vedrai che tornerà da te. Anche io mi spavento quando una ragazza dopo poco che ci conosciamo, mi fa delle coccole o apprezzamenti che si dovrebbero fare tipo 6 mesi , un anno. Non è finita ancora. Ti congedo una mia perla, che dovrebbe essere di tutti gli uomini giovani o maturi: Non è finita finchè non lo dico io. Ovviamente da intendersi in senso buono, cioè hai fatto una leggerezza che non giustifica un allontanamento, non ti sto dicendo di stalkerarla:)
    Facci sapere come va:)

  4. 4
    Rossella -

    Il tuo gesto mi è sembrato tutt’altro che sfrontato. Hai parlato di una poesia d’amore, vero? I giovani di oggi non si pongono il problema della libertà in termini pratici perché sono oberati d’impegni e di traguardi da raggiungere. Quando ti fidanzi a 18 anni il problema neanche si pone. Queste paranoie appartengono all’età adulta. Io sono sempre stata un po’ pesantuccia. Ti devo dire la verità. Pesantuccia perché mi conosco e so che per difendere la mia libertà devo scegliere. La scelta dipende dalla persona che mi trovo d’avanti. Un uomo che fa vita di società non mi fa sentire incentivata a stare sulle mie. Mi ritengo una persona abbastanza quadrata e preferisco (ho sempre preferito) evitare le situazioni. Molte cose le ho intuite. La natura umana è quella che è. Non mi voglio autoproclamare santa. Anche perché i santi sono uomini come noi che hanno trovato la maniera giusta per realizzarsi. Io mi realizzo facendo autocritica. Non alla maniera delle femministe. Evidentemente no. Sono risoluta. Non me la prendo né con me stessa né con il mondo. Non è capitata l’occasione. Tutto qui. Ma non mi considero una donna realizzata. Mi realizzo nella verità e sono serena.

  5. 5
    Rossella -

    Un uomo che si presenta a casa mia come un signore (senza gioielli, ma comunque dentro al suo ruolo) mi fa crescere davanti agli occhi dei miei genitori (i quali, per forza di cose, mi vedranno con gli stessi occhi di quando era un adolescente che stava per spiccare il volo) e non ha bisogno di controllarmi. Dal punto di vista stilistico potrei tradirmi (fare la smorfiosetta) ma finirebbe lì. Sarei molto (credimi) molto inibita. Passi per la gelosia spiccia, ma nessun attacco alla mia moralità e soprattutto nessun dubbio sulla mia capacità d’intendere e volere. Quando manca la parte dottrinale basta una somma di piccole cose a far emergere il desiderio (santo) di andare verso la vita. Per questa ragione non dobbiamo giudicare.

  6. 6
    Yog -

    “Io ci spero ma non ci investo tutto ovviamente”.
    Vabbuò, tu sei uno che quando avrà due sordi ci comprerà obbligazioni allo 0,05%.
    Su certe cose invece si deve investire tutto.
    La prossima volta infila una bottiglia di narda nella sua borsetta, vedrai come cadrà ai tuoi piedi.

    No. Non la ragazza. La borsetta.

  7. 7
    buioingola -

    Non capisco, Yogi. Cos’è la narda? Io non la ho mai fatta cadere, lei; ho sempre cercato di sostenerla, e gliel’ho anche detto più volte. Lei è una forte: non cade mai, si rialza. Ultimo punto: io non compro azioni in borsa, io sono un uomo d’azione, mi piace lavorare sodo, sudare, lottare per ciò in cui credo. È per questo che la ricontatterò, perchè credo in noi. Ho pianificato anche la data. Essendo però una persona rispettosa degli altri, dipende tutto dalla risposta di lei, e ovviamente anche da me.

  8. 8
    Suzanne -

    Buio, prova a non far nulla e vedi dove ti trascina la corrente…a volte è il miglior modo per capire.

  9. 9
    Golem -

    Hai pianificato anche la data? Allora è chiaro: sei prevedibile, che per una donna è come dire “boring”. E poi sei pure “rispettoso”. Insomma “un bravo ragazzo”,
    Se in più non conosci neppure la sacra Narda non vedo grandi prospettive, se non cercare in un oratorio.

  10. 10
    buioingola -

    Ci sta, Golem. Annoio anche me stesso.

Pagine: 1 2 3

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili