Salta i links e vai al contenuto

Lavoro depressione e suicidio

  

Da un po’ di tempo sto pensando molto al suicidio e purtroppo mi manca il coraggio di farlo. 8 mesi fa ho perso il lavoro perchè ho avuto un infarto dopo una settimana che lavoravo in prova e mo avrebbero fatto il contratto il giorno dopo che è successo il fatto. Ora ho il cuore che ogni tanto fa cilecca, mi hanno dato un invalidità che tutti dicevano sarebbe servita, invece ha solo peggiorato le cose perchè non potendo più fare determinati lavori le possibilità di trovare qualcosa si sono ridotte drasticamente e io ora dopo 8 mesi sono al limite. Sono senza un euro, ma zero, mio padre in cassa, tutto che va storto, tipo stamattina partito il boiler quindi 200 euro che non abbiamo, poi non solo mi sento già un fallito di mio ma i miei genitori che mi dicono sempre che è colpa mia, gli amici che mi fanno passare per fallito quando si esce, la mia ragazza chr secondo me uno di sti giorni mi lascia perchè sto cercando di evitare i contatti con le persone e quando qualcuno mi viene vicino che sono giù mi vengono attacchi d’ira, mi giro sempre male per poi arrivare a casa e mettermi a piangere e da qui la voglia di suicidarmi. Non so più cosa fare, ho 26 anni, sono un fallito, per di più con questo problema al cuore che proprio ci voleva, la gente intorno che non capisce e anzi gira il coltello nella piaga, tutto che va male e tanto penso che se non mi suicidio prima o poi ho un altro bel infarto secco che stavolta non mi prendono in tempo.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:

Continua a leggere lettere della categoria:   - Lavoro - Me Stesso - Salute
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

4 commenti a

Lavoro depressione e suicidio

  1. 1
    SR90 -

    Mi addolora leggere la tua lettera e mi dispiace davvero per quello che ti è successo e ti sta tuttora capitando. È normale sentirsi instabili emotivamente quando si vivono disagi così gravi, però il suicidio non è mai la risposta anche se può sembrare l’unica via d’uscita quando ci si sente al limite. Mi piacerebbe parlare ancora e ascoltarti. Se ti va fammi sapere e possiamo scambiarci le email.

  2. 2
    Gabriele -

    Cavolo infarto a vent’anni. Ma mi sembra un pò anomalo sinceramente, magari avevi qualche altra cosa, tipo i soffi al cuore. In ogni caso, se facevi lavori di fatica, ovvio e normale che quei lavori è meglio non farli, tenendo presente che anche solo per fare il magazziniere ci vuole il patentino del muletto, che arriva a costare 500€. Tutto questo per dirti che è difficile trovare lavoro, in ormai tutti i settori. Questa logica di svenarsi per lavorare non la capisco, io al tuo posto non farei mai un lavoro logorante, sono sincero. Possibile che non ci siano altri ambiti dove trovare un lavoro, magari meno pressante?

  3. 3
    donbrasc -

    Io il patentino del muletto l’avevo pagato circa 130 si chiama azienda sicura dove l’avevo fatto io qualche mese fa.Lavori non logorante potresti fare programmatore java o php o c# lavoro ce ne gli annunci sono pieni anche in italia, io sto facendo un corso java ce ne sono anche gratuiti. Altrimenti anche con autocad catia e quelle cose li penso che lavoro un po c’é. Potresti anche fare servizio civile anche se non é un lavoro vero ma comunque 433 euro al mese io l’ho fatto qualche mese poi mi sono stufato non é faticoso anzi spesso si sta a grattarsi tutto il giorno.

  4. 4
    Yog -

    200 € per un boiler??? Aprilo e cambia la resistenza, la trovi per 10 € su amazon, dai.
    Per 200 € il boiler te lo prendi nuovo, giri due bulloni e te lo attacchi da solo.
    Non ci vuole mica un cardiochirurgo.

Lascia un commento

Max 2 commenti per lettera ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili